Three outside up e down: due pattern per individuare in modo preciso le inversioni

Ultima ora

L’Italia del futuro? è questa

Il prossimo miracolo economico    Già, il futuro. E chi è in grado di prevederlo? Disegnare scenari, questo è possibile. E pensare...

Che cosa ci racconta il Vix

Venti anni in un grafico Nel periodo a ridosso della grande crisi delle dot.com, il Vix, l’indice della volatilità, noto anche come...

Scelti per te

Uscire dal triangolo

Le strategie semplici possono avere molto successo I triangoli sono fra gli schemi più comuni nel trading. Scoprite i fondamentali...

Ecco come i professionisti guadagnano con i premi al rischio sulla volatilità

Marc Gerritzen La volatilità è una classe di asset molto giovane che attira sempre più investitori in confronto alle equity,...

Procedure di Risoluzione di una Controversia

Cosa fare in caso di controversie con una banca o un broker? Molti problemi potrebbero già essere evitati con una...

Riceviamo da Money.it e pubblichiamo per i nostri lettori

La rassegna sui pattern di inversione svolta a cura di Money.it prosegue con due modelli a tre barre estremamente precisi: il Three outside up e il Three outside down.

Queste due conformazioni grafiche indicano che la tendenza in corso su un certo asset potrebbe essere pronta a terminare. Vediamo come si compongono i modelli teorici e come sfruttarli da un punto di vista operativo.

Il Three outside up si forma nel corso di un downtrend e inizia con una barra a range ristretto negativa. La seduta successiva apre in gap down, e riesce a chiudere al di sopra dell’apertura della candela precedente. L’ultima sessione deve invece presentare una close superiore ai top della seconda.

Operativamente, si potrà entrare long nella seduta successiva a quella di completamento del pattern, con stop loss individuabile al di sotto dei minimi della seconda barra e take profit calcolato con un rapporto di rischio/rendimento di 1:1,25.

Al contrario, il Three outside down si compone solitamente all’apice di un movimento bullish. La prima barra ha un range ristretto ed è positiva. La seconda sessione di contrattazioni apre in gap up, ma i venditori riescono a prendere vigore, facendo chiudere la candela al di sotto della close precedente. La terza seduta della formazione prosegue il movimento ribassista, chiudendo sotto i minimi della seconda.

Da un punto di vista prettamente operativo, si potrà effettuare uno short a partire dalla seduta successiva a quella di completamento del pattern, con stop loss individuabile al di sopra dei top della seconda barra e take profit calcolato con un rapporto di rischio/rendimento di 1:1,25.

Come si sarà certamente notato, la precisione di questi modelli deriva dalla natura del pattern, il quale è composto da un Engulfing e dalla conferma dello stesso.

Dalla Redazione di TRADERS’ Magazine

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

ATFX

Directa

Articoli Correlati