Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Orkan Kuyas

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Trading in ogni momento

Orkan Kuyas è già stato intervistato in passato su TRADERS´. A quel tempo tradava (quasi) tutto ed era il “Dieter Bohlen del Trading” che aggiungeva la sua salsa ovunque. Da allora sono successe molte cose: ora è sposato e padre orgoglioso. Ci sono stati cambiamenti non solo nella sua vita privata, ma anche nel trading. Nell’intervista parliamo di come sta tradando i mercati oggi e presentiamo alcune delle sue nuove strategie in modo più dettagliato. Poi, finiamo anche con un argomento che non ci saremmo aspettati da un trader che guarda ogni giorno i grafici a cinque minuti: la previdenza per la pensione a lungo termine… Quindi puoi aspettarti un’intervista che copre tutti i livelli temporali delle possibilità di trading in Borsa.

TRADERS´: Cosa è successo al suo trading negli ultimi anni?
Kuyas: Nel complesso, il mercato si è sviluppato molto. Naturalmente, questo mi ha anche costretto ad adeguare il mio trading. Ad esempio, dal 2017 sono sempre più attivo nel trading di flussi di ordini e ho sviluppato appositamente i miei strumenti per MetaTrader (incluso il profilo del volume di Orkan Kuyas, o VPOK in breve). Ma ho avviato anche un altro tipo di trading, quello stagionale e quello statistico, per il quale ho investito molto tempo nelle varie valutazioni manuali. E poi ho pubblicato il mio primo libro a novembre 2019, che ha venduto molto bene e quindi è riapparso poco dopo nella seconda edizione riveduta.

TRADERS´: Cosa si intende per “valutazioni manuali”? Non ha programmato dei backtest per questo?
Kuyas: No, l’ho testato davvero manualmente. Se programmi un backtest e lo lasci eseguire automaticamente attraverso le serie temporali, possono verificarsi tutti i tipi di errori o imprecisioni. Ad esempio, a volte ci sono prezzi di apertura in esso che in realtà non potrebbero essere tradati affatto e da cui il prezzo era già a miglia di distanza nel primo minuto. Ciò significherebbe un enorme slittamento, senza il cui aggiustamento il backtest può essere irrealistico. Ma scorrendo i grafici manualmente e passando tra i diversi livelli temporali, posso incorporare immediatamente tali effetti. Vedo l’effettivo corso delle operazioni e posso, ad esempio, valutare quanto fosse profonda una successiva operazione di profitto nel frattempo. Inoltre, in questo modo ho un’ottima sensazione di quando le strategie individuali hanno i loro segnali di entrata e di uscita. Questo mi aiuta ad aggiustare e migliorare piccoli dettagli o a scartare l’idea se ci sono troppe complicazioni pratiche. E soprattutto è importante: alla fine, ho una maggiore fiducia negli approcci che ho trovato buoni in questo modo che se fossero solo numeri qualsiasi di un backtest.

TRADERS´: Sembra molto lavoro, ma ci sono anche strategie speciali che non sono assolutamente disponibili per i normali backtest, può farci un esempio?
Kuyas
: Il mio approccio al trading statistico riguarda una strategia con segnali di entrata e uscita chiaramente definiti che potrebbero anche essere automatizzati. La componente umana è quindi completamente esclusa. Come per la maggior parte delle strategie statistiche, è importante che vi sia una connessione fondamentalmente coerente, secondo la quale diverse istituzioni acquistano o vendono in un determinato momento. Di conseguenza, esiste una certa probabilità che si verifichino movimenti e modelli corrispondenti nel mercato. Ad esempio, i prezzi delle azioni tendono a salire piuttosto che a scendere durante il volgere del mese. Uno dei motivi è che molti piani di risparmio e altri investimenti regolari vengono implementati all’inizio del mese e i corrispondenti flussi di cassa sul mercato. E ci sono probabilmente altre ragioni per questo effetto. In definitiva, tuttavia, è importante conoscere questo fenomeno e utilizzarlo per se stessi, ovvero attraverso l’analisi statistica di ampi set di dati per scoprire i tempi di entrata e di uscita ideali.

TRADERS´: Come si attua questa strategia in concreto?
Kuyas: Uso l’approccio dell’S&P 500 perché, secondo la mia ricerca, qui sono possibili i migliori risultati. Il corrispondente trade long viene inserito il 26 del mese all’apertura e mantenuto fino al prezzo di chiusura del quinto giorno del mese successivo. Se il giorno di entrata o di uscita cade in un giorno in cui la borsa è chiusa, verrà utilizzato il giorno successivo. Non c’è stop loss. Salto due mesi, gennaio e luglio, perché nelle mie valutazioni sono arrivato alla conclusione che la strategia non è redditizia in quei mesi. La dimensione della posizione dipende ovviamente da te, ma ti consiglio un massimo di un dollaro per punto per valore del conto di 1.000 euro. L’S&P 500 E-Mini Future (abbreviazione ES) ha un valore in punti di 50 dollari, quindi avresti bisogno di un conto con 50.000 dollari per implementare questa strategia con un future.

TRADERS´: Sembra un approccio al trading molto semplice, perché allora non lo fanno tutti?
Kuyas: Molti approcci al trading statistico sembrano incredibilmente semplici. E a causa delle specifiche fisse, non c’è spazio per l’interpretazione. Ciò rende possibile implementare queste strategie senza errori o addirittura automatizzarle. Tuttavia, i trader dovrebbero sempre valutare da soli tali approcci, ad esempio, come faccio con i back test manuali. Questo è l’unico modo per ottenere effettivamente abbastanza fiducia in un sistema statistico per continuare imperterriti dopo aver perso delle operazioni e persino dopo delle serie di perdite che prima o poi sono garantite. È proprio questa la difficoltà con questo tipo di trading! Conosco trader che tradano un sistema redditizio comprovato e continuano a perdere denaro. Ma se mancano fiducia e comprensione, la strategia migliore non serve a niente. Ma c’è un’altra spiegazione per cui la strategia ha ancora un’opportunità di profitto: i flussi di capitale nel mercato intorno all’inizio del mese sono semplicemente molto più grandi delle strategie di trading opposte che cercano di sfruttare questo modello, almeno finora.

TRADERS´: Su quali livelli di tempo stai tradando con il trading statistico appena discusso?
Kuyas: Oggi ho tre pilastri principali nel trading. Oltre al trading statistico-stagionale, mi sono sempre occupato di day trading e swing trading.

TRADERS´: E in quali mercati sta tradando?
Kuyas: Come in passato, trado il DAX e i principali indici statunitensi tramite future e CFD, ma anche titoli DAX e i principali singoli titoli statunitensi. Quando si tratta di azioni, preferisco acquistare quelle forti, come di recente Delivery Hero o Merck, invece di optare per azioni più interessanti come Lufthansa. Ma ogni tanto trado anche i warrant.

TRADERS´: Sei sempre attivo nel daytrading?
Kuyas: Non proprio. Guardo solo il grafico a un minuto per informazioni, ma lì non prendo alcuna decisione. La mia attività quotidiana funziona sul grafico a cinque minuti. Nel frattempo, sono diventato molto più efficiente. Ciò significa che ora eseguo meno spesso operazioni di scalping a breve termine in pochi secondi o minuti. Prima erano dieci o dodici operazioni al giorno. Ma siccome, come tutti, la mia capacità mentale è limitata e ora ho “già” 43 anni, ho deciso di lasciar perdere.

TRADERS´: Può parlarci delle sue strategie attuali di daytrading?
Kuyas: Si certo. Un esempio è la mia strategia Orkan-Re-Break-out (ORBO) auto-sviluppata. La strategia mi consente di entrare nel mercato con pochi rischi se la probabilità di una direzione, ovvero un trade long o short di successo, è molto alta. Lo sfondo è il fatto che agisco direttamente sulle situazioni solo in circostanze molto specifiche. Il trading breakout diretto era molto efficace, ma il mercato è cambiato nel tempo, e anche io. Coloro che in questi giorni fanno sempre trading direttamente sui breakout devono fare i conti con un numero relativamente alto di false operazioni e hanno difficoltà a ottenere un buon profitto a lungo termine. La mia strategia ORBO, d’altra parte, consente di tradare i breakout anche nell’ambiente di mercato odierno, ma di ottenere un tasso di successo significativamente più elevato con un rischio inferiore. Funziona, come suggerisce il nome, concentrandosi su una possibile ricorrenza.

TRADERS´: Sembra interessante, come avviene nel dettaglio?
Kuyas: Il principio è mostrato in figura 2. Vedete un mercato con una chiara tendenza al ribasso, che inizialmente sta passando a una fase laterale. Dopo aver testato più volte alti e bassi, il prezzo rompe, confermando il trend ribassista. Molti trader che sono andati short a questo punto hanno messo lo stop vicino all’ultimo massimo evidente. Tuttavia, dopo il breakout, il mercato si rialza in modo significativo e supera il precedente livello di breakout, così che l’intera faccenda potrebbe rivelarsi un falso breakout. Questo è il motivo per cui i nuovi acquirenti entrano prima nel mercato e supportano i prezzi in modo che ci sia un numero crescente di riallocazioni: i trader girano le loro posizioni sul lato long o almeno chiudono le loro precedenti posizioni short perché il breakout è stato messo in discussione. Ma proprio in questa situazione potrebbero esserci buone possibilità, perché tecnicamente la tendenza al ribasso è ancora intatta. Se il mercato dovesse scivolare al di sotto del supporto precedente, le posizioni long che ora sono state aggiunte dovrebbero essere chiuse nuovamente. Pertanto, quando quest’area si rompe, ci si deve aspettare un movimento più ampio e più veloce, ed è proprio questo scenario ciò che sto aspettando. I grandi vantaggi sono il rischio significativamente inferiore di entrare nel mercato rispetto al trading breakout diretto e l’elevata probabilità di una continuazione del movimento al ribasso, e quindi un trading redditizio.

TRADERS´: A quali guadagni punta con questa configurazione?
Kuyas: Con questa strategia voglio guadagnare almeno quello che rischio per operazione. Ma è anche meglio ottenere il doppio, ovvero un rapporto rischio/rendimento di 2:1. Puoi anche vedere questo caso ideale nella figura 2: dopo il breakout al ribasso, si verifica una forte svendita, che porta rapidamente il trading molto in profitto. Naturalmente, nei singoli casi non sappiamo mai con certezza se un’operazione funzionerà o meno. Ecco perché mi sono sempre fermato. Quindi tutto ciò che possiamo fare è lavorare con le probabilità e ottenere un vantaggio a lungo termine che deriva da un gran numero di operazioni. La strategia ORBO è particolarmente interessante perché i piccoli rischi sono posti su un’altissima probabilità di profitto.

TRADERS´: La strategia può essere tradata in modo redditizio anche su un livello di tempo più lungo?
Kuyas: Assolutamente. Come con molte strategie, anche il tasso di successo è leggermente migliore a livelli temporali più alti. Tuttavia, ci sono ovviamente molti meno segnali nello stesso periodo, quindi il profitto complessivo è piuttosto inferiore.

TRADERS´: Nel daytrading, in che cosa vede il vantaggio personale oltre che nelle pure strategie?
Kuyas: Penso che sia il modo in cui utilizzo sia il trading del flusso degli ordini che la tecnica di creazione di grafici. Alcuni trader ne usano solo uno e non possono fare nulla con l’altro, ma è proprio la combinazione che rende il mio stile di trading vincente. Quindi, ad esempio, mi affido a strumenti della tecnologia dei grafici come indicatori classici e ritracciamenti di Fibonacci, ma allo stesso tempo utilizzo strumenti di trading di flusso di ordini come il Volume Weighted Average Price (VWAP) e il Point of Control (POC) .

TRADERS´: Abbiamo discusso i suoi primi due pilastri, il trading statistico stagionale e il day trading, qual è la sua strategia nel terzo pilastro, lo swing trading?
Kuyas
: Qui il mio livello di tempo è nell’intervallo da giornaliero a settimananale. Scorro a mano molti grafici diversi, a partire dal grafico giornaliero. Se c’è un livello interessante che cattura immediatamente la mia attenzione, guardo i grafici settimanali e mensili per ulteriori motivi per piazzare un’operazione. È importante che almeno tre, idealmente cinque, ragioni diverse siano presenti contemporaneamente in modo che sia davvero una buona opportunità e io esegua il trade.

TRADERS´: Quali sono i motivi che cerca?
Kuyas: Fondamentalmente, presto attenzione alla tecnica grafica e ad alcuni indicatori. Alcuni esempi sono le linee di tendenza e i canali di tendenza, resistenza e supporto, gap di prezzo e ritracciamenti di Fibonacci. Per le azioni con un forte momentum, cerco principalmente correzioni di circa il 38,2 percento nel “Fibos”, un classico, molto ricercato ritracciamento di Fibonacci, poiché questa è una buona area per un’inversione di tanto in tanto. Quello che non uso affatto sono i dati fondamentali e il volume che raramente gioca un ruolo.

TRADERS´: Utilizza anche lo screener per ridurre la varietà di azioni per la prima volta utilizzando dei criteri fissi?
Kuyas: No, in realtà anche qui lavoro ancora manualmente. Ciò è dovuto anche al fatto che molto è possibile con gli screener, ma non tutto. Per restringere le migliaia di azioni in tutto il mondo, ho mercati fissi e azioni che continuo a guardare, in particolare le blue chip tedesche e le grandi azioni statunitensi.

TRADERS´: Può mostrarci un esempio del suo swing trading?
Kuyas: Il 16 marzo sono stato in grado di raccogliere SAP, un classico titolo momentum dal DAX, dopo il sell-off estremo (vedi figura 3). Mi sono reso conto che il titolo era salito bene intraday dal basso. Allo stesso tempo, si era posto come livello di supporto a lungo termine. Anche la media mobile a 300 giorni era in questo cluster. Ho mantenuto la posizione per quasi un mese e l’ho chiusa di nuovo quando ho raggiunto il ritracciamento di Fibonacci del 61,8%, anche un precedente gap di prezzo era stato chiuso lì nel grafico giornaliero.

TRADERS´: Oltre al trading ti affidi anche agli investimenti a lungo termine?
Kuyas: Assolutamente. Per la mia previdenza mi affido all’acquisto e al mantenimento di solidi valori a lungo termine. Quali siano i candidati ammissibili per questo ovviamente varia di volta in volta. Al momento sto guardando titoli come Bayer, SAP o Shell, per esempio. Li raccolgo nel modo più economico possibile e poi li lascio lì. Se il prezzo continua a scendere, comprerò anche di più invece di uscire tramite uno stop, esattamente l’opposto del trading. Tuttavia, non ho alcuna leva finanziaria qui e un orizzonte temporale lungo in cui i prezzi possono raddoppiare o triplicare. Se c’è un raddoppio, ne venderò la metà e avrò le azioni rimanenti “gratis” per sempre. Per inciso, ho anche messo a punto una strategia di investimento a lungo termine per mio figlio: un piano di risparmio in ETF e solide azioni individuali. Spero che in seguito sarà una di quelle persone che sono fondamentalmente positive riguardo alle azioni e alla cultura delle equity.

L’intervista è stata curata da Marko Gränitz

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati