La vera origine del Cigno Nero

0
101

L’impossibile plausibile della finanza.

Willem de Vlamingh era un capitano di marina olandese, grande esperto di esplorazioni.

Nel 1694, gli fu chiesto di organizzare una spedizione per ricercare la nave ammiraglia delle Compagnia Olandese delle Indie Orientali, che risultava dispersa nelle zone della costa occidentale australiana, con il suo carico di merci e 325 persone fra passeggeri ed equipaggio.

Con tre navi al suo comando, l’intraprendente Willem lasciò Amsterdam nel 1696. Il 27 ottobre di quell’anno sbarcò in Australia, scoprendo numerose nuove isole allora sconosciute.

Il centro della nostra storia è il 10 gennaio del 1697.

Quando Willem scopre il fiume Swan (ti dice niente?): lo chiama così, dopo avere osservato i cigni neri che lo popolavano in gran numero.

Il cigno nero: qualcosa che non avrebbe dovuto esistere e che invece all’improvviso comparve agli occhi dell’esploratore. Qualcosa di cui non si conosceva l’esistenza. Qualcosa che sconvolge, sorprende… forse ci arricchisce di nuova conoscenza.

Il cervello fa subito una semplificazione, se esistono i cigni, possono essere anche neri.

Ciò che regolarmente succede di fronte ad un evento imprevisto, dopo che è avvenuto diventa prevedibile, il cervello rifiuta l’imprevedibilità, rifiuta il… cigno nero.

Nessuno conosce il futuro.

Nel vasto oceano dei mercati finanziari, dove gli investitori navigano in acque turbolente, il verificarsi di eventi imprevisti può causare onde d’urto che si diffondono in lungo e in largo.

Questi eventi, noti come Cigni Neri, sfidano la saggezza convenzionale, sfidano lo status quo e lasciano un impatto duraturo sul mondo degli investimenti.

Stiamo parlando di eventi rari e imprevedibili che hanno un impatto significativo su vari aspetti della vita, compresi i mercati finanziari, le economie e la società nel suo complesso.

Il termine, in finanza, è stato coniato da Nassim Nicholas Taleb, professore di finanza e anche lui trader di Wall Street, nel suo libro “The Black Swan: The Impact of the Highly Improbable” e si riferisce all’analogia della credenza di lunga data secondo cui tutti i cigni sono bianchi, poiché i cigni neri erano considerati inesistenti fino alla loro scoperta in Australia nel 1697.

Caratterizzati dalla loro estrema rarità e natura inaspettata, gli eventi del cigno nero sfidano la saggezza convenzionale, sconvolgono le norme stabilite e spesso colgono di sorpresa individui e istituzioni.

Gli eventi del cigno nero sono considerati altamente improbabili o addirittura impossibili sulla base delle conoscenze esistenti, dei dati storici e dei modelli convenzionali.

Spesso esulano dall’ambito delle normali aspettative, rendendole difficili da prevedere o per cui prepararsi.

Tuttavia, dopo che si è verificato un evento del cigno nero, si tende a razionalizzarlo come se fosse prevedibile.

Questo pregiudizio cognitivo, noto come pregiudizio del senno di poi, può oscurare la vera natura di questi eventi e ostacolare la nostra capacità di imparare da essi.

Gli eventi del cigno nero spesso portano a un cambiamento di paradigma, sfidando teorie, modelli e credenze consolidati.

Espongono i limiti delle strategie di gestione del rischio esistenti ed evidenziano la necessità di un approccio più adattivo e robusto per affrontare l’incertezza.

Ricorda la crisi finanziaria del 2008 o gli attentati dell’11 settembre 2001 a New York. Qualcuno avrebbe potuto prevedere questi eventi?

Sebbene gli eventi Black Swan possano devastare gli investimenti, presentano anche opportunità uniche per investitori e trader astuti e lungimiranti.

Riconoscere e comprendere questi fenomeni diventa essenziale per i partecipanti al mercato che cercano di proteggere i propri portafogli e potenzialmente trarne vantaggio.

La Conoscenza superiore di sistemi di trading di altissima qualità ed affidabilità ti rende inossidabile ai Cigni Neri.

 

 

 

 

 

 

Maurizio Monti

Editore Traders’ Magazine Italia

 

P.S.: Nassim non è stato il primo a parlare di cigni neri.

Anche i filosofi romani del II secolo usavano tale termine per descrivere qualcosa di impossibile. Più tardi, nel Medioevo e nel XVI secolo, il cigno nero era una figura retorica per rappresentare qualcosa che semplicemente non esisteva.

Nel mondo conosciuto fino ad allora, il cigno era bianco. Tutti i documenti esistenti su questi animali li descrivevano come aventi piume bianche.

Un cigno nero era un’idea astratta di qualcosa che non esisteva o, secondo le conoscenze attuali, non poteva esistere.

Qualcosa di impossibile, qualcosa che contraddirebbe tutte le leggi della natura e che quindi è categoricamente escluso da qualsiasi gestione o pianificazione del rischio.

Contro tutte le aspettative dell’epoca, Willem De Vlamingh scoprì qualcosa che non avrebbe dovuto esistere: un cigno nero.

Qualcosa di inconcepibile che poi si rivela vero.

In finanza, puoi incontrare l’inconcepibile, l’impossibile plausibile… ricordi il prezzo del petrolio finito in negativo?

 

Condividi con noi la Cultura finanziaria, clicca per abbonarti subito alla nuova edizione digitale settimanale di Traders’ Magazine perché la cultura batte i mercati:

Abbonamenti TRADERS’