Cosa possono imparare i trader dagli hedge fund

0
124

Hai bisogno di un chiaro processo di lavoro. Gli hedge fund hanno una reputazione molto particolare. Sono noti per la loro ricchezza indicibile e per aver presentato al mondo gestori famosi. Ma le loro reali attività rimangono un mistero per molti. Come funzionano gli hedge fund? Come fanno i soldi? Come hanno fatto i suoi fondatori a diventare così ricchi? E, cosa più importante per tutti i trader, potrei anch’io avere lo stesso incredibile successo, ad esempio, di George Soros o Ray Dalio? In questo articolo, il l’hedge fund manager Bruce Bower fa luce su ciò che i trader al dettaglio possono imparare dagli hedge fund e dai loro gestori.

Si tratta di fare soldi, non di avere ragione

Ogni giorno le persone appaiono in televisione o sulla stampa e parlano dei loro investimenti e delle ragioni che vi stanno dietro. Sentiamo milioni di ragioni per cui qualcuno potrebbe aprire o mantenere una posizione, come “il titolo è economico”, ” ha una grande promessa a lungo termine” o ” ha un eccellente potenziale di crescita”. Non è raro che queste persone ripetano le loro ragioni più e più volte senza prestare attenzione alla performance del titolo o ai movimenti del mercato. Naturalmente è del tutto normale avere buone ragioni per il proprio investimento, e dovresti assolutamente averle. Ma non è tutto. Perché alla fine la questione è una sola: fare soldi. Un problema sorge quando persone di grande visibilità si impegnano in cattive pratiche di trading. Ad esempio, se un titolo è a buon mercato e il suo prezzo continua a scendere, un tale “esperto” a volte appare in televisione e dice: “I titoli ora sono ancora più economici, quindi ne compriamo di più per ridurre il costo medio del portafoglio.” In parole povere questo significa che: subiamo una perdita sulla posizione, ma siamo così testardi che continuiamo a buttarci dentro dei soldi. Questa affermazione nasconde abilmente la perdita e fa fare bella figura a chi parla, ma non ha nulla a che fare con la realtà. Piuttosto, la verità è che il trader ha perso denaro e la sua tesi di investimento o i tempi (o entrambi) erano sbagliati. La posizione non ha potenziale di profitto e dovrebbe essere ridotta. In un hedge fund, invece, a chi è coinvolto interessa solo una cosa: la performance. Un hedge fund è soggetto a criteri di investimento meno rigorosi e gode quindi di maggiore libertà di negoziazione. Può creare posizioni sia long che short e mantenerle a breve o lungo termine, come si desidera. Il manager paga profumatamente questa libertà, spesso con una quota degli utili. La performance dell’hedge fund dipende fortemente dal know-how e dalla qualità decisionale del gestore. Solo i migliori trader hanno l’opportunità di costruire un hedge fund. Il profilo dei requisiti di un gestore di hedge fund è estremo e gli investitori spesso si comportano in modo sleale. Se la performance non è corretta, ritirano rapidamente il loro capitale. La pressione sul successo del gestore è quindi maggiore rispetto a quella del gestore di un fondo standard. La regola più importante è che l’hedge fund deve sempre guadagnare denaro e le eventuali posizioni in perdita devono essere ridotte immediatamente, altrimenti non potrà succedere nulla.

Il tutto funziona così:

• Se il manager ha avuto l’idea giusta ma l’ha attuata troppo presto, ciò può significare solo una cosa: ha perso denaro o ha guadagnato molto meno del previsto.

• Se il gestore ha scelto un buon titolo, ma il mercato in generale non si preoccupa dei fondamentali, il gestore perderà denaro nonostante la buona scelta.

• Se il gestore è in difficoltà con una strategia short, ma il mercato finisce per muoversi in modo rialzista, significa che tale posizione avrebbe dovuto essere interrotta.

• Se il gestore ha selezionato un titolo con potenziale di crescita a lungo termine e il mercato ha reagito solo dopo molte esitazioni e nel frattempo il gestore non ha guadagnato nulla, esiste il rischio di sottoperformance rispetto all’indice di riferimento.

In un hedge fund contano solo i profitti e le perdite! E non le storielle che il manager usa per giustificare le sue azioni. Quando trova delle scuse per giustificare le sue perdite come “sono entrato in anticipo” o “il mercato semplicemente non accetta la mia impostazione” sta solo difendendo il suo ego. Ciò solleva la questione se abbia trascorso troppo tempo nei talk show o nelle riunioni di lavoro e non sia riuscito a dedicare abbastanza tempo alla performance e ad una gestione affidabile del rischio.

Cosa puoi imparare dai gestori di hedge fund?

Concentrati su ciò che conta di più. Sviluppa un flusso di lavoro strutturato e non lasciarti distrarre. Pratica una sana gestione del rischio. Non preoccuparti di avere ragione o di sembrare intelligente in TV. Concentrati sul guadagno concreto. Hai sicuramente bisogno di un flusso di lavoro chiaro. Qualcuno all’inizio della sua carriera da trader è spesso alla ricerca di qualcosa che funzioni in modo affidabile. Probabilmente sta cercando uno stile che si adatti alla sua personalità e che sia allo stesso tempo redditizio. Questa ricerca è normale da parte di un trader al dettaglio, ma è del tutto inaccettabile quando si lavora in un ambiente istituzionale. Quando avvii il tuo primo hedge fund, dovresti già sapere esattamente in quale area sei avanti rispetto alla concorrenza. Dopo aver lavorato in borsa per alcuni anni, sai cosa devi fare per guadagnare denaro in modo sostenibile. Invece di cercare per sempre finché non trovi qualcosa che funzioni, devi sfruttare con sicurezza il tuo vantaggio. Se non puoi documentare il tuo processo di trading personale, può significare solo una cosa: non sei sicuro di quale sia il tuo vantaggio competitivo. Forse non hai pensato abbastanza a come definire correttamente questo vantaggio. Forse hai semplicemente fatto un test inadeguato. Forse non hai studiato abbastanza attentamente il tuo data base per esprimere un vero giudizio? Oppure il tuo trading è diventato da tempo una questione di pura intuizione e non ne sei veramente sicuro. Tuttavia, se non hai un piano di lavoro chiaro o non puoi definirlo, ovviamente non hai alcun vantaggio. Se le condizioni di mercato sono favorevoli, puoi comunque fare abbastanza bene. In altri casi, probabilmente non hai più il controllo completo sul tuo trading. Avresti molti soldi da gestire e verrebbero gestiti da più persone.

Devono sapere esattamente cosa stai facendo con i loro soldi. Come dovresti convincere gli investitori a investire se non riesci a spiegare la tua strategia di investimento? È fondamentale avere un processo chiaro. Assumere un asset manager che specula solo utilizzando Bloomberg più l’istinto può essere redditizio, ma non è un business avvincente. Puoi anche fare un paragone con un’azienda dell’economia reale, ad esempio una tintoria. Quando consegni lì i tuoi vestiti, sai che sono in buone mani perché i rispettivi compiti sono chiaramente definiti e distribuiti. Un dipendente dell’azienda riceverà i tuoi capi di abbigliamento, ti parlerà di eventuali problemi e ti consegnerà un documento di ritiro. Un’altra persona che lavora nel retro del negozio porterà tutti i pezzi nella stanza designata per pulirli. Una terza persona li rimuove dalla macchina pulitrice e li avvolge nella pellicola in modo che siano pronti per la raccolta. Infine, una quarta persona lavora al bancone dell’ingresso, dove potrai ritirare i tuoi vestiti puliti. In ogni fase di questa attività è chiaro chi stia facendo cosa e che il piano generale sia fornire un servizio e realizzare un profitto. Perché per un fondo dovrebbe essere diverso? Dopotutto, non è altro che un business. Pertanto, come investitore o trader, devi regolare chiaramente i processi aziendali. Devi determinare dove risiede il tuo vantaggio competitivo e cercare di catturarlo per iscritto. Se non sei sicuro della formulazione, spesso c’è qualcosa che non va. A volte una lista di controllo è molto utile anche se un vantaggio competitivo risulta da diversi criteri. Successivamente è possibile utilizzare la lista di controllo per verificare se il vantaggio sia ancora intatto. È inoltre possibile definire alcune priorità. Ad esempio, se hai progettato un algoritmo che ti fornisce le migliori azioni di tendenza, la tua strategia di investimento non può farne a meno. Tale algoritmo deve essere mantenuto di tanto in tanto perché è da qui che deriva il vantaggio competitivo. È proprio questa comprensione che aiuta i gestori di hedge fund a valutare gli investimenti e a creare le proprie strategie. Se si pensa a una nuova strategia o approccio di trading e non si riesce a ridurlo a pochi punti, non ne verrà fuori nulla. La procedura aiuta anche quando si lavora con gli analisti.

Conclusione

Il funzionamento interno di un hedge fund può essere un libro chiuso, ma a un esame più attento risulta essere piuttosto banale. Con sorpresa della maggior parte degli outsider, c’è anche una vera attenzione alla gestione aziendale. In teoria, un gestore di hedge fund non si comporta molto diversamente da un investitore privato. La grande differenza sta nel processo professionale. Mentre un investitore privato potrebbe ricevere consigli di trading da una fiera del mercato azionario, il gestore di hedge fund trova lo stesso titolo attraverso il proprio processo di analisi. L’investitore privato acquista la quota e non sa nel dettaglio come gestirla. Il gestore dell’hedge fund, invece, ha scoperto questo titolo perché si adattava perfettamente al suo piano di trading standardizzato. Sa esattamente come comportarsi quando il prezzo sale, scende o rimane lo stesso. Sa esattamente quanti soldi può investire nella posizione azionaria. Il gestore degli hedge fund conosce le sue probabilità matematiche e basa i suoi calcoli su di esse.