Individuare le inversioni con la conformazione a isola

Ultima ora

S&P500: Maggio controcorrente, dove va Giugno?

Il momento della pazienza   L’ultima settimana di maggio si è chiusa ancora una volta con un rally delle borse...

Il portafoglio del buon Padre di famiglia

Una storia che deve finire   I mercati sono fenomeni complessi da interpretare. Più che cercare di prevederli, vanno...

Scelti per te

Performance Booster: successo con la gestione tattica del rischio ( 2 Parte )

Il prossimo passo evolutivo per i daytrader Nella prima parte della nostra serie di strategie di attacco (TRADERS´ 07/2019; disponibile...

NUOVA GESTIONE DEL RISCHIO PER TRADER

Terza generazione di RMS: meno rischio e più ritorni   Successo con la strategia del piano di attacco Ogni trader con l’esperienza...

Questi sono i sette migliori indicatori e strumenti

Trend-trading di successo Nel trading, è molto importante saper leggere la struttura del mercato, lo stato emotivo e l'equilibrio tra...

Riceviamo da Money.it e pubblichiamo per i nostri lettori

Prosegue la rassegna dei modelli di inversione svolta a cura di Money.it. In questa sede, approfondiremo un modello grafico tanto raro quanto efficace: la conformazione a isola. Alla base di tale figura vi è la presenza di due gap: il primo di esaurimento, il secondo di rottura (anche detto breakaway gap).

Nella versione rialzista, dopo un downtrend definito i corsi danno vita ad un gap down e iniziano a formare alcune sedute in laterale (ricordiamo che un gap down si ha quando l’apertura della seduta in corso è inferiore al minimo della sessione precedente).

Dopo alcune sessioni in trading range, le quotazioni creano un gap up che di fatto attiva il modello di reversal. Per quanto concerne i volumi, questi dovrebbero essere più elevati in prossimità dei gap e del trading range.

Da un punto di vista operativo, si potrà valutare una strategia long alla rottura dei massimi della congestione, con stop loss identificabile al di sotto dei suoi minimi e obiettivo calcolato con un rapporto di rischio-rendimento di 1:2.

Specularmente, la versione ribassista della conformazione a isola si compone all’interno di un uptrend, quando i corsi, dopo un gap up, iniziano a formare alcune sessioni in laterale, per poi mettere a segno un gap down e dare il via ad un nuovo impulso discendente. I volumi dovrebbero essere più elevati in prossimità dei gap e del trading range.

Operativamente, si potrà implementare una strategia di matrice short alla rottura dei minimi della fase laterale, con stop loss localizzato al di sopra dei suoi massimi e target calcolato con un rapporto di rischio-rendimento di 1:2.

Dalla Redazione di TRADERS’ Magazine

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

Happy borsa

Directa

Articoli Correlati