Domande per l’esperto David Warney

0
99

Cosa dovresti considerare quando sviluppi un sistema di trading?

David Warney ha 32 anni, vive a Berlino e ha un’enorme passione per il mercato azionario, il trading e l’imprenditorialità. È un trader a tempo pieno (manuale e automatizzato), relatore, autore e allo stesso tempo proprietario e amministratore delegato di diverse società del settore borsistico. (www.algo-camp.de)

TRADERS´: Ha un consiglio? Come dovrebbe iniziare un trader del mercato azionario alle prime armi se intende costruire un sistema?

Warney: Negli ultimi otto anni, lavorando con i nostri clienti presso Algo Camp, ho notato che la maggior parte dei principianti guarda solo ai rendimenti. Forse anche al drawdown massimo rispetto al passato. Secondo me questo è un grosso errore (soprattutto all’inizio). Abbiamo un grande vantaggio nell’algo trading: possiamo progettare sistemi di trading privi di avidità ed emozioni. Tuttavia, non funziona senza emozioni, ma alla fine abbiamo il controllo sul sistema di trading. Quando le nostre emozioni ribollono, possiamo chiudere il sistema o intervenire sulle posizioni con pochi clic. Nel cercare un sistema di trading adatto, consiglio ai principianti di non guardare solo il rendimento, ma di includere anche diverse cifre chiave che ci dicono qualcosa sulle emozioni. Ecco un esempio pratico: per noi la durata di una fase di stagnazione è un indicatore importante. Supponiamo che un sistema realizzi profitti da 15 anni e generi circa il 30% di rendimenti annuali. È fantastico! Ma cosa succede nella fase di stagnazione, quando le prestazioni subiscono un rallentamento nell’arco di 13 mesi? Qui dobbiamo onestamente porci la domanda: rimarrei sintonizzato e non interverrei se il mio sistema di trading si bloccasse per 13 mesi consecutivi? Se rispondiamo “no” alla domanda, il sistema di trading non è adatto a noi. Oltre alla fase di stagnazione, ci sono altri parametri a cui i principianti dovrebbero dare un’occhiata. Qual è stata la perdita maggiore, la perdita media, il tempo medio di attesa dell’operazione o quante operazioni sono state implementate? Naturalmente, alla fine è una questione di performance perché tutti noi vogliamo realizzare profitti. Tuttavia, non riusciremo mai a raggiungere questo obiettivo se le emozioni del viaggio ostacolano i nostri piani.

TRADERS´: Come scopre le sue idee strategiche? Dove vede il potenziale di profitto?

Warney: Quando si fa trading manualmente, le idee migliori arrivano direttamente dai grafici. Anche se sono un grande fan dei sistemi di trading automatico, ho i grafici aperti ogni giorno e faccio trading sui mercati anche manualmente. Durante le numerose ore allo schermo ho ripetutamente notato degli schemi nel mercato: “Se accade X, allora il mercato fa sempre Z”. Per me, questa è solitamente la pietra angolare di un sistema di trading. Altrimenti, mi piace passare molto tempo online su YouTube, X (ex Twitter), Instagram, ecc. e trarne ispirazione. Ci sono molte configurazioni che puoi controllare. Ad esempio, se leggo su X un’analisi approssimativa sulla connessione tra il prezzo del petrolio e il tempo, lascio che i nostri programmatori implementino una prima idea approssimativa. Se l’analisi approssimativa iniziale può confermare le anomalie, allora siamo lontani dall’avere un sistema di trading finito, ma il seme per un nuovo sistema è stato gettato. Poi lavoriamo ulteriormente sull’idea, la modelliamo e la verifichiamo.

TRADERS´: Dove sorgono i problemi maggiori quando si progetta un sistema di trading?

Warney: Tutte le aree di sviluppo sono molto impegnative e richiedono molto tempo. Anche ogni singola attività secondaria è importante. Anche ottenere e importare dati storici è estremamente importante. Se i dati non sono corretti o vengono importati da noi in modo errato, anche tutti i passaggi seguenti non sono corretti. Prestazioni redditizie basate su falsi dati storici non valgono assolutamente nulla. La cosa migliore che possiamo fare qui è stampare il grafico delle prestazioni e appenderlo al muro, ma non ci guadagneremo mai niente. Lo stesso vale per la programmazione, l’ottimizzazione, la valutazione, il testing. Tutto deve essere fatto in modo pulito. Trovo molto fastidiosa la fase di backtesting. Dopo ogni programmazione, regolazione e risoluzione dei problemi, il backtest deve essere eseguito nuovamente e anche analizzato. Esaminiamo le singole operazioni nel grafico e controlliamo manualmente i passaggi del sistema di trading. Non è raro ritrovarsi in un “ciclo di backtest” per alcune settimane.

TRADERS´: Cosa ne pensa dei sistemi di trading ottimizzati? C’è una cifra chiave del sistema che è particolarmente importante?

Warney: Per me personalmente la robustezza è il fattore più importante. Non intendo impostare la SMA nella strategia su 157 per ottenere lo 0,3% in più di rendimento annuo. Naturalmente, testiamo tutte le impostazioni per trovare quella “migliore”. Se la strategia richiede una SMA ed è redditizia con l’impostazione “Profondità = 150”, allora per noi è sufficiente. Quindi non guardiamo se stiamo andando meglio sul mercato con 151 o 149. Tuttavia, esaminiamo se le impostazioni scelte sono robuste. Se l’impostazione SMA selezionata di 150 è redditizia e raggiungo una media del 20% all’anno, la prestazione non dovrebbe cambiare in modo significativo con una modifica minima. Quindi con un aggiustamento della SMA a 149, 151 o 152 la performance dovrebbe essere simile. Se così non fosse e all’improvviso raggiungo solo il 4% all’anno, allora c’è qualcosa che non va nel sistema. Manca di robustezza. Con tali sistemi, puoi essere certo che la minima deviazione nel trading dal vivo (commissioni, slippage, spread, ritardi, ecc.) comporterà che il sistema di trading non operi affatto in modo redditizio.

TRADERS´: Cos’è più facile da progettare: un sistema di trend trading o un sistema di oscillatore ciclico?

Warney: Penso che sia più difficile sviluppare un sistema di trend trading. La grande sfida qui è riconoscere la tendenza il prima possibile, cioè prima che la maggior parte della essa si sia già sviluppata. La sfida è che prima cerchiamo di riconoscere una tendenza, maggiore è il rischio che non sia realmente una tendenza.

TRADERS´: Il numero di parametri di un sistema è solitamente un’indicazione di quanto sia complessa la sua struttura. Quanti parametri può avere per lei un sistema di trading?

Warney: Non esiste un numero fisso o una risposta standard. Quando gestiamo sistemi di trading completamente automatizzati, vogliamo avere il minor numero possibile di parametri regolabili. Ad esempio, potrebbe essere il volume, MagicNumber ed eventualmente gli orari di trading. Questo è già tutto. Quando si tratta di automazione completa, cerchiamo sempre di rendere tutto il più dinamico possibile. In un sistema di trading DAX, il parametro “Stop Loss” sarebbe decisamente troppo rigido in termini assoluti. Nel 2006, 100 punti nel DAX erano ancora tanti. Oggi 100 punti sarebbero sotto la media. È meglio tenere conto della fluttuazione media giornaliera. Ad esempio, nella logica dello stop loss preferiremmo sceglierne uno dinamico calcolato dall’ATR (Average True Range) (ATR * X).

TRADERS´: Cosa pensa dei sistemi di trading che contengono una componente AI? Ritiene possibile la loro superiorità a lungo termine?

Warney: Per me i sistemi di trading con una “componente AI” attualmente offerti sul mercato sono puramente di marketing. Quello che era un sistema di trading automatico è diventato improvvisamente da qualche tempo un sistema di intelligenza artificiale. È ancora un sistema di trading che implementa rigorosamente la sua strategia. Tuttavia, l’intelligenza artificiale si vende meglio nell’attuale boom. Nel complesso, la normale automazione viene rapidamente confusa con l’intelligenza artificiale. Come trader o parti interessate, non possiamo realmente verificare se l’intelligenza artificiale dei migliori fornitori sia effettivamente migliore. In primo luogo non esistono dati attendibili al riguardo e in secondo luogo non abbiamo informazioni sul codice sorgente. Dobbiamo quindi basarci sulle dichiarazioni dei fornitori. Credo che l’intelligenza artificiale diventerà una parte permanente dei sistemi. Tuttavia, non lo considero il famoso “Santo Graal”. I mercati sono guidati da noi umani. Siamo emotivi e quindi difficili da prevedere, anche per un’intelligenza artificiale.

TRADERS´: I vostri attuali sistemi di trading sono soggetti a un monitoraggio continuo, a un intervallo di manutenzione per così dire?

Warney: Sì, naturalmente! Lo ripetiamo ancora e ancora che niente è scolpito nella pietra. Un sistema di trading che offre rendimenti elevati oggi genererà molto probabilmente solo perdite tra dieci anni. Se presti attenzione ad alcuni punti durante lo sviluppo, puoi posticipare la “fine vita” di un sistema di trading. Ma tale fine non può davvero essere evitata. È quindi essenziale controllare e adeguare regolarmente i sistemi. In Algo-Camp investiamo molto tempo e denaro nello sviluppo dei sistemi e analizziamo costantemente i mercati per identificare i cambiamenti gravi il prima possibile. Il segno più semplice e chiaro che un sistema di trading non ha più alcun vantaggio sul mercato è che il drawdown massimo del passato è stato raggiunto o addirittura superato. Non hai nemmeno bisogno di un software di analisi per questo. Tuttavia, stiamo già cercando di identificare la strada per arrivarci.

Ecco un esempio di controllo standard:

Nei backtest di oltre 15 anni, uno dei nostri sistemi di trading ha implementato una media di due operazioni a settimana. La media è aumentata in modo significativo negli ultimi mesi e abbiamo raggiunto una media di quattro operazioni a settimana. Che cosa significa? Il mercato ha cambiato ritmo. Ed è cambiato così tanto da avere un impatto sul sistema. Il cambiamento può avere un impatto positivo o negativo sulla performance. Se l’impatto è negativo, allora dobbiamo esaminare come possiamo convivere con il nuovo comportamento del mercato.

 

FRISBEE
L’investimento che ritorna sempre
Come imparare da quello che fanno i grandi operatori? Come costruire strategie in opzioni ad elevata efficacia e buon rischio/rendimento?