Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444

I dati alternativi sono completamente in linea con il Trend

Ultima ora

Come investire in bitcoin su Borsa Italiana

Una novità che devi conoscere 5 Ottobre 2009: per la prima volta, veniva negoziato il bitcoin. Ci volevano 1309 bitcoin per...

Che cosa ci insegnano le elezioni americane

Lezione amara, terribile, cinica Una premessa Ho espresso in più di una occasione che la democrazia americana sta offrendo un triste spettacolo...

Scelti per te

Margine per le opzioni

L’1x1 del margine nel trading del mercato azionario In questo articolo vedremo come funziona esattamente il margine in relazione al...

I dati alternativi sono completamente in linea con il Trend

Intervista con Emmett Kilduff Emmett Kilduff è il fondatore e amministratore delegato della Eagle Alpha (www.eaglealpha.com), un affermato fornitore di...

Segnali di trading dei trader leggendari (terza parte)

Il Santo Graal secondo Linda Bradford Raschke Non c’è un trader che non lo insegua: il Santo Graal. Perlomeno all’inizio...

Intervista con Emmett Kilduff

Emmett Kilduff è il fondatore e amministratore delegato della Eagle Alpha (www.eaglealpha.com), un affermato fornitore di dati alternativi sui mercati finanziari con sede in Irlanda. Durante il periodo trascorso nel team Alpha Wise presso la Morgan Stanley a Londra, ha maturato una vasta esperienza in questo settore. Fin dalla fondazione della Eagle Alpha nel 2012, ha trasformato l’azienda in un punto di contatto per gli asset manager istituzionali alla ricerca di un vantaggio competitivo basato sui dati. Marko Gränitz ha incontrato Emmett Kilduff a Dublino e gli ha parlato del valore aggiunto dei dati alternativi, dell’esclusività di informazioni potenzialmente preziose e del perché non le ha semplicemente usate per il trading.

TRADERS’: Come descrive questo modello di business e quali benefici offrite ai vostri clienti?

Kilduff: Siamo un fornitore di dati, di ricerca e consulenza di informazioni alternative sul mercato finanziario. Questo argomento sta diventando sempre più interessante per gli asset manager (lato acquisti), in quanto la ricerca classica delle banche (lato vendite) rende sempre più difficile ottenere un vantaggio sul mercato. Quindi, invece di leggere infiniti report in PDF, è più probabile che sia il trend a trovare un set di dati davvero significativo. Questo ha anche ragioni legislative, ad esempio a causa delle linee guida MiFID II. Su richiesta, oltre ai dati puri offriamo anche ulteriori ricerche o ci occupiamo di richieste di consulenza più esaurienti.

TRADERS’: I dati da soli rappresentano solo metà della battaglia?

Kilduff: Si tratta di analizzare i dati, interpretarli correttamente e quindi elaborarli in informazioni reali. Inoltre, bisogna anche collegarli ad altri dati. Un buon esempio è la comprensione di complesse catene e reti di fornitori di grandi aziende, al fine di essere in grado di valutare rapidamente, ad esempio, se si prevedono effetti gravi quando si verificano improvvisamente problemi da qualche parte, o se addirittura un evento apparentemente delicato passa via a causa di speciali costellazioni di relazioni con i fornitori quasi senza lasciare traccia nella società.

TRADERS’: L’intera cosa va verso la direzione del Big Data. Ci sono dei concetti convincenti in questo settore?

Kilduff: Come ovunque, ci sono ovviamente operatori di successo e di minor successo. Nel complesso, c’è sicuramente una certa sopravvalutazione in termini di “Big Data” e “Intelligenza Artificiale” al momento, ma il mercato lo regolerà nel tempo.

TRADERS’: In realtà, come e dove ottenete i vostri dati?

Kilduff: La maggior parte della nostra documentazione proviene da fonti di terze parti. Con questo intendo le aziende che hanno naturalmente accumulato un gran numero di dati di clienti e fornitori nel corso degli anni e potrebbero anche non sapere che questi dati sono preziosi e rilevanti per gli outsider. Abbiamo un nostro team di cacciatori di dati che non fa altro che identificare tali fonti, valutarle e, se significative, includerle nella nostra offerta. Acquistiamo questi dati da varie fonti. Il resto dei dati proviene principalmente dal web crawling, ovvero dalla ricerca sistematica di innumerevoli siti Web che utilizzano determinati algoritmi che accedono ai dati. Esempi tipici per questo sono i dati sul sentiment dei social network e delle piattaforme Internet.

TRADERS’: Il numero delle vostre documentazioni è in continuo aumento.

Kilduff: Sì. Al momento abbiamo circa 750 set di dati alternativi in offerta provenienti da 25 diversi settori. Entro il 2020 ci dovrebbero essere circa 5000 documenti sui dati. Il mercato dei dati alternativi ha guadagnato momentum negli ultimi anni e prevediamo un ulteriore forte aumento della domanda.

TRADERS’: Può farci un esempio di com’è un tipico set di dati alternativi?

Kilduff: Il tutto può essere chiarito con l’esempio della Walt Disney, quando si tratta della questione di come si svilupperanno le vendite nel trimestre in corso. L’andamento delle vendite ha sicuramente un impatto significativo sul prezzo delle azioni ed è quindi interessante per gli investitori. C’è anche la possibilità di acquistare da noi dati di geolocalizzazione. Provengono da varie piattaforme e applicazioni utilizzate sugli smartphone e forniscono informazioni su quante persone sono state nei rispettivi parchi durante un determinato periodo di tempo e su come si sta sviluppando il trend. Sulla base dei prezzi medi di ammissione è possibile calcolare approssimativamente come sta andando nel complesso la società.

TRADERS’: Quale potrebbe essere un set di dati alquanto esotico?

Kilduff: Ci sono alcune documentazioni piuttosto uniche. Ciò include, ad esempio, il numero di determinate società di voli charter tra determinate località. Se la frequenza di determinate rotte aumenta, è possibile concludere possibili trattative tra le rispettive compagnie situate nella zona. Ciò spazia da semplici rapporti con i fornitori, a collaborazioni e possibili acquisizioni. Qui c’è ovviamente spazio per l’interpretazione, ma i dati sono molto richiesti.

TRADERS’: E per quanto riguarda l’esclusività della documentazione dei vostri dati? Alcuni dei vostri clienti non hanno interesse a ottenere solo per sé certi dati in modo da poter mantenere un vantaggio competitivo?

Kilduff: Questa è una domanda legittima perché, come tutti sappiamo, l’alfa disponibile nei mercati è limitata. Fondamentalmente, tuttavia, non è il caso di offrire solo documentazioni di dati a singoli clienti solvibili. Ciò ha anche a che fare con il fatto che possono sorgere difficoltà legali, dal momento che un set di dati esclusivo non rappresenta informazioni disponibili al pubblico e può essere considerato come conoscenza interna. In particolare negli Stati Uniti, ci sono hedge fund piuttosto aggressivi che cercano di rivendicare le migliori fonti di informazione solo per se stessi.

TRADERS’: Qual è la vostra risposta ai clienti a cui dovete negare l’esclusività dei dati individuali?

Kilduff: Ci sono tre buoni argomenti. Innanzitutto, come ho detto, i dati sono solo metà della battaglia. Il vero valore aggiunto deriva solo dalla corretta interpretazione. In secondo luogo, la significatività dei singoli set di dati dipende sempre da quali altre informazioni vengono usate e come il tutto sia collegato. E in terzo luogo, ci sono diversi operatori del mercato con approcci decisionali diversi, da quantitativi a fondamentali e su orizzonti temporali diversi. Tutto ciò porta a renderci conto che set di dati alternativi possono avere un chiaro valore aggiunto anche se vengono utilizzati da vari operatori.

TRADERS’: Se ha dati così buoni e significativi, perché non li utilizza lei stesso e non gestisce i fondi d’investimento?

Kilduff: Quello che Eagle Alpha fa è più un business tecnologico. Io ho deciso di fare quello. Ci vogliono qualità completamente diverse per costruire un’attività di asset management e, soprattutto, per acquisire milioni di dollari per poter lavorare in modo economico e redditizio.

TRADERS’: Dove sono situati la maggior parte dei suoi clienti di tutto il mondo?

Kilduff: Negli Stati Uniti. Là, secondo la nostra esperienza, gli asset manager sono ancora i più innovativi. Ma abbiamo anche molti clienti in Europa e in Asia. Dal momento che questa intervista apparirà nell’edizione italiana, posso anche dire che abbiamo dei buoni clienti a Milano.

TRADERS’: Qual è la sua valutazione riguardo ai crescenti requisiti normativi, come la nuova normativa sulla privacy?

Kilduff: Fondamentalmente, lo vediamo in modo positivo. Il problema è che ci sono semplicemente troppe aree grigie. Delle norme chiare ci aiutano a raggiungere un chiaro orientamento strategico con la corrispondente certezza legale. Un buon esempio di area grigia è il sopraccitato web crawling. Negli Stati Uniti esiste un processo in cui LinkedIn denuncia la ricerca sul web di un fornitore di dati al di fuori dell’area di accesso. Se ci sono decisioni chiare qui, possiamo adattarci di conseguenza.

TRADERS’: In quale area della vostra offerta vede attualmente la domanda più forte?

Kilduff: Attualmente, i dati sulle transazioni sono particolarmente richiesti nell’area dei consumatori. Ci sono tre sottocategorie qui. Innanzitutto, i dati classici sull’uso delle carte di credito e debito. In secondo luogo, i dati provenienti dalle varie applicazioni mobili per transazioni sui pagamenti. E in terzo luogo, un’area nuova e interessante, i dati dei programmi di analisi della posta elettronica. Ad esempio, questi possono essere programmi antivirus che controllano gli allegati delle e-mail e registrano se si tratta di fatture e, nel migliore dei casi, da quale azienda provengono. Aggregate da una vasta base di utenti, queste informazioni sono molto preziose.

TRADERS’: Offrite documentazioni nel settore cripto?

Kilduff: Finora, a mio avviso, il mercato delle criptovalute non è stato un grosso argomento nel settore istituzionale. Pertanto non siamo più attivi in questo settore.

TRADERS’: Avete anche offerte per investitori privati?

Kilduff: No, la nostra offerta è rivolta agli asset manager istituzionali. Anche i nostri prezzi sono orientati a questo.

L’intervista è stata condotta da Marko Gränitz.

 

Il Dr. Marko Gränitz è autore e relatore nel campo delle ricerche di mercato dei capitali e intervista costantemente trader in tutto il mondo. Sul suo blog offre informazioni sulle nuove scoperte riguardanti il momentum e altre anomalie di profitto.
www.marko-momentum.de

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

Articoli Correlati