QUESTO È IL MODO PER TRADARE SUI BREAKOUT INTRADAY NEL MERCATO USA

Meir Barak è specializzato nel trading intraday dei titoli azionari statunitensi. In questo articolo, delinea il suo approccio riguardo al trading sui breakout, i cui fattori aumentano le probabilità di successo, e di come agire se il setup fallisce. Inoltre, spiega la possibilità per i trader avanzati di entrare prima dell’effettivo breakout.

Questo articolo descrive una strategia per tradare sui breakout intraday dei titoli statunitensi. L’analisi e la pianificazione vengono eseguite sul livello temporale dei grafici da 5 minuti. I swing trader possono anche regolare e tradare il concetto sul grafico giornaliero. Il trading sui breakout è una delle strategie più basilari e comunemente usate. Con questo si cerca di trarre profitto, dopo l’entrata, da un rapido movimento successivo nella direzione del breakout. È importante sottolineare, che tali breakout dinamici sono sempre tradati nella direzione della tendenza principale e mai nella direzione opposta, per poter aumentare le possibilità di successo. Dopo un movimento-breakout, si osserva spesso che esso è accompagnato da un aumento dei volumi di trading.

I meccanismi del breakout
I movimenti breakout si verificano quando la resistenza (Impostazione Long) o le linee di supporto * (Impostazione Short) vengono interrotte nel grafico. In questi punti, l’equilibrio di potere tra acquirenti e venditori può rapidamente diminuire, poiché molti operatori di mercato sono guidati da questi segni tecnici. Le linee di resistenza e di supporto sono come una diga che può trattenere l’acqua per un po’ di tempo, ma alla fine si rompe sotto la pressione delle masse d’acqua. Dal punto di vista dell’autore, i breakout sono fondamentalmente basati su profezie che si realizzano da sé. Tuttavia, questo si applica solo se effettivamente ne consegue il successivo movimento previsto. Spesso accade che fallisce e quindi si arriva ad un falso breakout. Per ridurre il tasso di errore relativamente elevato con un breakout di circa l’80 percento, dobbiamo osservare più da vicino il comportamento del titolo nel punto del breakout. Inoltre, la nostra strategia è quella di garantire di poter uscire dal trade nel miglior modo possibile anche se il breakout fallisce. Dopo tutto, un breakout non significa necessariamente un trade perdente.

Questo è il modo per riconoscere i breakout di successo
Ci sono alcuni criteri che possiamo usare per aumentare la probabilità di un potenziale breakout.

  1. Durata del consolidamento: più a lungo un titolo si consolida, più forte dovrebbe essere il breakout. Il consolidamento è, per così dire, la fonte di energia del breakout. Questo perché sempre più operatori di mercato guardano e poi rispondono all’azione, aumentando la pressione sulla proverbiale diga.
  2. Volume di trading appropriato: se il volume di un titolo è generalmente molto basso, la liquidità è bassa e rende più difficile ottenere un profitto. Se i volumi di trading sono troppo elevati, d’altro canto, i movimenti sui breakout sono spesso troppo piccoli. Pertanto, stiamo cercando specificamente titoli con un volume di scambio di oltre un milione di titoli al giorno, evitando i titoli più grandi e maggiormente tradati.
  3. La forza dei breakout passati: più forte e dinamico è stato un titolo sui breakout intraday nei giorni scorsi, più è attraente per la nostra impostazione di trading. Alcuni titoli rompono solo pochi centesimi, altri mezzo dollaro o più. Questi ultimi sono i nostri candidati preferiti.

Le regole del trade
Il punto di entrata per il breakout è chiaro. Acquistiamo un centesimo sopra il modello di consolidamento (trade long) o vendiamo un centesimo al di sotto del modello di consolidamento (trade short). L’entrata può essere effettuata per mezzo di un ordine di mercato, per assicurarsi di essere effettivamente nel movimento. Tuttavia, l’autore favorisce l’ordine stop-limit, per evitare una brutta esecuzione. Il limite lo imposta tre o quattro centesimi sopra o sotto al punto di rottura. Se si tradano titoli con un volume basso, usare sempre l’ordine stop-limit. Nel caso di titoli ad alto volume, l’ordine di mercato è di solito praticabile, poiché da quel momento esiste una maggiore liquidità. Dovremmo fissare l’obiettivo di prezzo prima del trade. Qui si tratta di valutare fino a che punto il movimento breakout è in grado di seguire il prezzo. Impostiamo questa considerazione in centesimi e non in percentuali. Per fare ciò, guardiamo al mercato in termini di direzione del movimento e forza, analizziamo la storia dei breakout precedenti negli ultimi due o tre giorni e cerchiamo il punto di forza o di debolezza complessivo del titolo nel giorno di trading in cui ci si aspetta il breakout. Positivo è il volume di trading più forte che segue il breakout. I trader esperti osservano il prezzo dopo un breakout riuscito, al fine di valutare, ad esempio, sulla base del portafoglio ordini, se le dinamiche potevano proseguire oltre all’obiettivo di prezzo previsto o se si sarebbero prosciugate prematuramente. Nel complesso, determinare l’obiettivo di prezzo è più un’arte che una scienza. Per questo motivo, i trader dovrebbero, in ogni caso, attuare una presa di profitto parziale anticipata, che rappresenta circa tre quarti della dimensione della posizione. Un obiettivo di profitto ragionevole per questo è di circa da 20 a 40 centesimi a seconda del prezzo del titolo e della situazione del grafico. Per i titoli molto costosi, il profitto parziale può essere anche di un dollaro o più. La ragione principale per la presa di profitto parziale è di produrre dei trade redditizi e non di restituire la maggior parte dei profitti al mercato. Se la posizione parziale rimanente viene quindi interrotta, abbiamo ancora un segno positivo sul conto di trading. A volte, tuttavia, questa posizione parziale può anche terminare con una mossa inaspettatamente grande e una bella vittoria extra.

Gestione del rischio
La dimensione dei trade non dovrebbe essere troppo alta, ma nemmeno troppo bassa. Dal momento che i profitti ottenibili nel trading intraday sono relativamente piccoli e nella media di circa 50 centesimi, non ha senso tradare con solo 100 titoli. Quindi, le commissioni sarebbero troppo alte e non varrebbe la pena investire il tempo necessario, anche in caso di vittoria. Inoltre, si dovrebbe tradare sempre 100 pezzi rotondi, il che significa che, in vista del nostro parziale profitto pianificato, devono essere tradati almeno 400 titoli. La prima presa di profitto avviene quindi con 300 pezzi, i titoli rimanenti possono essere lasciati nella speranza di un movimento più ampio. Se a fine giornata la posizione è molto redditizia e non ci sono date trimestrali o altre date importanti, la posizione può essere mantenuta anche per uno swing trade. Secondo l’autore, i trader dovrebbero tradare quantità fisse indipendentemente dal prezzo dei loro titoli. Un titolo da $ 20 spesso eseguirà spesso movimenti di prezzo forti come un titolo da $ 50 su un breakout di successo. Tradare in quantità uguali piuttosto che con l’approccio percentuale rende facile capire, in frazioni di secondo, come la posizione sia in profitto o in perdita per poter prendere decisioni più rapide. Nel trambusto della giornata, questo può essere un chiaro vantaggio.

Cosa accade se il breakout fallisce?
Se il prezzo cade immediatamente dopo il tentativo di breakout e raggiunge lo stop, la posizione viene chiusa con una perdita. Come regola, questo stop è di circa da 20 a 30 centesimi sotto il prezzo di entrata. L’autore favorisce gli stop mentali, che implementa solo quando il livello del prezzo è stato effettivamente violato. Ciò richiede disciplina, quindi è meglio per i principianti, per avere l’ordine saldamente nel mercato (ma attenzione ai titoli illiquidi!). Spesso il breakout fallisce solo temporaneamente senza che venga raggiunto lo stop. Qui può essere che i grandi operatori del mercato stiano cercando di spingerci fuori dal mercato. Nel corso di un movimento del mercato nel suo complesso o semplicemente nella successiva ondata di ordini per il titolo, il movimento previsto può ancora avvenire. I trader dovrebbero essere consapevoli del volume di trading, che di solito aumenta dopo un breakout di successo. Tuttavia, se ci vuole troppo tempo dopo il primo tentativo, si riducono le probabilità, dal momento che apparentemente nessun altro operatore di mercato è disposto a spingere in avanti il prezzo. In questo caso la posizione dovrebbe essere chiusa, che di solito significa solo una perdita moderata.

Acquistare prima del breakout
È anche possibile che i trader più esperti si uniscano prima dell’effettivo breakout. Questo è utile se la probabilità di un breakout di successo è stimata all’80 percento o superiore. Questo crea un miglior rapporto probabilità / rischio (CRR). Per utilizzare questa tecnica in modo redditizio, il titolo deve essere osservato attentamente nei minuti e nei secondi precedenti il breakout. Per ogni centesimo che il titolo trada prima del breakout, esaminiamo i prezzi bid e ask e i numeri corrispondenti nel portafoglio ordini. Finché il consolidamento è intatto, Bid e Ask sono in equilibrio e non abbiamo alcun vantaggio nell’entrare in anticipo. Ma se il prezzo si avvicina al punto di rottura, il portafoglio ordini si inclina verso gli acquirenti e la liquidità sul lato del venditore diminuisce, quindi la probabilità di un breakout dinamico è alta. Allo stesso tempo, il volume dei trade prima del breakout non dovrebbe essere troppo alto, in quanto sarebbe a favore di un gran numero di mani deboli, che immediatamente uscirebbero alla minima correzione. Se queste condizioni sono soddisfatte, dovremmo cogliere l’opportunità ed entrare prima dell’effettivo breakout. Ci vuole un po’ di esperienza per riconoscere tali situazioni, ma nel tempo questo può essere appreso. Tuttavia, questo metodo non è ovviamente il Santo Graal, perché anche questa valutazione può essere errata e il breakout potrebbe nemmeno verificarsi. Pertanto, si dovrebbe acquistare prima del breakout solo la metà delle dimensioni della posizione pianificata e il resto solo all’effettivo breakout.

Conclusioni
L’impostazione presentata è una delle più importanti tecniche di trading nel day trading e funziona altrettanto bene per posizioni long e short. I trade short tendono ad essere più dinamici e a correre più velocemente, con una brusca inversione in una o due ore. Il fattore decisivo nel trade breakout è la conferma di un movimento di connessione dinamico all’interno di una finestra temporale gestibile, poiché altrimenti la probabilità di un falso breakout aumenta fortemente. I trader più esperti possono migliorare il loro CRR provando, come descritto in situazioni speciali, a entrare poco prima del breakout. Al fine di aumentare il numero di trade vincenti e di rendere la strategia mentalmente più facile da tradare, in caso di successo è necessario prendere in considerazione profitti parziali maggiori.

Meir Barak

Meir Barak è un day trader professionista, autore e fondatore dei trading Rooms Tradenet online. Dal 2004, più di 16.000 persone hanno ricevuto una formazione per il trading di azioni su Tradenet. www.tradenet.de