Questi sono i sette migliori indicatori e strumenti

Ultima ora

S&P500: Maggio controcorrente, dove va Giugno?

Il momento della pazienza   L’ultima settimana di maggio si è chiusa ancora una volta con un rally delle borse...

Il portafoglio del buon Padre di famiglia

Una storia che deve finire   I mercati sono fenomeni complessi da interpretare. Più che cercare di prevederli, vanno...

Scelti per te

Performance Booster: successo con la gestione tattica del rischio ( 2 Parte )

Il prossimo passo evolutivo per i daytrader Nella prima parte della nostra serie di strategie di attacco (TRADERS´ 07/2019; disponibile...

NUOVA GESTIONE DEL RISCHIO PER TRADER

Terza generazione di RMS: meno rischio e più ritorni   Successo con la strategia del piano di attacco Ogni trader con l’esperienza...

Questi sono i sette migliori indicatori e strumenti

Trend-trading di successo Nel trading, è molto importante saper leggere la struttura del mercato, lo stato emotivo e l'equilibrio tra...

Trend-trading di successo

Nel trading, è molto importante saper leggere la struttura del mercato, lo stato emotivo e l’equilibrio tra compratori e venditori. Come trader, dobbiamo capire quando una tendenza acquisisce o perde forza per poter valutare se il successivo livello di supporto e resistenza è destinato a reggere o no, e se una tendenza andrà avanti o sta già mostrando i primi segnali di inversione. Per questo motivo diamo uno sguardo più da vicino a sette diversi indicatori e concetti di prezzo.

Onde di tendenza
L’analisi dell’onda di tendenza è la base per tutti gli altri concetti. Il prezzo è in un costante movimento a onde, e mai in linea retta. Un trader che sappia interpretare le onde impulsive (le onde nella direzione della tendenza) e le onde di correzione (movimenti di prezzo contrari alla direzione della tendenza) può trovare le informazioni più importanti direttamente nei propri grafici. I punti più importanti sono:

  • Lunghezza delle onde di tendenza. Se, ad esempio, durante una tendenza al rialzo le onde di prezzo al rialzo sono molto più lunghe dei movimenti di correzione al ribasso, questo di solito indica una tendenza forte.
  • Inclinazione delle onde di tendenza. Le tendenze moderatamente ripide indicano forza, ma le onde di tendenza paraboliche e ripide tendono a invertire la tendenza altrettanto rapidamente. Quindi è alto il pericolo che la tendenza non sia sostenibile, ma guidata da un’eccessiva euforia a breve termine.
  • Uniformità delle onde di tendenza. In una tendenza al ribasso, le onde di tendenza al ribasso dovrebbero avvenire senza molta opposizione. Diversamente, se vedi improvvisamente onde di correzione molto forti, allora questo è un segnale di avvertimento che la tendenza sta perdendo forza.

Linee di tendenza
Le linee di tendenza sono applicabili universalmente. L’angolo della linea di tendenza che aumenta durante un trend rialzista, mostra generalmente una tendenza che sta acquistando forza. Al contrario, sarebbe opportuno cercare il modo di terminare appena possibile un commercio dove gli angoli delle linee di tendenza diminuiscono. Il segnale finale di una linea di tendenza consiste nella rottura del prezzo. Ciò fornisce spesso ai trader ottimi segnali di ingresso dell’inversione di tendenza, per i quali tali linee svolgono un ruolo importante.

La struttura a candela
Molti trader analizzano le candele in modo superficiale, trascurando la cosa più importante. Tutto quello che devi fare è tenere a mente alcune cose e valutare nei grafici quanto segue:

  • Se le candele non si sovrappongono o si sovrappongono solo leggermente durante una tendenza al rialzo, significa che il prezzo sale rapidamente. Tuttavia, se le candele si sovrappongono spesso, il prezzo è molto ondeggiante.
  • Candele del prezzo lunghe, con poca o nessuna ombra, indicano che la tendenza è molto forte. Un altro buon segnale per l’aumento dei prezzi è se le candele si chiudono vicino al punto più alto.
  • Quando la dimensione della candela diminuisce durante una tendenza, è indice del suo indebolimento, poiché il prezzo, nello stesso arco di tempo, non si sposta più altrettanto lontano.

Andamento dei tentativi di inversione di tendenza
Le onde di correzione sono comuni durante una tendenza. Il modo in cui il prezzo ritorna alla direzione della tendenza originale può dirci molto sull’interesse all’acquisto e alla vendita. Se durante la tendenza al ribasso, le onde di correzione vengono spinte rapidamente verso l’alto e poi in modo aggressivo verso il basso, significa che i venditori si fiondano sul mercato appena il prezzo sale un po’ per poi vendere a un prezzo più alto. Se gli acquirenti improvvisamente spingono il prezzo ancora più in alto e il prezzo cala lentamente, può significare che la tendenza sta perdendo forza.

L’indicatore ADX
L’ADX (Average Directional Index) misura la forza del trend, ma non indica la direzione del trend. Se l’ADX cade, anche la tendenza attuale perde forza, indipendentemente dal fatto che si tratti di un trend rialzista o ribassista. Il livello di ADX è importante perché più è alto, più forte è il movimento della tendenza.

Medie mobili
Le medie mobili sono un’arma universale.

Qui vogliamo riassumere le tre applicazioni principali.

  • Distanza dalla media mobile: più il prezzo è lontano dalla media mobile, più forte è la tendenza. Spesso vengono utilizzate medie mobili a medio termine tra 20 e 50 periodi. Se il prezzo si appiattisce e si avvicina alla media mobile, la tendenza perde forza.
  • Taglio della media mobile: similmente alle linee di tendenza, i tagli della media mobile sono segnali importanti che possono indicare un’inversione di tendenza. Soprattutto le medie a lungo termine, su 100 o 200 periodi, vengono usate da molti trader, pertanto la loro rottura è un ottimo segnale.
  • Distanza tra due medie mobili: nelle fasi di trend forti, la distanza tra due medie mobili aumenta (ad esempio, in periodi superiori a 50 e 100) e la media più breve aumenta o diminuisce più velocemente dalla media più lunga. Se la tendenza perde forza, le due medie mobili si avvicinano; Se alla fine dovessero incrociarsi, questo potrebbe essere un importante segnale di inversione di tendenza.

L’indicatore RSI
L’RSI (Relative Strenght Index) è un altro importante indicatore di forza della tendenza oltre all’ADX. A differenza dell’ADX, l’RSI indica anche la direzione della tendenza. Ha valori alti o aumenta durante un trend al rialzo e scende o ha valori bassi durante una tendenza al ribasso. Finché l’RSI raggiunge nuovi picchi durante un trend positivo, significa che la tendenza sta guadagnando forza.

Diversamente, se l’RSI mostra una divergenza rispetto al prezzo, questo è spesso segnale di un’inversione di tendenza imminente. Quando l’RSI si muove solo di lato tra il livello 30 e 70, il prezzo è spesso intrappolato nella sua fase laterale o in una tendenza molto debole.

Conclusione
Determinare la forza del trend è importante per ogni trader, indipendentemente dal fatto che segua tendenze, inversioni di tendenza o trading di range. In questo articolo abbiamo presentato sette strategie su come sia possibile valutare la forza della tendenza mediante i grafici. Scegli i concetti che si adattano alle tue esigenze e integrali nella tua analisi.

 


Rolf Schlotmann

Rolf è specializzato in Forex, così come nell’analisi dei prezzi dei Futures e nelle fasi iniziali del Trend Following. Oltre ai modelli di grafici convenzionali, fa trading anche in base alle condizioni di mercato utilizzando analisi di momentum e studi di indicatori. Si è limitato ai timeframe a medio termine, come i grafici quotidiani e a 4 ore.
www.tradeciety.com

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

Happy borsa

Directa

Articoli Correlati