Rapporto sul lavoro di aprile

0
89

Rapporto sul lavoro di aprile: l’NFP aumenta di 253.000 mentre la disoccupazione diminuisce e la retribuzione oraria media aumenta

Le assunzioni negli Stati Uniti sono aumentate fino ad aprile poiché l’economia ha aggiunto 253.000 posti di lavoro nell’aprile 2023, superando le previsioni di 180.000 e dopo una revisione al ribasso di 165.000 a marzo. Secondo il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, l’occupazione ha continuato ad aumentare nei servizi professionali e nelle imprese, nell’assistenza sanitaria, nel tempo libero e nell’ospitalità e nel welfare. È anche importante notare che la variazione complessiva dell’occupazione salariata non agricola totale per febbraio e marzo è stata rivista al ribasso rispettivamente di 78.000 e 71.000, lasciando l’occupazione per i due mesi 149.000 al di sotto di quanto riportato in precedenza..

Il tasso di disoccupazione, al 3,4%, e il numero di disoccupati, a 5,7 milioni, sono cambiati poco ad aprile. Il tasso di disoccupazione ha toccato il minimo da 50 anni a gennaio ed ha oscillato tra il 3,4% ed il 3,7% da marzo 2022. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro del 62,6% e il rapporto occupazione/popolazione, al 60,4%, sono rimasti invariati nel mese di aprile. Queste misure rimangono al di sotto dei livelli precedenti alla pandemia del febbraio 2020 (rispettivamente 63,3% e 61,1%).

Dando un’occhiata più da vicino all’indagine sull’occupazione, la retribuzione oraria media, che rimane un potente indicatore dell’inflazione per la Federal Reserve, è aumentata dello 0,5% intramensile dallo 0,3% di marzo, riportando il tasso annuo al 4,4% dal precedente 4,3%. Questa particolare impressione non è di buon auspicio per la Fed nella lotta all’inflazione con due rapporti sull’inflazione in vista della riunione del FOMC del mese prossimo.

LA FEDERAL RESERVE E LA STRADA DA SEGUIRE

La riunione della FOMC non ha deluso questa settimana, poiché le continue tensioni tra le banche regionali statunitensi pesano sulla fiducia e alimentano i timori di una recessione. Il presidente della Fed Powell ha affermato di non vedere una recessione ma una crescita minuscola per gli Stati Uniti nel 2023, anche se alcuni dei suoi colleghi temono che una recessione sia inevitabile. La Fed presiede la fiducia derivata dalla forza del mercato del lavoro e dal basso tasso di disoccupazione. Tuttavia, dato il crescente nervosismo intorno alle banche regionali dalla riunione della FOMC, i timori di recessione sono aumentati e la probabilità di tagli dei tassi nel 2023 è aumentata (almeno da parte degli operatori di mercato).

La Fed non ha completamente escluso ulteriori rialzi, ma viste le recenti tensioni nel settore bancario, sembra che il picco sia stato raggiunto. Andando avanti, i dati sull’occupazione saranno di particolare interesse. Se gli Stati Uniti possono impedire che il tasso di disoccupazione aumenti troppo velocemente, potrebbero essere in grado di realizzare la visione di Powell di crescita marginale piuttosto che recessione entro il 2023. Condizioni di credito più rigide generalmente portano a una disoccupazione più elevata, motivo per cui questa è una metrica chiave per il futuro. Lo scenario da sogno dei federali idealmente sarebbe che condizioni di credito più restrittive portino a un rallentamento dell’economia per intaccare l’inflazione, vedendo solo un aumento marginale del tasso di disoccupazione.

Il dollaro stesso rimane vulnerabile mentre ci avviciniamo ai minimi da inizio anno. Con la BCE che dovrebbe continuare a salire con altre banche centrali come la RBA che negli ultimi tempi hanno assunto un tono da falco e i mercati non sono convinti del settore bancario, il dollaro potrebbe avere un’estate difficile.

 

Luis Carlos Marin Pinzon

Ingegnere industriale alla “Universidad de América” in Colombia, Senior Trade Analyst con oltre 3 anni di esperienza in operazioni e analisi di mercato. Ha conseguito corsi certificati in Trading Professionale e Trading in Borsa, Gestione e Amministrazione di Portafogli nella Borsa Valori Colombiana (BVC), Principi di Investimento, Fondamenti di ETF, Analisi Tecnica Avanzata nel Gruppo Messicano Stock Exchange (GBM) e Fondamenti di Trading e Strategie Avanzate di Trading presso il Market Traders Institute (MTI).