Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Il prima e il dopo: quando un evento rivoluziona la storia

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Imparare dalla storia

La storia del mondo non è altro che la somma delle biografie di grandi personaggi.
 
Erano circa le 22.50 di martedì 30 agosto.
 
Il New York Times fu fra i primi a pubblicare la notizia: Mikhail Gorbaciov, l’ultimo presidente dell’ex Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche, lasciava questa terra, all’età di 91 anni, nell’ospedale centrale di Mosca.
 
Caratterizzato come un leader, Gorbaciov ha trasformato il totalitarismo sovietico in un insieme di politiche socialmente ed economicamente liberali volte a riformare il sistema.
 
La sua amministrazione ha creato le condizioni per un’alleanza collaborativa est-ovest e la formazione di una società capace e libera di esprimere critiche riguardo al suo governo.
 
Circa sei anni dopo l’elezione di Gorbaciov da parte del Politburo, diverse repubbliche che componevano l’Unione Sovietica dichiararono la loro indipendenza, provocando un effetto domino tra gli stati sovietici.
 
Di conseguenza, Gorbaciov ha presieduto il crollo dell’Unione Sovietica dopo quasi settant’anni di esistenza.
 
Diversi incidenti sono indicativi di un Gorbaciov critico nei confronti della visione del comunismo sposata dai leader sovietici prima di lui.
 
Nel 1987 Gorbaciov tenne un discorso al Cremlino, definendo “imperdonabili” i crimini di Stalin e allo stesso tempo sostenendo i suoi metodi di collettivizzazione e industrializzazione.
 
Le azioni di Gorbaciov lo contrassegnano in modo interessante come un uomo che desiderava salvare, piuttosto che abbattere completamente, il sistema sovietico.
 
L’influenza di Gorbaciov ha avuto un impatto decisivo sulla storia.
 
La sua filosofia di vita e la sua personalità unica sono fattori critici per spiegare come è stato in grado di raggiungere livelli di riforma senza precedenti nel sistema sovietico e perché considerava importanti tali miglioramenti.
 
Gorbaciov sperimentò carestie e vari sforzi di collettivizzazione sotto Stalin, oltre all’occupazione nazista nel 1942 della sua città natale di Privolnoye, in Russia.
 
Nonostante ciò, Gorbaciov è stato in grado di emergere come un uomo di fiducia e ottimismo, che ha comunque mantenuto la fiducia negli altri.
 
L’università fu un punto di svolta nello sviluppo degli atteggiamenti riformisti di Gorbaciov.
 
Gli sembrava ovvio che l’era stalinista rappresentava un periodo oscuro e brutale nella storia dell’Unione Sovietica, un periodo che non soddisfaceva i bisogni del popolo e la visione comunista come avrebbe dovuto.
 
Mentre molti indicano l’atteggiamento visionario di Gorbaciov come una delle ragioni della fine dell’Unione Sovietica, non va dimenticato che le sue idee progressiste furono in realtà ciò che lo fece salire di grado.
 
Questo è importante da notare, soprattutto considerando che quando Gorbaciov divenne leader dell’Unione Sovietica, Nikita Krusciov aveva già denunciato le azioni di Stalin nel suo discorso segreto e il processo di riforma economica era già passato attraverso vari sforzi sotto Leonid Breznev.
 
Nel 1970 Gorbaciov è stato nominato leader regionale del partito e nel 1978 è stato nominato Segretario del Comitato Centrale.
 
La sua ascesa sulla scena politica è stata percepita positivamente dai suoi coetanei, con molti che lo vedevano come parte del “nuovo movimento sovietico”.
 
Gorbaciov era”, come descrive il dottor Taubman, “il prodotto ideale del comunismo: era onesto, laborioso e incorruttibile”.
 
La missione principale di Gorbaciov era in definitiva quella di democratizzare il paese; ha perseguito questo obiettivo attraverso politiche progressiste, comprese le più notevoli riforme della glasnost e della perestrojka.
 
Tuttavia, le cose iniziarono rapidamente a complicarsi.
 
Tra gli altri fattori, il programma di riforma di Gorbaciov è stato minato dalla sua ignoranza della forte forza del nazionalismo che si stava sviluppando in tutto il blocco sovietico, dai conflitti tra i partiti che non è stato in grado di sedare e da una serie di conseguenze economiche negative non intenzionali della transizione del paese da un comando all’altro.
 
Comprendere gli errori del passato aiuta a costruire un futuro più sicuro. Detto questo, lo studio costante delle nostre circostanze è un elemento chiave della nostra crescita.
 
E’ proprio dall’analisi degli errori del passato che è nato, molti anni or sono, uno dei sistemi di trading destinato a fare la storia dell’universo parallelo delle opzioni.
 
Ora che lo stiamo rendendo pubblico, la rivoluzione è iniziata: è l’evidente percezione che qualcosa di nuovo è nato nel mondo delle opzioni.
 
Il metodo ti permette di rendere flessibile il rischio/rendimento adeguandolo al tuo massimo comfort. Ti dimostriamo come fare in un imperdibile webinar andato in onda in multi-edizione.
 
Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

P.S.: Quando lo conosci, non lo abbandoni più.
 
Vieni a conoscerlo, clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

 

Ora c’è www.segnalidiborsa.com , la tua WebinarTV 24 ore, 365 giorni l’anno. È gratis, c’è sempre, quando tu lo vuoi e ti informa con un canale telegram di ogni nostro webinar che viene annunciato o pubblicato.
 
Hai quattro webinar contemporanei costantemente in onda, puoi scegliere i webinar in archivio per argomento, o ascoltare i nostri interventi dove siamo ospiti di altri.

Iscriviti al canale, sarai sempre sintonizzato con noi:

è un portale dell’Istituto Svizzero della borsa

 

 

 

Grazie a:
Redazione Instituto Espanol de la Bolsa

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati