Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Analisi del volume per professionisti

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Profondità di mercato, DOM e livello dei prezzi

La maggior parte dei trader che ha sentito parlare dell’analisi del volume o che ha recentemente iniziato a studiarlo, di solito si limita al grafico Footprint e agli indicatori più popolari come volume, delta e altri. Tuttavia, dall’altra parte degli ordini di mercato ci sono i limit order che forniscono la liquidità e la rendono disponibile sul mercato.

Questo articolo è destinato principalmente ai trader che hanno già una certa esperienza e conoscenza del trading. Lo scopo dell’articolo è di affrontare i seguenti tre punti:

* comprendere meglio la natura dei movimenti di mercato

* fare un uso migliore degli strumenti avanzati di analisi del mercato

* prendere decisioni di trading a basso rischio

Come funzionano i limit order
Lo scopo dei limit order in sospeso (pending) è di servire gli ordini di mercato da parte di acquirenti e venditori che vogliono eseguire immediatamente un trade. In pratica, tuttavia, tali ordini potrebbero essere manipolati da queste due varianti:

1. La rimozione dei limit order prima che il prezzo li raggiunga o nel momento esatto in cui il prezzo tocca questo livello.

2. Un “ordine iceberg”, che viene spesso utilizzato solo quando la parte di un ordine di grandi dimensioni è presente nel portafoglio ordini. Dopo l’esecuzione di questi limit order, una nuova piccola parte dei limit order viene immediatamente inserita nel portafoglio ordini. Questo processo continua fino a quando l’intero ordine di grandi dimensioni è stato eseguito in piccole parti.

È anche importante notare che grandi limit order nel portafoglio ordini possono appartenere sia a coloro che aprono un trade che a coloro che chiudono una posizione precedentemente aperta.

Esempio di utilizzo dell’indicatore dei livelli DOM
I dati del portafoglio ordini cambiano molto rapidamente ed è molto difficile tenere a mente tutti i prezzi. L’indicatore “DOM levels” è stato sviluppato per facilitare l’analisi del portafoglio ordini. Esso visualizza nel grafico tutte le variazioni di valore in tempo reale. Il grafico nella figura 1 mostra linee orizzontali blu e gialle di diversa larghezza: questi sono i limit order dal portafoglio ordini. Il numero 1 segna gli ordini di vendita, il numero 2 gli ordini di acquisto. L’ampia area giallo-arancione del numero 3 è un grande limit order di vendita che è stato effettuato e rimosso dopo qualche tempo. Questo consente agli utilizzatori di ATAS di analizzare la liquidità nella modalità tempo reale, identificare i livelli di supporto e resistenza e di monitorare le reazioni del prezzo quando si testano questi livelli.

Come analizzare il portafoglio ordini
Il portafoglio ordini è probabilmente uno degli strumenti meno studiati dalla maggior parte dei trader, in quanto non è facile trovare dati storici sui limit order. A differenza degli ordini di mercato eseguiti che formano la cronologia di molte piattaforme di trading, l’archiviazione dei dati del portafoglio ordini è piuttosto costosa e richiede molto spazio di archiviazione. Ciascuno degli strumenti ha la propria liquidità e il proprio carattere in termini di comportamento del trader e algoritmi di trading. Da un lato, questo rende l’analisi più difficile. Dall’altro lato, tuttavia, offre a chiunque non cerchi di evitarlo un grande vantaggio rispetto alla maggior parte dei trader che non prova nemmeno ad analizzare il portafoglio ordini. Mentre lavoravamo su questo articolo, abbiamo analizzato la cronologia di vari strumenti e abbiamo incontrato alcuni interessanti pattern di trading che vi presenteremo più avanti. Nella figura 2 ci sono molti meno ordini gialli e rossi rispetto alla figura 1, invece ci sono livelli più alti al di sotto del prezzo ai livelli DOM. Mentre sembra più logico spostarsi verso la resistenza minima, il prezzo si sposta spesso dov’era o dove c’è la liquidità. Un’altra caratteristica è la graduale scomparsa di molti grandi ordini quando il prezzo si avvicina a loro. Una coincidenza abbastanza prevedibile, perché potrebbe rispondere alla domanda su dove sia la liquidità più bassa. Sembra manipolazione, e in effetti non vi è alcun reale interesse all’acquisto o alla vendita dietro questi limit order. Sebbene i market maker siano contrattualmente obbligati a fornire liquidità sul mercato, la vera liquidità ci è ancora nascosta. In ogni caso, si dovrebbe prima prestare attenzione alle sfumature quando si analizzano i propri strumenti.

Il pattern “False Breakout”
Questo pattern di trading è abbastanza comune nel petrolio. Visivamente, sembra un falso breakout e un conseguente esaurimento di queste attività di trading. Abbiamo usato l’indicatore Big Trades per confermare questo pattern (figura 3). Il valore del volume era inferiore al valore del filtro automatico al fine di vedere chiaramente il trade aggregato al momento del breakout del livello. Ciò garantisce che il volume nel portafoglio ordini non sia stato rimosso prima del breakout e dell’esecuzione del trade. Tecnicamente avviene quanto segue:

* Breakout sotto la liquidità del portafoglio ordini

* Conferma del cluster Big Trades

* Stop del movimento breakout

* Inversione sopra il livello di rottura

Quindi, questo pattern spesso crea solo un movimento a breve termine nella direzione opposta alla direzione di breakout errata. Tuttavia, ciò accade con una probabilità piuttosto elevata e viene regolarmente eseguito un nuovo test del livello dal DOM level. Questa potrebbe essere un’ottima opportunità per i trader a breve termine di entrare nel mercato. Se si usa il grafico Bid-Ask per analizzare lo sviluppo del mercato, spesso si vedrà il volume di stop nella candela in quel momento. È anche possibile vedere come la candela viene testata prima di un movimento verso l’alto a breve termine. Se combiniamo questi due pattern, otteniamo delle buone indicazioni di una debolezza a breve termine nel venditore. La figura 4 mostra come l’attività di trading rallenta quasi immediatamente dopo la comparsa del cluster di vendita del trade di grandi dimensioni quando si tenta di superare il livello del portafoglio ordini. Una situazione analoga può essere vista sulla destra nel grafico Footprint Bid Ask Ladder: esso mostra il volume di stop in fondo alla candela e la sua conferma. Al fine di trarre conclusioni da questo, va notato ancora una volta che:

1. Questo pattern potrebbe attualmente essere utilizzato per trovare il possibile punto di inversione o l’inizio della correzione.

2. Questo pattern è spesso visto sul Crude Oil, ma ciò non significa che non compaia su altri strumenti. I future e le azioni hanno tutti il ​​loro carattere e pattern.

3. Questo pattern segnala un’inversione a breve termine, ma se si è veloci, si ha una buona opportunità di trading.

4. Per la conferma è possibile utilizzare il diagramma footpring-bid-ask e stop-cluster nelle rispettive candele.

Il pattern dell’aumento della liquidità
Assumiamo approcci a livelli forti senza conoscere la tempistica esatta. Idealmente, il prezzo dovrebbe avvicinarsi molto a un tale livello, fino a cinque tick. Ma a volte il prezzo si ferma a 20 tick di distanza e poi inverte. Il pattern dovrebbe quindi essere integrato da altri indicatori: TPO (Time Price Opportunity) e profilo. Questa combinazione è utile per creare ulteriori livelli intraday con massimo volume (Point of Control, POC). Il profilo può essere utilizzato per trovare ulteriori conferme di inversione. È necessario selezionare un periodo di 1 minuto, rendere trasparenti il ​​profilo e il background e lasciare attiva la modalità volume nelle impostazioni. Ora vediamo le caratteristiche principali di questo pattern:

1. Una liquidità molto elevata dovrebbe essere visibile.

2. Il volume dovrebbe aumentare man mano che il prezzo si sposta verso il livello definito. Possiamo vederlo dal contrasto e dal cambiamento proporzionale nel livello.

3. Se il prezzo è di circa solo 20 tick di distanza, si dovrebbero cercare ulteriori conferme nel profilo del volume.

4. Un consolidamento oltre il livello POC e la chiusura del profilo durante il periodo in corso, sarebbe un’indicazione della forza dell’acquirente.

Vediamo l’approccio del livello di supporto nel portafoglio ordini (figura 5). Diventa rosso quando ci si avvicina, il che significa che il volume sta aumentando a questo livello. Le linee viola mostrano i livelli del volume massimo di ciascun periodo di minuti. Ci sono due indicazioni della forza dell’acquirente prima che il prezzo inizi a salire, quando il prezzo ha spinto il livello del volume verso il basso e lì si è consolidato. La figura 6 mostra un secondo esempio di questo pattern, sempre con Crude Oil (CL). In questo caso, il prezzo si è avvicinato al livello ad una distanza di 26 tick. A prima vista si può vedere che il prezzo è piuttosto lontano da questo livello e che il potenziale di impatto è elevato in modo preoccupante. Allo stesso tempo, la probabilità di un movimento verso l’alto è piuttosto elevata. Tuttavia, è caratteristico di questa situazione che il volume a questo livello sia aumentato bruscamente da giallo a rosso. Il profilo ha mostrato diversi segni della forza del venditore, portando a diversi cali di prezzo a breve termine da 30 a 40 tick.

Conclusioni
Gli aspetti positivi dell’utilizzo dell’indicatore dei livelli DOM e dell’analisi del portafoglio ordini in generale sono:

1. Ottime informazioni che non sono disponibili per la maggior parte dei trader.

2. La difficile interpretazione e la mancanza di dati storici offrono vantaggi ancora più competitivi in ​​tempo reale durante il trading.

3. I pattern del comportamento dei prezzi consentono di trovare punti di entrata di trading con un rischio minimo.

4. La chiara visualizzazione dei livelli DOM semplifica molto l’analisi, sia in tempo reale, nonché in termini di dati storici.

Questi strumenti possono aiutare a diventare dei trader più efficienti. Dal punto di vista negativo, i risultati sono i seguenti:

1. È necessario raccogliere dati storici giorno dopo giorno o registrare video delle proprie sessioni online e toccare il mercato per le regolarità.

2. Spesso bisogna agire molto rapidamente perché le opportunità vanno e vengono velocemente.

3. È necessario avere una conoscenza di base dei principi di mercato e dei prezzi per essere in grado di giustificare logicamente i pattern di trading identificati.

 

Michael Burgstaller

Michael Burgstaller, nato nel 1983, è presente nel settore delle borse da sette anni e sviluppa strumenti di trading basati sul volume e lavora per ATAS. de.orderflowtrading.net

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati