Pierino e l’America Great Again

Ultima ora

S&P500: Maggio controcorrente, dove va Giugno?

Il momento della pazienza   L’ultima settimana di maggio si è chiusa ancora una volta con un rally delle borse...

Il portafoglio del buon Padre di famiglia

Una storia che deve finire   I mercati sono fenomeni complessi da interpretare. Più che cercare di prevederli, vanno...

Scelti per te

Performance Booster: successo con la gestione tattica del rischio ( 2 Parte )

Il prossimo passo evolutivo per i daytrader Nella prima parte della nostra serie di strategie di attacco (TRADERS´ 07/2019; disponibile...

NUOVA GESTIONE DEL RISCHIO PER TRADER

Terza generazione di RMS: meno rischio e più ritorni   Successo con la strategia del piano di attacco Ogni trader con l’esperienza...

Questi sono i sette migliori indicatori e strumenti

Trend-trading di successo Nel trading, è molto importante saper leggere la struttura del mercato, lo stato emotivo e l'equilibrio tra...

Grande, grande, grande

Donald Trump è andato in visita alla fabbrica della Ford.

Difficile pensare a qualcosa di più americano della Ford. Certo, oggi noi pensiamo a Google, a Facebook, ad Amazon, all’ultima arrivata Netflix. Pensiamo ai giganti del web, del digitale, perfino il coronavirus ci induce a pensare a loro, come coloro destinati a rimanere in eterno.

Ford è qualcosa di più di una fabbrica di automobili. È il luogo dove un imprenditore durissimo ma convinto ha creato un modello di capitalismo avanzato. Dove l’operaio era e doveva essere il primo cliente delle automobili che produceva.

Quel modello di capitalismo era l’America, che non aveva bisogno, ancora, di essere great again, perché great lo era e lo è sempre stata.

La fabbrica visitata da Trump è a Detroit, in quello stato del Michigan che è la roccaforte degli avversari politici di sempre, i democratici. Trump ovviamente non si è fatto sfuggire l’occasione di entrare in rotta di collisione con tutto l’establishment del Michigan, purché si parli di lui e comunque si parli di lui, tutto va bene.

Trump non voleva indossare la mascherina, visitando la fabbrica. Ma è stato cortesemente invitato a farlo e lui lo ha fatto. Ma la sua necessità era quella di non essere fotografato con la mascherina. Il simbolo dell’America non può avere la mascherina anti-covid19, l’America è great again quindi se ne frega della mascherina, non ne ha bisogno. E le foto ufficiali sono tutte senza mascherina, come Trump aveva richiesto.

Ma… c’è sempre un Pierino, nascosto da qualche parte. E quel Pierino ha scattato qualche foto quando ancora Trump indossava la mascherina. E ha fornito immediatamente l’istantanea ai giornali locali. Donald Trump has finally put a mask on…

Grande, il Pierino americano. Grande. Grande. La manifestazione di una stampa ancora libera che fa di tutto per essere libera, per gridare la libertà. Per dire al mondo intero, che Trump non è sopra Dio, e che indossa la mascherina come ogni comune mortale.

Per dire che l’America non è great again, ma è still great, tuttora grande, proprio perché ancora c’è qualche Pierino nascosto che fotografa la verità e la fa circolare. Finché quel Pierino vivrà noi ammireremo gli Stati Uniti d’America, proprio perché grande nazione, che non ha alcuna necessità della deriva trumpiana per essere great again, perché great lo è da sempre.

Gli Stati Uniti sono caduti in basso nella classifica della libertà di stampa dei Reporters Without Borders, al 45esimo posto. L’Italia è un po’ più in alto, al 41esimo posto. La piccola Svizzera occupa un orgoglioso ottavo posto.

Ma negli inferi, fra il 175esimo e il 177esimo posto, troviamo i comunisti tinti di disgustosa vernice capitalista, il Vietnam e la Cina. E al 180esimo posto i comunisti e basta, la Nord Corea.

Un giorno capiremo che il vero pericolo per il mondo intero è questo. Chissà se il danno immenso provocato dal Covid-19, ci porterà come unico beneficio di intraprendere la strada di una nuova consapevolezza. Nella tragedia, sarebbe un risultato grandioso.

Una cosa che posso garantirti è questa, ed è quello che tu ti aspetti da noi: noi scriviamo quello che pensiamo. Noi lasciamo liberi i nostri autori di scrivere quello che pensano. Noi accettiamo le opinioni di tutti e rispondiamo a tutti. Noi accettiamo le idee di tutti, se sono all’interno del circolo della democrazia. Fuori di quel circolo, siamo molto selettivi. Fuori di quel circolo, ci sono i nostri nemici, che sono anche i tuoi.

Lunedì sera, 25 marzo scorso, Traders’ Webinar è stato ospite dalla piattaforma di ATFX. Abbiamo parlato di Quasar, e abbiamo annunciato una novità straordinaria sul prodotto: si chiama Quasar Scalping.

Noi crediamo nel trading algoritmico. Ospitiamo autori, tolleriamo inserzionisti che vorrebbero demolirlo o che la pensano in modo diverso da noi.

Noi ci crediamo e lo proponiamo, con la qualità di un prodotto che dal suo lancio ha già avuto un grande numero di tentativi, puntualmente malriusciti, di imitazione: un prodotto che ha reso felice una grande platea di utilizzatori, che ha scelto l’unico e l’originale. Quasar è solo quello dell’Istituto Svizzero della Borsa.

Abbiamo illustrato la potenzialità enorme del prodotto, nella sua versione originale, e nella sua versione per chi ama lo scalping, per chi ama l’operatività veloce. E puoi usarlo in entrambe le versioni se vuoi e contribuirai ad una diversificazione di metodo del tuo portafoglio che ne esalterà la costanza della curva dei profitti e l’attenuazione dei drawdown.

Clicca per iscriverti ad un’ora di grande Cultura finanziaria e di trading algoritmico: non puoi trovarla altrove, clicca qui sotto per iscriverti e vedi la registrazione.

 

P.S.: Organizzare in modo opportuno un portafoglio di trading, opportunamente diversificato, ben modellato significa investire in modo intelligente nel futuro. E la componente algoritmica di un portafoglio è ciò che può fare la differenza. Clicca per condividere con noi la potenza di un prodotto che ti darà grandi soddisfazioni. Iscriviti e vedi la registrazione.

 

Maurizio Monti

 

Editore TRADERS’ Magazine Italia

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

Happy borsa

Directa

Articoli Correlati