Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Il segreto delle prestazioni dei veri professionisti

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Basi di trading per il tuo successo

Quando si legge di trader di successo, a volte sembra che l’unica cosa che hanno tutti in comune sia un approccio diverso. Non esistono due trader che agiscono secondo lo stesso principio. Quindi deve esserci qualcos’altro, qualcosa di non così ovvio, che porta al successo. Perché la seconda cosa che accomuna i trader di successo è il successo.

La risposta all’enigma? I migliori trader conoscono la parola probabilità. Conoscono i passaggi necessari per avere successo, indipendentemente dall’approccio che adottino, e non importa se sei un day trader o mantieni le posizioni per mesi.

Ci sono fondamentalmente quattro aree tematiche da padroneggiare all’interno del processo di trading. Le prime due: mantenere piccole le perdite e scegliere un sistema. Se le perdite non sono limitate, prima o poi finirà in un disastro finanziario ed emotivo. Agire su troppi sistemi diversi di solito porta anche a scarse prestazioni.

D’altra parte, ci sono molti trader di successo che hanno imparato a limitare le perdite utilizzando sistemi semplici ma redditizi. Ma quali passi puoi fare per migliorare e, in definitiva, ottenere ottimi risultati? Ci sono altri due principi che rendono un trader di successo. Indipendentemente dalla strategia utilizzata, in primo luogo hanno interiorizzato l’arte di trovare operazioni con un eccellente rapporto rischio/rendimento e, in secondo luogo, sanno quando è il momento di agire in modo aggressivo.

Possibilità e rischio
Non importa se tradi i breakout, acquisti gli stop o implementi strategie short: i trader di successo impostano in anticipo il rapporto profitto/perdita. Sanno quando la possibilità di vincere è significativamente più alta per ogni euro che rischiano. Nessuno può prevedere il mercato e una posizione può rivoltarsi contro di noi in qualsiasi momento. Ma anche se solo un trade su due finisce con un profitto, alla fine si guadagneranno molti soldi. Per farlo, tuttavia, è necessario che il profitto medio sia due o tre volte superiore alla perdita media. L’unica domanda è: come si trovano queste opportunità? Prima di tutto, devi sapere dove guardare. Ad esempio, i rapporti rischio/rendimento interessanti sono più probabili se si utilizza un sistema che riconosce in quali settori compaiono attualmente i “titoli caldi”. Questi titoli dinamici hanno il potenziale di rialzo maggiore. Quando si indeboliscono e smettono di funzionare, è tempo di guardare altrove nel mercato.

Un altro modo per dirlo è che la chiave per una redditività sostenuta è ubicazione, ubicazione, ubicazione; mentre la chiave per una selezione di stock di successo è rotazione, rotazione, rotazione. Uscendo dalle aree di indebolimento e passando ad aree che mostrano più movimento, si aumenta la possibilità di trovare rapporti rischio/rendimento interessanti.

Non importa se fai trading intraday o sul grafico giornaliero. I day trader aggressivi con tempi di attesa di pochi secondi, ad esempio, utilizzano stop nell’intervallo dei cent, ma target di prezzo significativamente più alti. In questo modo puoi ottenere rapporti di probabilità/rischio da 2 a 1 fino a 4 a 1. Breakout trader, bottom picker, lanciatori di freccette, non importa: tutti possono avere successo fintanto che armeggiano con un modello attraente adattando i rapporti rischio/rendimento.

Dare gas!
La seconda caratteristica dei top trader è sapere quando essere aggressivi e quando essere conservatori. Linda Raschke, conosciuta dal libro di Jack Schwager “The New Market Wizards”, per lo più trada sempre le stesse configurazioni con lo stesso investimento di capitale. Ma a volte ha operazioni in cui ritiene sia consigliabile entrare con un sacco di soldi. “Questi momenti chiave di aggressività sono la differenza tra un trader che guadagna $ 100.000 e uno che guadagna milioni”, afferma Raschke.

Riconoscere tali situazioni non è una questione di talento, ma di esperienza e pratica. I segnali per fare tutto ciò possono essere appresi. Si aspettino situazioni in cui si presume che ci sia una probabilità particolarmente forte di un movimento più ampio. Indipendentemente dal successo di un trader, sebbene nessuno possa esserne sicuro, ci sono alcuni fattori che possono dire quando è il momento di essere aggressivi:

  1. Analizza il rapporto rischio/rendimento e chiediti: questo trade presenta un piccolo rischio di perdita con una grande possibilità di profitto?
  2. Utilizza combinazioni di indicatori non correlati. Sebbene gli indicatori siano usati meglio come conferma, i segnali generati contemporaneamente da vari indicatori aumentano la probabilità di buoni ingressi.
  3. Cerca supporto e resistenza e indicatori tecnici in diversi livelli di tempo. Se un breakout si verifica in un grafico a 5 minuti, ma può anche essere visto nel grafico giornaliero o anche settimanale, si può presumere che il potere di acquisto e vendita di diversi gruppi di mercato sia riunito.
  4. Fai attenzione ai trade che vanno con il mercato, non contro di esso. “Gestisci la regola, non l’eccezione” è un importante elemento di saggezza per noi trader. Questa regola non è così importante quando si fa trading intraday, ma in linea di principio non si può apprezzare abbastanza il potere del mercato. Perché gran parte del movimento della maggior parte delle azioni è in definitiva dettato da eventi di mercato generali.

Ciascuno di questi è utile, ma è meglio se tutti e quattro si uniscono. Non hai bisogno di una sfera di cristallo per vederli. Devi avere familiarità con le probabilità, lavorare sodo e continuare ad agire in modo intelligente.

Come si fa ad essere aggressivi?
La piramide è un ottimo modo per essere aggressivi. Vengono acquistate ulteriori titoli in aggiunta a una posizione esistente. In un mercato in trend, invece, gli stop possono essere impostati un po’ oltre, il che è giustificato dalla prospettiva di maggiori profitti.

Dovrebbe essere menzionato anche un investimento di capitale più elevato fino a massimizzare il margine (attenzione!). L’uso di rigide regole di stop-loss garantisce inoltre che il rischio non aumenti eccessivamente. A proposito: solo il denaro che si trova tra il prezzo di entrata e lo stop dovrebbe essere indicato come capitale di rischio e non la somma necessaria per entrare in una posizione. D’altra parte, quando il mercato gira, si dovrebbe fare marcia indietro sull’aggressività e concentrarsi sulla riduzione del rischio. Quindi trada posizioni più piccole e valuta se in linea di principio desideri ridurre la dimensione della tua posizione. Quando il mercato è in continua evoluzione, si dovrebbe pensare a prendere profitto e considerare posizioni di partecipazione più brevi.

Conclusione
Comprendendo come limitare le perdite e concentrarsi su un sistema, hai già ottenuto ciò che manca alla maggior parte dei trader: sai come rimanere in gioco e hai un modello che ti consente di andare avanti. Hai un’idea di operazioni con un buon rapporto rischio/rendimento e quando è il momento di essere aggressivi. Queste sono le pietre miliari sulla strada dei maggiori profitti.

La probabilità di un profitto dovrebbe determinare quanto aggressivamente ci si avvicina a uno trade. Spesso, tuttavia, i trader cercano di superare in astuzia il mercato. Stanno cercando motivi per cui ciò che è apparentemente ovvio non dovrebbe accadere. Ciò porta a cattivi trade e perdite. Se sembra troppo facile, tieni un diario di trading e tra qualche mese guarda indietro. Se scopri che non hai operato con successo, molto probabilmente ciò dimostrerà che hai provato a superare in astuzia il mercato. Ma quello che hai fatto veramente è stato superare in astuzia te stesso.

Il percorso verso il successo è una curva di apprendimento continua. Se tieni gli occhi aperti, troverai facilmente le pietre miliari. Limita le perdite e segui una strategia. Se non ci sono buone opzioni, non agire. Sii prudente nei mercati laterali e volatili, ma fai trading in modo aggressivo quando il mercato ha il potenziale.

Dalla Redazione di Traders’ Magazine

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati