Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Retail Therapy, una possibile cura per porre fine alla disuguaglianza economica

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Gli ultimi due anni hanno avuto un effetto assolutamente trasformativo su tutti i tipi di asset, e certamente sul mondo nel suo insieme. La famigerata pandemia di coronavirus, che per la prima volta nella storia ha portato il pianeta allo spegnimento completo, ha colpito duramente azioni, materie prime e persino la sfera cripto. Praticamente tutti gli strumenti forex hanno perso quasi il 40% del loro valore nell’arco di una settimana di negoziazione, cosa che è somigliata molto alla grande depressione del 1929. Tuttavia, il boom che seguì fu altrettanto inimmaginabile. Spinto da una maggior oziosità, nonché dall’aumento del reddito disponibile e dalla mancanza di servizi per spenderlo, il pubblico comune si è avventurato nel mondo degli investimenti e del trading, facendo salire alle stelle il prezzo delle azioni in tutto il mondo. Un sondaggio condotto all’inizio del 2021 ha rilevato che oltre il 15% degli investitori al dettaglio attivi all’epoca aveva iniziato a fare trading sui mercati entro il 2020 (le ultime stime avvicinano questa cifra al 20% oggi). Secondo questo stesso studio, quasi 500 (50%) del campione di 1.000 cittadini statunitensi hanno investito in borsa.

Come se non bastasse, sembra che questa tendenza stia accelerando, il che è perfettamente logico se ci fermiamo a pensare. Tutto sembra indicare che la combinazione esplosiva di alta inflazione e bassi tassi di interesse sarà con noi per qualche tempo, quindi l’unico modo per proteggere e far crescere la nostra ricchezza è attraverso la proprietà di asset fisici. Nel caso dei milionari, questo potrebbe tradursi nell’acquisto di immobili e forse di oro fisico, ma che dire del comune cittadino? L’acquisto di attività più convenienti e con il rischio più basso con i rendimenti potenziali più elevati per l’uomo comune resta l’acquisto di un portafoglio diversificato contenente ETF, fondi indicizzati e azioni blue chip. In un momento in cui la pressione sui prezzi negli Stati Uniti e nell’eurozona supera rispettivamente il 6,1% e il 5%, senza che nulla suggerisca un’inversione di tendenza nel prossimo futuro, la verità è che lasciare che i tuoi soldi raccolgano polvere in un conto di risparmio che ti offre un tasso di interesse prossimo allo zero, o forse anche negativo, è la migliore ricetta per far diminuire il tuo potere d’acquisto ogni anno che passa. Tutti gli altri investimenti a reddito fisso sono ugualmente insignificanti e qualsiasi cosa, tranne le obbligazioni spazzatura aziendali più rischiose, offre un rendimento subinflazionistico.

La paura del rischio che fino ad ora aveva condizionato molti potenziali investitori comincia a scomparire. In effetti, le azioni erano state ingiustamente considerate nel migliore dei casi un gioco d’azzardo, e nel peggiore un gioco truccato a favore di alcuni furbi di Wall Street che si guadagnano da vivere truffando gli investitori al dettaglio onesti e rubando loro i soldi per cui hanno lavorato così duramente. E mentre gli investitori istituzionali spesso usano il loro potere e la loro influenza per schiacciare i concorrenti al dettaglio, gli investitori individuali a lungo termine hanno alcuni vantaggi rispetto ai soliti big. Per i rivenditori, non ci sono obiettivi annuali, requisiti di fatturazione o pressioni per vendere in un mercato rialzista, il che significa che questi investitori possono facilmente sovraperformare le società di investimento professionali. Ancora più importante, tuttavia, l’investitore ordinario non ha alcun obbligo di inseguire rendimenti sovraperformanti. Al contrario, se la tua propensione al rischio è moderata puoi scegliere di investire in società a grande capitalizzazione di mercato il cui futuro è garantito, come Google, Tesla, Apple o Amazon, senza doversi preoccupare di dover spiegare a nessun consiglio il perché non sei stato in grado di anticipare l’arrivo del prossimo Gamestop, Upstart o Moderna.

Considerando che l’inflazione rimarrà piuttosto elevata nel prossimo futuro (anche con gli aumenti dei tassi della banca centrale previsti per il 2022), è probabile che il boom degli investimenti al dettaglio continui. Senza andare oltre, questa tendenza è stata notevole almeno dalla crisi finanziaria globale del 2008 e tutto indica che sta guadagnando momentum. La percentuale di minoristi che operano nel mercato azionario potrebbe essere salita di un 5% nel solo 2020, ma la cifra è più che raddoppiata dal 2010. Naturalmente, ciò significa che il numero di broker online che offrono accesso ai mercati finanziari si è moltiplicato nella stessa misura, quindi può essere alquanto difficile separare il grano dal loglio. Ma questo non significa necessariamente che dovresti andare solo con i broker più famosi, poiché ci sono molti altri broker con una forte presenza e opzioni molto redditizie.

Senza dubbio, il mondo in cui viviamo è un posto spaventoso e l’incertezza che prevale in tutto il pianeta rende difficile trovare un motivo per correre qualsiasi tipo di rischio. Tuttavia, dato l’attuale clima macroeconomico, il rischio più grande che possiamo correre è non intraprendere alcuna azione. Al contrario, sembra che l’unico modo per proteggere o far crescere la nostra ricchezza a lungo termine risieda in investimenti cauti e conservativi nel mercato azionario… e sembra che il grande pubblico stia saltando sul carro. Ironicamente, le attività tanto diffamate che sono le azioni societarie potrebbero finire per essere il pulsante che pone fine alla crisi della disuguaglianza nel mondo. Speriamo che sia così!

Dalla Redazione di Investors’ Magazine Italia

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati