Rest after battle: la pausa prima della continuazione

Ultima ora

L’Italia del futuro? è questa

Il prossimo miracolo economico    Già, il futuro. E chi è in grado di prevederlo? Disegnare scenari, questo è possibile. E pensare...

Che cosa ci racconta il Vix

Venti anni in un grafico Nel periodo a ridosso della grande crisi delle dot.com, il Vix, l’indice della volatilità, noto anche come...

Scelti per te

Uscire dal triangolo

Le strategie semplici possono avere molto successo I triangoli sono fra gli schemi più comuni nel trading. Scoprite i fondamentali...

Ecco come i professionisti guadagnano con i premi al rischio sulla volatilità

Marc Gerritzen La volatilità è una classe di asset molto giovane che attira sempre più investitori in confronto alle equity,...

Procedure di Risoluzione di una Controversia

Cosa fare in caso di controversie con una banca o un broker? Molti problemi potrebbero già essere evitati con una...

Riceviamo da Money.it e pubblichiamo per i nostri lettori

La disamina dei pattern di analisi candlestick svolta a cura di Money.it prosegue con un modello di continuazione a tre barre: il Rest after battle. Di norma, quando si assiste a questa formazione grafica si verifica una prosecuzione dell’uptrend in corso.

Venendo ora alla trattazione del modello teorico, il Rest after battle inizia con una candela di estensione bullish, sinonimo di forza dell’uptrend in corso. Nel libro “Manuale di analisi candlestick”, Gregory L. Morris sostiene che il range di questa seduta debba essere più grande della media dell’estensione massimo-minimo delle cinque sessioni precedenti.

Le successive due barre evidenziano una pausa (la seconda deve aprire in gap up rispetto alla precedente): nello specifico, il loro range top-bottom deve essere più piccolo del 75% dell’estensione della prima candela e il loro corpo deve occupare meno del 50% del range stesso (inteso come top-bottom).

Un’altra caratteristica importante è quella relativa alla posizione delle ultime due sedute: la loro chiusura dovrebbe infatti trovarsi al di sopra della metà della prima. In sostanza, non vi deve essere un eccesso di forza, ma nemmeno uno di debolezza. Un’altra avvertenza è quella relativa all’intensità della tendenza, che se troppo intensa invaliderebbe il modello di continuazione.

Come spesso accade, la tecnica di compressione del pattern mette in luce la natura del pattern, che si riduce a una singola barra di estensione rialzista, chiaro segnale di forza.

Da un punto di vista operativo, si potrà entrare long nel caso in cui dovesse venire toccato il 38,2% del ritracciamento di Fibonacci della prima candela. Lo stop loss andrebbe posto al di sotto dei suoi minimi, mentre l’obiettivo principale è calcolabile con un rapporto di rischio/rendimento di 1:1,25.

Dalla Redazione di TRADERS’ Magazine

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

ATFX

Directa

Articoli Correlati