Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Position Trading secondo Dave Landry

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Parte 2 – Trend knockout

Nell’ultimo articolo abbiamo descritto come una corretta gestione del denaro e delle posizioni può mantenere le stesse per settimane, mesi e persino anni se il trend continua. L’uso di stop, del take profit parziale e il lento follow-up dei trailing stop giocano un ruolo importante. In questo articolo, Dave Landry introduce una delle due configurazioni per iniziare con le tendenze consolidate.

Fasi del trend
Come si può vedere nella figura 1, ci sono tre fasi di trend: ripresa del trend, accelerazione del trend e transizione del trend. Una ripresa del trend si verifica quando un mercato che si trova in una tendenza al rialzo generale accelera, si ritira e quindi continua la sua tendenza rialzista. Una transizione di tendenza (nuove tendenze) si verifica quando la tendenza precedente termina e ne emerge una nuova. In questa serie di articoli l’autore spiegherà due dei suoi schemi di recupero preferiti: il trend knock-out (TKO) e le battute d’arresto persistenti. Prima di poter tradare una tendenza, è necessario identificarla. Mantieni questo punto il più semplice possibile. Quando il lato destro del grafico è notevolmente più alto di quello sinistro, il mercato tende al rialzo. Utilizza le seguenti tecniche per identificare ulteriormente questa tendenza.

Net-Net: disegna le tue frecce
Il modo più semplice per identificare una tendenza è fondamentalmente guardare i mercati su una base “net–net”. Dove ha chiuso il mercato una settimana fa rispetto ad oggi? E un mese fa? Due mesi fa? Devi quindi confrontarlo con la volatilità dello strumento. Se un titolo si muove dal 10 al 20 percento al giorno, un movimento del 20 percento in un mese non significa necessariamente una tendenza; potrebbe essere solo una corsa quotidiana. Tuttavia, lo stesso movimento potrebbe benissimo essere di tendenza su un titolo con una volatilità inferiore che si muove solo dallo 0,5 all’1% al giorno. Una valutazione della volatilità può essere effettuata con indicatori come la volatilità storica o semplicemente osservando da vicino l’intervallo di trading del titolo. A proposito di indicatori: prima di utilizzarli, guarda sempre come si è spostato il mercato. Poiché tutti gli indicatori basati sul prezzo sono ritardati nel tempo, l’autore non ne è un grande fan. Oltre alle medie mobili, non utilizzo indicatori direzionali.

Qualificatore di tendenza
I mercati in trend sono particolarmente caratterizzati dal fatto che si lasciano dietro alcuni indizi. Questi cosiddetti qualificatori di tendenza aiutano a identificarne una. Essi includono breakout, gap, accelerazione del trend, barre ad ampio raggio (in particolare barre lunghe), specialmente con prezzi di chiusura forti e, naturalmente, individuano fino a che punto un titolo si muove in un certo periodo di tempo (cioè il movimento net-net di cui sopra). Tieni d’occhio queste proprietà di tendenza. I mercati dovrebbero avere qualificazioni prevalentemente positive nella direzione del trend. Ad esempio, in un forte trend rialzista, un mercato dovrebbe avere chiusure forti e gap al rialzo, e non gap al ribasso e chiusure deboli. Un confronto tra diverse medie mobili può anche aiutare a identificare una tendenza.

Pendenza e Daylight
La pendenza della media mobile e la cosiddetta “Daylight” possono aiutare a determinare le tendenze. Anche i crossover, ovvero le intersezioni di più medie, possono essere utili, soprattutto per le nuove tendenze. La tendenza al rialzo dovrebbe essere sempre positiva. Poiché c’è un intervallo di tempo, il trader non sa se la tendenza è cambiata. Ma almeno sa che il mercato ne ha sviluppata una. La daylight si forma quando i minimi sono superiori alla media mobile. In altre parole: si forma un divario tra il minimo e la media mobile. La daylight e la pendenza sono mostrate nella figura 2. Questi due semplici concetti possono spesso aiutarti a rimanere dalla parte giusta del mercato. Ma anche qui, guarda sempre prima i movimenti dei prezzi, poiché tutti gli indicatori di prezzo hanno un ritardo.

Persistenza
La persistenza è la capacità del mercato di mantenere il suo livello da un giorno all’altro. Per coloro che pensano in modo più matematico, questo può essere misurato utilizzando metodi statistici complessi come la regressione lineare. Noi comuni mortali possiamo semplicemente guardare il grafico e tracciare una linea di tendenza usando quante più candele o barre possibili (figura 3).

Trend knockout
Una volta individuata una tendenza, è necessario trovare una configurazione che ti consenta di cavalcarla. I trend knockout (TKO) sono un modello semplice ma efficace. Sono ancora tra i preferiti dell’autore, soprattutto se coinvolgono la perseveranza. L’esperienza ha dimostrato che se hai pochissimi soldi o pazienza, lasci rapidamente un mercato non appena diventano visibili i primi segni di una correzione. Sebbene sia una buona idea fare trading nella direzione del trend, faresti molto meglio ad aspettare che le mani deboli siano state eliminate dal mercato prima di entrare. Ciò riduce la probabilità che questi trader vendano le loro posizioni e ti trascinino in rovina. Il movimento knockout attira anche tutti coloro che stanno cercando di scommettere su una nuova tendenza, cosa improbabile, ed è qui che il grano viene separato dalla paglia. I TKO funzionano con tendenze sia al rialzo che al ribasso. Nelle tendenze al rialzo, il movimento temporaneo al ribasso attira i venditori irriducibili allo scoperto che non vogliono ammettere che il titolo merita la sua alta valutazione. Queste persone hanno semplicemente confuso i fatti. Se la tendenza riprende, sono costretti a coprire la loro posizione short. Tale acquisto aiuta quindi a guidare la tendenza ancora più in alto. Nelle tendenze al ribasso, il movimento temporaneo al rialzo attira i pescatori rialzisti duri a morire che vogliono acquistare uno stock mentre è a buon mercato. Se la tendenza al ribasso dovesse riprendere, questi trader probabilmente venderanno la loro posizione, il che inonderà anche il mercato e aggraverà il calo dei prezzi. I trend knockout (TKO) identificano così gli ingressi a forti tendenze da cui le mani deboli sono già state eliminate. Inserendo il tuo ordine sopra la barra knock-out (o sotto in caso di vendita allo scoperto), hai il potenziale per raccogliere profitti se il trend riprende. Le regole per il lato long sono le seguenti (figura 4).

  • Il titolo dovrebbe essere in un forte trend rialzista (1). Utilizzare i qualificatori di tendenza e/o le medie mobili per valutare la tendenza.
  • Il titolo dovrebbe essere tradato al di sotto almeno dei due minimi precedenti. Idealmente, la gammadovrebbe espandersi. In altre parole: dovrebbe esserci un chiaro movimento verso il basso, una Wide range bar (WRB) che è anche una barra knock-out (2).
  • Stai sopra il massimo della barra knock-out (3). E non dimenticare: nessun trigger, nessun trade. Maggiore è il movimento verso il basso, maggiore è la possibilità che più giocatori vengano eliminati.

Ciò che è particolarmente positivo dei TKO è che spesso possono essere usati in termini da manuale, più che con molti altri modelli. Il tuo ingresso può essere effettuato direttamente sopra il massimo e lo stop può essere posizionato direttamente sotto la barra knock-out. Ora diamo un’occhiata a un esempio dalla pratica. Come si può vedere dalla figura 5, il titolo Crowdstrike Holdings (abbreviazione: CRWD) era in una tendenza stabile al rialzo (punto 1). Si forma quindi una Wide range bar verso il basso (2). Questo TKO getta le mani deboli fuori dal mercato e attira venditori allo scoperto interessati. L’ingresso nel trading long viene attivato non appena viene superato il massimo della barra del knock-out (3).

Prospettiva
La prossima volta ci occuperemo della seconda configurazione per l’inserimento di tendenze consolidate, il cosiddetto pullback persistente.

Dave Landry 

Dave Landry opera dall’inizio degli anni ‘90. È il fondatore di Sentive Trading, LLC, una società di trading e consulenza. Dal 1999 pubblica segnali di trading, webinar e articoli sul suo sito web. È anche autore di diversi libri, scrive per riviste, è apparso in televisione e ha parlato a conferenze internazionali di trading. www.davelandry.com/contact

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati