Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Petrolio, ancora molte opportunità

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Molti altri titoli, e anche l’oro…

Negli ultimi giorni, molti sistemi di trading sul petrolio hanno fornito segnali short.

Dal massimo del settembre 2018 al minimo dell’aprile 2019 (escludendo il folle momento di contrattazione a prezzo negativo, che altera troppo i valori), l’87.50% del range è collocato poco sotto i 68 dollari (fra 67.90 e 68 dollari).

In tale area il massimo relativo del giorno 8 marzo è stato respinto, come vuole la statistica, toccando quasi i 57 dollari (poco sotto il 75% del range).

Da lì, la ripresa del rialzo con qualche incertezza di lateralità, parallela peraltro alla lateralità osservata in molti mercati nello stesso periodo.

Il 5, il 12 e il 18 maggio si verificava un triplo massimo poco sotto l’area del massimo dell’8 marzo, seguito da una correzione successiva.

In quel momento, molti sistemi hanno dato short, presumendo un movimento di correzione significativo. Correzione che invece si è limitata nel tempo e nello spazio: tre giorni e 5 dollari circa di ritracciamento e poi la corsa al rialzo è ripartita.

Il petrolio ha sfondato la fatidica linea dei 68 dollari ed ha chiuso la settimana sopra i 70 dollari.

Come già scritto in alcuni articoli precedenti, noi riteniamo che il primo target del petrolio sarà 75 dollari più o meno due dollari. E un possibile prossimo target successivo gli 80 dollari. Senza escludere di rivederlo, in futuro non troppo lontano, a 100 dollari.

Il petrolio è ancora long … il problema è che è difficile acchiapparlo quando scende per avere un punto di ingresso con rischio/rendimento conveniente, e quindi la voglia di mettersi short alle volte prende e anche i sistemi algo vengono ingannati.

Ma siamo ancora dal lato rialzista e lì dovremmo puntare.

Poco sotto 77 c’è il citato massimo del settembre 2018: può fare da reazione e far ritracciare il petrolio. Il nostro primo target tiene conto anche di quello, suggerendo, in definitiva, di ritirarsi prima del doppio massimo ed eventualmente verificare se e come rientrare dopo.

Perché di massimi successivi, il petrolio potrebbe farne parecchi. Ne parleremo ancora.

E una occasione per parlare non solo di petrolio, ma di oro, di indici azionari e dei titoli migliori di Borsa Italiana o delle Borse internazionali sarà il prossimo Martedì della Borsa: questa volta in edizione serale, alle 18, con Giorgio Pallini per scoprire le opportunità migliori del mercato.

Clicca per iscriverti e vedi la registrazione, condividi con noi un’ora di grande Cultura finanziaria con il metodo Scelta Vincente.

P.S.: Parleremo come altre volte dei titoli selezionati da Scelta Vincente: ma secondo il nostro parere possono esserci opportunità formidabili anche sull’oro. Confronteremo le nostri opinioni con quelle di Giorgio e scopriremo molte cose che possono portare grandi profitti sui nostri conti. Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

Maurizio Monti

 

Editore TRADERS’ Magazine Italia

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati