Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444

Qui il mondo gira più veloce

Newsletter del settimanale

Questo è il modo in cui oggi uso i miei strumenti sul mercato

John Bollinger è noto a livello internazionale come sviluppatore delle Bande di Bollinger utilizzate da investitori e trader di...

OVUNQUE TU SARAI di Roberto Capucci

Recensione dell’opera prima di un bravo sceneggiatore e regista con un cast di qualità Siamo nel 2008. È la Roma...

Algo-trading moderno

Robert Pardo è uno dei pionieri del trading algoritmico di future. È stato determinante nel gettare le fondamenta di...

Manchester By The Sea di Kenneth Lonergan

Recensione del film pluricandidato acclamato alla Festa del Cinema di Roma del 2016 La vita ripetitiva di un idraulico tuttofare,...

Forum dei Derivati Eurex 2020

La conferenza per gli investitori istituzionali Il Forum dei Derivati si è svolto a Francoforte per la terza volta il...

Ultima ora

Può continuare il bull market?

Il Grande Criminale del mondo Venerdì scorso, 20 febbraio, è un anniversario importante. Lo ricorderemo a lungo, consapevoli di questo, è...

Se manca, sono guai seri

La parabola dei sistemi robusti   Se hai provato ad acquistare un personal computer durante il periodo del picco pandemico, potresti avere...

Scelti per te

Oro: sì o no?

L’oro come investimento Per quanto riguarda il valore equivalente dell'oro, si può trarre un interessante confronto: le valute vanno e...

Qui il mondo gira più veloce

La Strategia Momentum con gli ETF La classica strategia momentum cerca di filtrare i titoli con il massimo slancio. Con...

La strategia delle 16 settimane di Thomas Gebert

Guadagni sul mercato azionario ogni 16 settimane È possibile battere il DAX sul lungo termine se si investe per meno...

La Strategia Momentum con gli ETF

La classica strategia momentum cerca di filtrare i titoli con il massimo slancio. Con gli ETF, questa strategia può essere facilmente trasferita ai diversi Paesi. Leggete questo articolo su come funziona una strategia ETF basata su quei Paesi dove i prezzi crescono in modo dinamico.

I fondi indicizzati quotati (ETF) possono essere utilizzati per implementare strategie a lungo termine in modo semplice ed efficiente. Il grande vantaggio: con l’acquisto di un ETF, per definizione, avrete immediatamente un’ampia gamma. Inoltre, sono più convenienti dei fondi comuni di investimento, il che ha un impatto particolarmente forte sugli investimenti a lungo termine.

Un classico tra le strategie di investimento a lungo termine è la strategia core-satellite (figura 1). La base è un investimento con un rischio il più basso possibile e destinato a ridurre la volatilità del portafoglio complessivo. I singoli satelliti sono componenti correlati tra loro il meno possibile e che hanno un peso inferiore con un rischio più elevato, il che a sua volta significa un potenziale di rendimento più elevato. Tale satellite può essere utilizzato con gli ETF utilizzando la strategia momentum presentata qui di seguito.

L’idea del ranking del momentum
Il momentum descrive l’oscillazione di un oggetto, in questo caso il prezzo di un titolo. Di norma, questo slancio viene misurato usando la “Forza relativa secondo Levy” (RSL, vedi info box). In poche parole, la strategia consiste nel catturare il momentum di una popolazione di valori tradabili e quindi formare una lista di ranking. I titoli con il maggior momentum positivo vengono acquistati partendo dal presupposto che continueranno a muoversi. Le rispettive posizioni rimangono nel portafoglio fino a quando non raggiungono un livello inferiore predefinito o il momentum si inclina in negativo. Di solito, questa strategia viene eseguita sulle azioni di un indice. Tuttavia, è anche possibile compilare un elenco di diversi indici in tutto il mondo e quindi creare una mappa con gli indici migliori utilizzando gli ETF. In questo modo, i mercati azionari con il maggiore momentum saranno sempre rappresentati nel portafoglio.

Il metodo
Si inizia con la selezione degli indici che si desidera prendere in considerazione. Naturalmente, il prerequisito più importante per un indice è che possa essere investito con un ETF liquido a costi ragionevoli. Va notato che gli indici più esotici comportano anche commissioni più elevate rispetto, ad esempio, al DAX. Inoltre, è necessario assicurarsi che l’allocazione sia buona. Fondamentalmente, si pone la questione se abbia senso utilizzare solo i principali indici di un paese o se altri importanti indici come il Nasdaq-100 debbano essere inclusi nei principali Paesi, come gli Stati Uniti. Quando tutti gli indici sono selezionati, vengono inseriti in un elenco di Excel. Oltre al nome dell’indice, abbiamo anche bisogno dell’attuale valore RSL e del grado. Per scoprirlo, si imposta la tabella in ordine decrescente usando la colonna “valore RSL” e poi si assegnano i gradi dall’alto verso il basso. Si consiglia di utilizzare l’indice stesso per calcolare il valore RSL, che è disponibile come indicatore predefinito nella maggior parte degli strumenti grafici. Ma non tutti gli indici sono disponibili in ogni strumento grafico. In questo caso, è anche possibile utilizzare il momentum dell’ETF stesso.

Le regole
È importante stabilire in anticipo un chiaro insieme di regole e seguirle senza eccezioni. Le regole della strategia possono apparire così, ad esempio:

1. Se almeno l’80 percento dei valori RSL è inferiore a 1.0, la quota cash viene lasciata al 100 percento.

2. Ripetere il ranking ogni settimana.

3. Acquistare classifiche da uno a tre equamente ponderate nel portafoglio, ma solo se il loro valore RSL è maggiore di 1.0.

4. Se l’RSL del valore di portafoglio scende al di sotto di 1.0 per due periodi consecutivi, vendere la posizione.

5. Se un valore del portafoglio scende dal terzo posto della classifica, allora anche qui è meglio vendere.

6. Se un valore viene venduto, acquistare il valore classificato più alto in quel momento che non è ancora nel portafoglio e che abbia un valore RSL superiore a 1.0.

Il passaggio 3 si svolge una volta all’inizio dell’attuazione della strategia. Sia che si acquistano le prime tre, due o solo la prima posizione, essa deve essere determinata individualmente e dipende anche da quanto è alto il volume del portafoglio disponibile per questo satellite. Tuttavia, non dovreste comprare troppi titoli nella lista superiore, ma davvero solo i migliori. Questa è la parte più importante del concetto di momentum. È importante aggiornare regolarmente il ranking per sapere quando un valore del portafoglio sta perdendo slancio. Nessun indice rimarrà sempre il più dinamico nel lungo periodo. Il ranking dovrebbe idealmente essere ricalcolato settimanalmente al tasso di chiusura settimanale e questo può essere convenientemente effettuato nel fine settimana. Non è consigliabile una frequenza più breve, in quanto fluttuazioni temporanee possono portare ad un overtrading. Per lo stesso motivo, un ETF non dovrebbe essere venduto fino a quando l’RSL non sarà inferiore a 1,0 per due periodi consecutivi. Un altro motivo per ritirare dovrebbe essere il posizionamento. Ad esempio, se un indice scorre fuori dal terzo superiore, non è più uno degli indici più dinamici e dovrebbe quindi essere venduto. I trader possono anche impostare una posizione diversa come limite di uscita, a loro discrezione. Quando viene venduto un valore, il capitale rilasciato dovrebbe fluire nell’indice migliore che non è ancora nel portafoglio per evitare di sovrappesare singoli indici. Si applicano le stesse condizioni di prima: il valore RSL è superiore a 1,0 e l’indice appartiene al gruppo top precedentemente definito, ad esempio i top 3 menzionati qui sopra. Nel complesso, la strategia momentum ha dimostrato di essere redditizia per lungo tempo. Tuttavia, non è l’ideale nelle fasi ribassiste. Potete provare a navigarci attorno, ad esempio, come condizione secondaria che tutti o una certa percentuale (circa almeno l’80 percento) degli indici devono avere un RSL superiore a 1.0, cioè con una tendenza al rialzo. Se questa condizione non viene soddisfatta per due periodi consecutivi, è possibile chiudere tutte le posizioni. Se questo è il caso all’inizio della compilazione del portafoglio, i primi acquisti devono attendere fino a quando non viene soddisfatta la condizione.

Esempio di ranking
La tabella 1 mostra una raccolta di paesi che coprono i mercati azionari nel modo più globale possibile. Per questo sono stati selezionati indici da tutti e cinque i continenti. Per il ranking, il valore RSL è stato determinato come esempio nell’arco di 26 settimane (dall’8 febbraio 2020). Gli indici selezionati dei tre paesi Svizzera, Belgio e Stati Uniti, sono quelli con il maggior momentum sul nostro tavolo. Nel complesso, questo piccolo elenco, che può essere ampliato in modo significativo, mostra che, ad eccezione del Sud America e dell’Egitto, la maggior parte delle regioni del mondo è in una tendenza rialzista. Il mercato azionario globale si sta quindi chiaramente muovendo in avanti al momento della nostra indagine. Il nostro ranking è ovviamente solo un esempio. Ogni trader può modificare la composizione dell’universo dell’investimento in base alle proprie preferenze, per cui la nostra selezione è sicuramente un buon punto di partenza.

Conclusioni
All’inizio ci vuole un po’ di lavoro, ma la strategia momentum, come elemento fondamentale nell’approccio core-satellite, può portare la dinamica desiderata nel portafoglio complessivo. Dopo aver impostato il set up, l’impegno è limitato. Tuttavia, i trader dovrebbero assolutamente tenere d’occhio le commissioni degli ETF selezionati e i costi di transazione per acquisti e vendite. Se sono troppo alti, questo può rendersi chiaramente evidente a lungo termine. Le regole di uscita si applicano come gestione del rischio. Se un indice scende per un periodo di tempo più lungo, le regole porteranno alla vendita. Il fatto che gli ETF siano già diversificati aiuta anche a gestire il rischio. Tuttavia, un altro rischio non deve essere trascurato: se gli indici vengono acquistati al di fuori dell’area euro, si ha anche un effetto valutario positivo o negativo. Se non volete investire a livello globale, potete anche limitarvi all’area dell’euro e utilizzare per il ranking i numerosi indici di paesi e settori che possono essere investiti tramite ETF.

 

Dalla Redazione di Traders’ Magazine

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

Articoli Correlati