Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Linee e canali di tendenza

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Strumenti elementari dell’analisi grafica

Le quotazioni in borsa e l’andamento dei singoli titoli sono in costante movimento. Ti mostreremo come funzionano le linee ed i canali di tendenza, i due strumenti di base dell’analisi dei grafici, e come puoi usarli nella pratica.

Le tendenze (o trend)
Lo sfondo teorico per le linee di tendenza e i canali di tendenza (come per l’analisi grafica moderna in generale) è fornito dalla cosiddetta teoria di Dow dell’economista americano Charles Henry Dow. Egli ha definito una tendenza come un movimento di mercato che punta chiaramente in una certa direzione. Fondamentalmente ce ne sono tre: tendenze al rialzo e al ribasso e movimenti laterali. A seconda dell’intervallo di tempo, in ciascun indice o titolo possono essere rilevate diverse tendenze, eventualmente contraddittorie. Quella predominante a lungo termine è chiamata la tendenza primaria; può durare un anno o più. Le tendenze secondarie possono verificarsi all’interno della tendenza primaria, per la quale viene solitamente stimata una durata fino a tre mesi. Le tendenze terziarie sono a breve termine e durano da una settimana a un massimo di un mese.

Linee di tendenza
In linea di principio, il metodo della linea di tendenza è particolarmente adatto per gli investimenti a lungo termine. Tuttavia, dovresti padroneggiare il processo anche se sei interessato solo al trading intraday, perché è un processo relativamente semplice e allo stesso tempo accurato. Per tracciare una linea di tendenza al rialzo, si cerca prima un primo minimo locale (T1) e lo si collega con un ulteriore minimo locale (T2), che assume una posizione più alta sull’asse verticale. Dovrebbe esserci un massimo locale (H1) tra i due minimi. Inoltre, la seconda condizione per un vero trend al rialzo è che il prezzo dopo il secondo minimo locale superi nuovamente il precedente massimo locale (H1) e quindi confermi il trend. Più minimi locali ci sono su una linea di tendenza rialzista, più è significativo. Finché il prezzo non scende al di sotto della linea di tendenza al rialzo, si parla di una linea di supporto. Si dice che il trend rialzista sia intatto fino a quando non rompe al di sotto della linea di supporto.

Per tracciare una linea di tendenza al ribasso, si procede allo stesso modo. Tuttavia, si inizia con un primo punto massimo locale (H1), che è poi collegato a un secondo punto più basso (H2). Dovrebbe esserci un minimo locale (T1) tra i due massimi. Per confermare il trend ribassista è necessario che il prezzo scenda al di sotto del minimo locale (T1).

La linea di tendenza al ribasso è anche nota come linea di resistenza. Di conseguenza, la tendenza al ribasso è intatta finché il prezzo è al di sotto della linea di resistenza. Si parla di un movimento laterale quando i prezzi non salgono né scendono in modo significativo, cioè non si vede una direzione chiara nello sviluppo dei prezzi. Anche il canale laterale viene inserito come descritto sopra.

Canali di tendenza
Un canale di tendenza è costituito da due linee parallele. Per tracciarne uno rialzista, bisogna prima costruire una linea di tendenza rialzista e poi tracciare un’altra linea parallela sul grafico, sulla quale insistono diversi massimi relativi del prezzo. Il canale di tendenza non solo indica quindi la probabile direzione dell’evoluzione futura dei prezzi, ma fornisce anche una possibilità sulla gamma futura delle fluttuazioni dei prezzi. I canali discendente e laterale sono determinati allo stesso modo. In un canale laterale è spesso tracciata anche una linea centrale (trading range). Se il prezzo rompe, è probabile che venga testata presto la linea di supporto. Una rottura verso l’alto indica un test della linea di resistenza.

Trend break
Se un prezzo è quotato al di sopra o al di sotto delle linee di tendenza o al di fuori di un canale di tendenza, un trader può interpretarlo come un segnale di acquisto o vendita. Il cosiddetto “trend break” è uno dei segnali più importanti per l’analista grafico. Tuttavia, ogni trader dovrebbe sempre aspettare fino a quando non viene confermata una nuova tendenza dopo l’interruzione, perché a volte si tratta davvero solo di una correzione temporanea e non di un’effettiva inversione di tendenza. Fondamentalmente, più a lungo esiste una tendenza, più è affidabile, indipendentemente dalla direzione. Si ritiene che anche le accelerazioni dei prezzi (breakout) nella direzione del trend e le correzioni molto piatte all’interno di un trend confermino le tendenze prevalenti. D’altra parte, le tendenze troppo ripide sono generalmente di breve durata. In pratica scoprirai che i segnali di trend break sono generalmente generati relativamente tardi nel caso di semplici linee di tendenza. Pertanto dovresti, quando possibile, tracciare sempre un canale di tendenza.

Conclusione
Soprattutto grazie alla loro facilità d’uso, le linee di tendenza e i canali sono indispensabili per i principianti nell’analisi dei grafici. Tuttavia, va notato che possono sempre essere estratti in modo affidabile solo posteriormente. Le linee di tendenza delle tendenze attuali spesso devono essere ridisegnate più volte, poiché è possibile che un movimento di prezzo sia stato precedentemente valutato male. Ci sono opinioni diverse su quanti massimi o minimi occorrono per tracciare una linea di tendenza significativa. Quel che è certo, però, è che più punti di contatto aumentano il valore informativo. Naturalmente, non vi è alcuna garanzia che una tendenza identificata non crolli o cambi direzione inaspettatamente. Tuttavia, l’analisi delle tendenze è un buon generatore di segnali nella maggior parte dei casi, ed è sempre meglio seguire una tendenza piuttosto che speculare alla cieca.

Dalla Redazione di Traders’ Magazine

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati