La vita di trading degli intellettuali in underperformance

0
250

Perché potresti avere una laurea e rimanere comunque un dilettante

Ti sei mai chiesto cosa distingue il trader professionista dal dilettante? È pensare in termini di probabilità. Il professionista vuole sapere esattamente quali sono le sue possibilità di vincita e quanto potrebbe vincere. Ma vuole sapere ancora di più quanto potrebbe perdere, perché anche questo rientra nel campo delle possibilità.

Il successo costante di un trader dipende dal pensare in termini di probabilità. Per capire come viene gestito professionalmente un evento incerto, basta dare uno sguardo al settore dei casinò.

Per alcuni è gioco d’azzardo, per altri è un business

I casinò spendono ingenti somme di denaro per attirare visitatori nelle loro sale. Sorge spontanea la domanda su come la loro direzione possa giustificare le somme investite quando il reddito derivante dall’attività di un casinò è puramente casuale. Infatti, i casinò generano profitti costanti giorno dopo giorno con il loro modello di business. Allo stesso tempo, la maggior parte dei giocatori crede che si tratti solo di gioco d’azzardo. Gioco d’azzardo? Ebbene, i casinò si affidano alle probabilità. Non è un gioco d’azzardo, ma un gioco di numeri che la maggior parte dei giocatori sottovaluta completamente. Nel Black Jack, ad esempio, i casinò hanno un piccolo vantaggio sui giocatori del 4,5% a causa delle sue stesse regole. Espresso in numeri, ciò significa che il giocatore che scommette un dollaro ne paga, nel lungo periodo, 4,5 centesimi al casinò. Questo è un rendimento che il casinò può registrare come reddito a lungo termine. Naturalmente questi 4,5 centesimi sono solo un valore medio. In singoli casi può apparire completamente diverso. Ma alla fine dell’anno la quota dell’utile è sempre del 4,5%.

I reali vantaggi statistici spesso non sono evidenti

Tutti i trader lavorano con i mercati finanziari. Anche questi sono imprevedibili e il risultato di trading non è sempre positivo. Tuttavia, se il trader riesce a realizzare in modo permanente un vantaggio statistico, e può farlo, ad esempio, con modelli di prezzo standard, allora può essere costruito un profitto costante, paragonabile a un casinò. Poiché il trader non sa quale sarà il prossimo movimento del prezzo, non può attribuire molta importanza ad una singola operazione. È sempre solo una piccola probabilità che può essere sfruttata a proprio vantaggio. Non è raro che i trader attivi che non sentivano di aver guadagnato molto, rimangano sorpresi dai risultati alla fine del mese. Supponiamo un tasso di successo del 60%. Quindi il trader deve accettare due operazioni in perdita per tre successi. Così sembra che vada avanti e indietro nel corso del mese. Se il trader è infastidito da alcune operazioni in perdita, le pesa così tanto che difficilmente si accorge di avere un tasso di successo del 60%. Visto in questo modo, è inutile essere emotivamente felici o tristi per un’operazione. Tutto quello che devi fare è cercare costantemente il vantaggio.

Pensa come un operatore di casinò

I migliori trader utilizzano sempre una strategia di pensiero simile a quella utilizzata dagli operatori di casinò. I trader che hanno imparato a pensare in termini di probabilità costruiscono un vantaggio a lungo termine. È importante comprendere la portata di questo comportamento. Come trader, possiamo utilizzare molti strumenti per analizzare il comportamento dei prezzi. Modelli simili continuano a emergere di continuo. Questo è il vantaggio statistico che dobbiamo cercare come trader di successo. Sfortunatamente, la maggior parte dei trader non lo capisce. Non capiscono che hanno bisogno di allenare la loro mente. Il trading riguarda costantemente la serietà dell’operazione successiva. Quanto più approfondita è l’analisi del mercato, tanto più fermamente il trader crede nella sua operazione. A volte un’operazione viene addirittura interrotta prematuramente. Invece di guardare dall’alto, prova immediatamente ad aprire nuovamente la posizione successiva. Ma forse lo stop dimostra anche che c’è stato un cambiamento fondamentale nel mercato, a cui il trader non vuole credere. Ciò significa che il rapporto rischio/rendimento e la probabilità di vincita sono cambiati.

Quando la tua ambizione impazzisce

I trader apparentemente bravi hanno spesso false ambizioni, e vogliono dimostrarle a tutti. La loro analisi è così chiara che credono di conoscere la direzione del mercato. Questo può degenerare fino al punto di ossessione. Desidera la certezza. Questo è un problema comune che riscontri spesso con i famosi “crash guru”. Vedono solo i problemi e i rischi di un mercato e ne discutono.

Sono così convinti del collasso che non si accorgono nemmeno quando il mercato deprezzato risale. E più il mercato sale, più il guru trova il resto dei partecipanti al mercato. Mentre gli altri si godono i guadagni di prezzo, il guru disprezza i partecipanti al mercato. Tutti lemming, vero? La maggior parte dei migliori analisti non lo ammetterebbe mai, ma per loro avere ragione è più importante che fare soldi.

Gli esperti non hanno bisogno della determinazione del rischio

È professionale se un trader calcola sempre il proprio rischio prima di aprire una posizione. L’operatore di borsa medio è fin troppo felice di rinunciarvi perché non crede che ciò sia necessario per la sua analisi “acuta”. Pensa di sapere cosa accadrà dopo sul mercato. Una volta che si è certi che la prossima operazione porterà profitto, non è più necessario definire il rischio. Poiché ha ragione, non ci possono essere rischi. Accade così che soprattutto l’eloquente trader accademico trovi decine di argomenti per ignorare il rischio. È intellettualmente convinto di fare la cosa giusta. Ciò spiega anche il fenomeno per cui qualcuno ha due dottorati e tuttavia ottiene solo risultati inferiori alla media. Perché? Ha ottime scuse. Per un trader che pensa in termini di probabilità, non c’è dilemma tra il comportamento del mercato e l’avere ragione. Tali trader riprendono il loro ego e rinunciano ad avere ragione. Sanno che il mercato può comportarsi in modi apparentemente illogici e quindi calcolano sempre il rischio corso. Non ha senso accumulare energia negativa per formulare ipotesi giuste o sbagliate sul mercato. Avere consapevolmente ragione significa portare emozioni nelle transazioni di trading. In ogni caso, ciò non rende il trading più redditizio.

Conclusione

Un buon trader accetta l’elemento del caso nei movimenti dei prezzi. Quindi non ha problemi se la sua analisi è corretta e continua a perdere nell’operazione. In effetti, non è raro che la direzione del prezzo venga prevista correttamente e che la posizione venga comunque chiusa da un prezzo anomalo. Forse anche il trader intellettuale soffre particolarmente di queste perdite casuali. La sua natura è che vuole sempre fare tutto bene. E quindi la mente umana è progettata per evitare il possibile dolore.

Pertanto, il trader intellettuale tende a non fissare gli stop. Tuttavia, un trader davvero bravo è severo nelle sue regole ma flessibile nelle sue aspettative. Ricorda: se tu sei mai stato sorpreso da un movimento di prezzo, allora potresti avere problemi con l’essere un trader retto.