Intervista a Markus Miller

Ultima ora

L’Italia del futuro? è questa

Il prossimo miracolo economico    Già, il futuro. E chi è in grado di prevederlo? Disegnare scenari, questo è possibile. E pensare...

Che cosa ci racconta il Vix

Venti anni in un grafico Nel periodo a ridosso della grande crisi delle dot.com, il Vix, l’indice della volatilità, noto anche come...

Scelti per te

Uscire dal triangolo

Le strategie semplici possono avere molto successo I triangoli sono fra gli schemi più comuni nel trading. Scoprite i fondamentali...

Ecco come i professionisti guadagnano con i premi al rischio sulla volatilità

Marc Gerritzen La volatilità è una classe di asset molto giovane che attira sempre più investitori in confronto alle equity,...

Procedure di Risoluzione di una Controversia

Cosa fare in caso di controversie con una banca o un broker? Molti problemi potrebbero già essere evitati con una...

“Investo nei produttori di utensili digitali del futuro”

Markus Miller è il fondatore della società di media e consulenza www.geopolitical.biz e della piattaforma www.krypto-x.biz. Coordina una rete internazionale di informazione e comunicazione di consulenti fiscali, avvocati ed esperti economici e finanziari. Marko Gränitz lo ha incontrato per un’intervista in occasione dell’Invest di Stoccarda.

TRADERS´: A fine marzo è stato ospite del programma televisivo “Etichetta XY-Special: attenzione, frode!”. L’argomento era il Bitcoin e le criptovalute. Dal Suo punto di vista, quali sono i rischi maggiori del caso?

Miller: Ci sono svariati modelli di frode con presunte strategie di trading come l’arbitraggio Bitcoin, che non hanno nulla a che fare con i rendimenti, ma piuttosto con il fatto che non si vedono mai più i soldi depositati. Si tratta di classici schemi piramidali che vengono distribuiti attraverso dubbie attività di marketing multilivello. Pressoché dubbie sono anche le offerte per Bitcoin Mining. Ciò che molti consulenti non mostrano sullo schermo è anche un rischio di responsabilità civile quando raccomandano investimenti con commissioni.

TRADERS´: Quindi il mercato rimane tuttora un campo minato. Come possono dunque gli utenti investire seriamente in questo caso?

Miller: Non lo definirei un campo minato, ma è bene essere scettici e mettere in discussione le cose. Naturalmente, questo vale anche per altri mercati come le azioni o le materie prime, ma vale ancora di più nel caso delle criptovalute. Ecco perché consiglio agli investitori di affidarsi a società affidabili e solide come la Stuttgart Stock Exchange, che offre l’applicazione Bison come strumento eccellente per il trading di titoli di primo piano come Bitcoin, Ethereum o Ripple. Il vantaggio qui è che si investe direttamente e non attraverso i derivati. Solo così si possono utilizzare effettivamente le criptovalute per pagare, trasferire senza problemi e riscuotere gli eventuali profitti dopo un anno di detenzione ed esenti da imposte.

TRADERS´: Anche Lei stesso investe in asset cripto?

Miller: Assolutamente. In particolare, ho in mano dei Bitcoin, la madre di tutte le criptovalute, che mi piace chiamare oro digitale. Inoltre, ho un paniere di diversi valori tra le prime 20 criptovalute per capitalizzazione di mercato. In altre parole: sono un cosiddetto “holder”, che mantiene le proprie posizioni ed è convinto del potenziale a lungo termine di questa classe d’investimento, poiché la digitalizzazione e l’aumento di importanza della tecnologia blockchain non può essere fermata. Ma in linea di principio, questa classe d’investimento è interessante per molti investitori, poiché la sua performance è poco correlata ai classici investimenti in azioni. Questo è il motivo per cui gli asset cripto hanno valore almeno come commistione dal punto di vista della teoria del portafoglio.

TRADERS´: Cosa La rende così sicuro che Bitcoin e co. diventeranno sempre più importanti?

Miller: Vedo il valore di Bitcoin nel suo algoritmo, che guadagna sempre più fiducia nel tempo, mentre cresce la diffidenza verso i sistemi esistenti. Osservo anche un crescente adattamento della tecnologia. Ad esempio, Samsung, un player globale, ha recentemente integrato un portafoglio cripto nel suo nuovo modello di punta s10 per consentire pagamenti senza contatto con denaro cripto. A lungo termine, penso che sia il broker che la filiale bancaria del futuro saranno essenzialmente un’applicazione sul nostro smartphone.

TRADERS´: In cosa investe a parte il mercato cripto?

Miller: Possiedo un portafoglio di azioni Fintech con un elevato potenziale di crescita nonché azioni in importanti società tecnologiche consolidate. Vedo questi titoli come “produttori di utensili digitali del futuro”, che producono le infrastrutture e gli strumenti necessari che saranno utilizzati in futuro. Il motivo? Perché nella corsa all’oro, alla fine della giornata, spesso erano i “produttori di utensili” a trarne il massimo profitto, e gli stessi cercatori d’oro il minimo. Purtroppo, siamo in via di sviluppo per quanto riguarda la digitalizzazione, e in Europa, invece delle società Fintech di successo, abbiamo società in difficoltà. Oltre alle azioni, possiedo anche oro fisico e argento, e a livello regionale ho diversificato i miei investimenti, ad esempio in proprietà come i terreni in Canada.

TRADERS´: A Suo parere, quali sono gli errori più comuni commessi dagli investitori privati?

Miller: Penso che molti investitori abbiano rischi significativi di cluster e dovrebbero diversificare maggiormente i loro investimenti, ad esempio investendo in metalli preziosi. Inoltre, nella maggior parte dei casi, gli indici azionari sono troppo bassi. Qui consiglio l’MSC I World come semplice investimento di base. Una grossa fetta si trova spesso nel proprio patrimonio, il che ovviamente può essere utile nei singoli casi, ma di contro rappresenta uno di questi grandi “cluster” se costituisce la quasi totalità del patrimonio. Gli investitori dovrebbero evitare le obbligazioni governative e societarie, che oggi sono decisamente poco attraenti in termini di rischio. Inoltre, la maggior parte delle persone ha già un’esposizione più che sufficiente a questa classe di attività attraverso regimi pensionistici statali e assicurazioni sulla vita, ma molte persone non ne sono affatto consapevoli.

TRADERS´: Per quanto riguarda il pensiero strategico e le procedure, Lei è guidato da strategie militari. Che cosa significa concretamente?

Miller: Penso che dei buoni dirigenti aziendali possiedano qualità che li renderebbero anche buoni comandanti nei conflitti armati. E di fatto, il potere militare è assolutamente cruciale anche nel mondo di oggi. Prendiamo gli Stati Uniti come il miglior esempio. I loro debiti sono in definitiva coperti da una sola cosa: la loro potenza militare. In compenso, considero l’euro più come un sistema di palle di neve, che lo indebolisce sistematicamente.

TRADERS´: Quale importante direzione economica ravvisa nei prossimi anni?

Miller: Purtroppo vedo molti problemi, soprattutto in Europa. Ci sono la sempre più alta bilancia dei pagamenti tedesca (obiettivi di bilancio) nel sistema bancario centrale europeo e gli elevati debiti delle imprese che non aiutano il nostro problema demografico. Penso che questo porterà a una maggiore influenza statale, a un maggiore protezionismo e a una più forte restrizione dei diritti di proprietà. Possiamo già osservare quest’ultimo aspetto nella discussione su possibili espropriazioni a Berlino, il che mette in discussione la certezza del diritto e, a sua volta, ha un effetto negativo sugli investimenti futuri.

L’intervista è stata condotta da Marko Gränitz

Marko Granitz

Il Dr. Marko Gränitz è autore e relatore nel campo delle ricerche di mercato dei capitali e intervista costantemente trader in tutto il mondo. Sul suo blog offre informazioni sulle nuove scoperte riguardanti il momentum e altre anomalie di profitto.
http://www.marko-momentum.de/

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

ATFX

Directa

Articoli Correlati