Identificare le inversioni con i massimi e minimi arrotondati

Ultima ora

Il portafoglio del buon Padre di famiglia

Una storia che deve finire   I mercati sono fenomeni complessi da interpretare. Più che cercare di prevederli, vanno...

Pierino e l’America Great Again

Grande, grande, grande Donald Trump è andato in visita alla fabbrica della Ford. Difficile pensare a qualcosa di più americano della...

Scelti per te

Performance Booster: successo con la gestione tattica del rischio ( 2 Parte )

Il prossimo passo evolutivo per i daytrader Nella prima parte della nostra serie di strategie di attacco (TRADERS´ 07/2019; disponibile...

NUOVA GESTIONE DEL RISCHIO PER TRADER

Terza generazione di RMS: meno rischio e più ritorni   Successo con la strategia del piano di attacco Ogni trader con l’esperienza...

Questi sono i sette migliori indicatori e strumenti

Trend-trading di successo Nel trading, è molto importante saper leggere la struttura del mercato, lo stato emotivo e l'equilibrio tra...

Riceviamo da Money.it e pubblichiamo per i nostri lettori

La rassegna sui modelli grafici di inversione a cura di Money.it prosegue con i massimi o minimi “arrotondati”.

Queste figure di reversal tendono a formarsi al culmine di una tendenza rialzista (rounding top) o ribassista (rounding bottom). Tali configurazioni sono riconoscibili dal caratteristico cambiamento progressivo nei rapporti tra compratori e venditori. Le quotazioni rallentano (senza fermare) il trend in atto, per poi iniziare un progressivo cambio di direzionalità che va a formare la tipica forma tondeggiante. Solitamente, queste figure richiedono periodi di tempo piuttosto dilatati per formarsi. Sul fronte dei volumi, questi decrescono nella fase iniziale, per poi accentuarsi in quella finale.

Operativamente, l’entrata a mercato dovrebbe avvenire sulla rottura della neckline del modello, identificabile con la linea orizzontale che segnala il punto di flessione dei corsi. Come per altre figure l’obiettivo dei massimi (o minimi) arrotondati può essere identificato proiettando in basso (o in alto) l’altezza del modello (intesa come lo spazio che intercorre tra il punto di top o bottom raggiunto dal mercato e la neckline del modello).

Essendo una formazione piuttosto rara, vi sono maggiori probabilità che l’impulso correttivo ritracci buona parte del movimento precedente.

Dalla Redazione di Traders’

Articolo precedenteTraders’ Febbraio 2020
Articolo successivoGoldman Sachs: state preoccupati

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

Happy borsa

Directa

Articoli Correlati