Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

La frase magica di Powell

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Meno cassa sulle opzioni.

Questa sera ci sarà il comunicato della FED sui tassi di interesse, alle 20, ora dell’Europa Centrale, seguito dalla conferenza di Powell mezzora dopo.

C’è una frase che gli analisti osserveranno da vicino nel comunicato.

“In determining the extent of any additional policy firming that may be appropriate to return inflation to 2 percent ….”

“Nel determinare la portata di qualsiasi ulteriore consolidamento della politica monetaria che potrebbe essere appropriato per riportare l’inflazione ai livelli del 2% …..”. La frase viene seguita poi dalle condizioni valutate, che ora non ci interessa di esaminare.

Questa frase ha ribadito nel corso degli ultimi 15 mesi la volontà della FED di continuare ad aumentare i tassi di interesse, fino al raggiungimento dell’obiettivo di inflazione al 2%.

Secondo gli analisti, la permanenza di questa frase indica ancora un segnale di incertezza da parte della FED su quanto accadrà.

L’eliminazione della frase, significa voltare pagina, la FED confermerebbe una aspettativa ribassista sui tassi.

Nell’ultima riunione, a dicembre, è sembrato chiaro che nessun governatore era propenso a ipotizzare un ulteriore inasprimento dei tassi di interesse.

Ora, quello che il mercato si aspetta è che da una aspettativa “non rialzista”, si passi ad una aspettativa “ribassista” sui tassi di interesse.

In dicembre, il mercato ha prezzato fino al 90% di probabilità di un taglio dei tassi a marzo, per poi ridimensionare in modo più realistico le probabilità al 50%, a fronte di dichiarazioni di evidente cautela da parte dei governatori, nei giorni successivi alla riunione di dicembre.

L’ultimo aumento, la FED lo ha deciso a luglio del 2023. L’inflazione da allora è scesa gradualmente e ora è stimata a circa l’1% in più dell’obiettivo.

Nelle ultime due settimane, i commenti pubblici dei governatori manifestano molta più apertura ad una accelerazione del taglio dei tassi.

Nel contempo, molte dichiarazioni di parte politica esprimono preoccupazione per la continuazione della stretta monetaria, e quanto questo stia influenzando la FED è cosa tutt’altro che improbabile.

Il mercato azionario sta spingendo verso l’alto, ma il momento di una pausa si sta avvicinando.

Sul nostro canale webinar, abbiamo parlato di valute e di dollaro: clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

 

 

P.S.: Sul mercato delle opzioni sull’S&P500 c’è un evidente posizionamento molto prudente da parte degli operatori.

La vendita di put viene fatta su livelli lontani e sembra che ci sia molta stanchezza a continuare a spostare verso l’alto le call.

Sono sintomi di temporanea possibile prossima pausa del ciclo.

Entro il 7-8 febbraio, dal massimo, se già non è stato fatto, è probabile si scenda un poco.

Se i grandi non guadagnano o guadagnano meno, c’è da aspettarsi un intervento per ripristinare la redditività.  

Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

 

Esplora con noi le strategie di trading in opzioni che non abbandonerai mai più per tutta la tua vita di investitore o di trader.

Clicca qui sotto per chiedere la registrazione dell’Opzionaria Friendly Tour di Torino a condizioni eccezionali, sette ore di grande ed imperdibile Cultura Finanziaria dei Mercati e delle Opzioni.

 

 

 

Maurizio Monti

  Editore Istituto Svizzero della Borsa

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni settimana la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati