Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Forum dei Derivati Eurex 2020

Newsletter del settimanale

Altrimenti ci sarebbero i dinosauri

“I have to give a lot of “maybe” answers in my world and they are never well received”. Devo rispondere...

Diversifica il tuo portafoglio

Una strategia redditizia per le materie prime I mercati hanno i loro modelli stagionali e ciclici, con configurazioni rialziste alternate...

Le 10 principali fonti di stress degli italiani in uscita dalla pandemia

Riceviamo da Allurion Technologies e pubblichiamo per i nostri lettori Un sondaggio nazionale rivela le 10 principali fonti di stress...

Il mondo è in una guerra digitale

Cambio di paradigma nella geopolitica La geopolitica descrive le interazioni tra eventi politici ed economici. La disputa tra Cina e...

La cultura spazia in rete attraverso 7 forme d’arte. E non solo. (3° e ultima parte)

Il ‘Cross Border Project’, la web serie ‘SIE7E’, gli episodi di ‘VideoDante’ e ‘La via della seta’ Nello scorso articolo,...

Ultima ora

Una grande lezione di trading live

È anche una lezione di vita Non lo facciamo spesso. Anzi non lo facciamo quasi mai.   Ma stavolta è diverso. Un metodo di trading...

Il Forex? Ormai va tutto in laterale…

La doppia sfida vinta Sembra un’era geologica fa: ma nel 2018 e soprattutto nel 2019, parlammo spesso su queste colonne,...

Scelti per te

Profitto invece di speculazione

Roland Ullrich Roland Ullrich lavora da 20 anni nel business delle equity nelle più grandi banche di Francoforte, Londra e...

Il paradosso del rischio

Selezionare titoli secondo i princìpi del basso rischio In questa strategia d’investimento, viene utilizzata l’anomalia del basso rischio per ottenere...

Il successo inizia nella mente

La psicologia del trading nel mercato azionario I potenziali trader di borsa sono convinti di poter affrontare completamente da soli...

La conferenza per gli investitori istituzionali

Il Forum dei Derivati si è svolto a Francoforte per la terza volta il 27 febbraio 2020. Erano presenti più di 500 partecipanti che hanno assicurato un significativo aumento di partecipazione a questo evento rispetto agli anni precedenti. Marko Gränitz riassume i punti più interessanti della conferenza.

Il Forum dei Derivati è stato aperto dal CEO dell’Eurex Thomas Book, che nel suo discorso ha parlato delle sfide, ma anche delle opportunità e le responsabilità del settore finanziario in Europa. Egli vede Eurex come un architetto per la liquidità e l’efficienza nei mercati, che alla fine costituisce la base per la fiducia degli operatori di mercato. James von Moltke, CFO della Deutsche Bank, ha poi parlato della perdita di Londra, come il più grande centro finanziario dell’UE, dopo la Brexit. Secondo lui, il più grande svantaggio dell’Europa rispetto agli Stati Uniti e alla Cina è che il settore bancario e i mercati dei capitali in generale sono ancora molto frammentati. In questo caso, la Brexit potrebbe in definitiva offrire l’opportunità di un reset, al fine di (finalmente) far avanzare in modo significativo l’unione bancaria e l’integrazione dei mercati dei capitali europei.

Guidare l’unione dei mercati dei capitali
Il primo gruppo di esperti del giorno ha anche affrontato la questione di come rafforzare i mercati finanziari europei e l’euro. Secondo Fiona van Echelpoel della BCE, a Bruxelles esiste ora un consenso sul fatto che l’unione dei mercati dei capitali sia necessaria in Europa, soprattutto dopo la Brexit. Erik Müller di Eurex è poi entrato nel discorso dell’euro e ha parlato del fatto che la fiducia nella valuta e la sua stabilità sono certamente presenti. Dopo tutto, l’euro è la seconda più grande valuta di riserva al mondo dopo il dollaro USA, ma manca ancora di attrattiva a causa del basso livello dei tassi di interesse. Nel complesso, l’euro può certamente essere visto come una storia di successo e l’Europa come un continente con un grande potenziale, anche se vede ancora i mercati dei capitali relativamente sottosviluppati. In qualità di controparte centrale nel mercato dei future, assegna a Eurex un ruolo decisivo nella stabilità del mercato finanziario gestendo e monitorando le garanzie depositate nelle operazioni a rischio, eliminando così i rischi e gli attriti dal sistema finanziario. James von Moltke ha aggiunto che il regolamento degli ultimi dieci anni ha avuto un notevole successo, ma che in alcuni casi ha anche parzialmente inibito la crescita. Ora le banche europee dovrebbero recuperare terreno e l’euro potrebbe diventerebbe più attraente come valuta. Con regolamenti, mercati e istituzioni di conseguenza uniformi, il panorama in Europa potrebbe apparire completamente diverso in dieci anni da quello che è oggi. Fiona van Echelpoel ha anche espresso uno spirito di ottimismo: se non ora l’unione dei mercati dei capitali, quando?

Altri argomenti e discussioni
Durante il giorno, si sono svolti gruppi di dibattito che trattavano vari argomenti. Il primo dibattito sul cosiddetto “Alpha Stream” ha affrontato la questione di quali transazioni vengano effettuate in borsa e quali over the counter (in breve OTC). Tra gli operatori è emerso il consenso sul fatto che, oltre alle transazioni standard, alcune transazioni nell’area delle opzioni, ad esempio, potrebbero essere sempre più automatizzate sulle borse valori, che finora sono state effettuate over the counter. Allo stesso tempo, tuttavia, vi è ancora la necessità di transazioni over-the-counter con le strategie di investimento complesse e i grandi ordini che, d’altra parte, richiedono una corrispondente propensione al rischio. Gli operatori hanno inoltre suggerito che maggiori incentivi per i market maker, a mostrare liquidità nel portafoglio ordini, potrebbero rappresentare un modo per incrementare il trading in borsa. Soprattutto con le opzioni a reddito piuttosto basso, l’obiettivo più importante dovrebbe essere anche quello di portare sul mercato ordini di clienti più reali generando un interesse più forte e duraturo per questi prodotti, ad esempio attraverso ulteriori e continue offerte di formazione. Un altro gruppo si è occupato dell’evoluzione dell’ecosistema ETF. Oliver Kilian di UniCredit considera l’ondata di investimenti sostenibili (investimenti ESG) una grande opportunità per i fornitori di ETF. Jörg Sengfelder di Flow Traders ha concordato che vi sono flussi crescenti nell’area ESG e che è necessario disporre di corrispondenti future ESG compatibili nel trading quotidiano. In definitiva, l’elevata liquidità degli ETF nel trading giornaliero e soprattutto nei periodi di stress si basa sui corrispondenti mercati futures, anziché fare prima la deviazione tradando i relativi panieri azionari. Max Linne di BlackRock ha aggiunto che il più grande fornitore di ETF al mondo ha un vero interesse per il fatto che le opzioni sugli ETF sono tradabili, poiché ciò aiuta a creare un ecosistema di ETF stabile che va a beneficio di tutti, quindi il trading di opzioni utilizza BlackRock indirettamente come un fornitore di ETF. Altri argomenti affrontati sono l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico. Peng Cheng di J.P. Morgan ha affermato che oggi il tema principale dovrebbe essere quello di fare previsioni ben informate. Non dovrebbe essere una “gara” sui modelli di previsione storicamente migliori, ma piuttosto una combinazione di intelligenza artificiale e umana e quindi l’unione dei punti di forza di entrambi i mondi. Bastian Lechner di Catana Capital ha aggiunto nella discussione che l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico sono ancora all’inizio. Quando gli è stato chiesto quale ruolo avesse attribuito ai Robo Advisor noti oggi, ha risposto che è essenzialmente uno strumento di marketing con un front-end digitalizzato, senza offrire davvero nulla di nuovo oltre a quello. Nell’ultimo gruppo della giornata, il moderatore Matthias Knab ha dichiarato che negli Stati Uniti ci sono solo circa la metà delle società quotate rispetto alla fine degli anni ’90 e che il numero di nuovi IPO stava complessivamente diminuendo. Andreas Kaluschke di Prime Capital attribuisce questo al fatto che la trasparenza richiesta per una presenza di successo per le società in borsa è molto alta al giorno d’oggi. In confronto, ci sono anche modi più semplici per raccogliere capitali. Christoph Schon von Qontigo ha anche sottolineato che in definitiva, si tratta di adottare il modo più conveniente di reperire capitali e che non deve necessariamente essere una quotazione in borsa, soprattutto per le società più piccole che non sono apparse in alcun benchmark e sono rimaste sotto il radar degli investitori istituzionali. I requisiti ESG imminenti ridurrebbero addirittura l’incentivo per una quotazione in borsa, in quanto ciò comporterebbe ulteriori sforzi. Alla fine dell’evento, Martin Lück di BlackRock ha parlato in forma breve degli attuali sviluppi economici e geopolitici. Qui, ovviamente, non dovrebbe mancare il riferimento al coronavirus, che è stato anche sottolineato durante l’evento a titolo di segnali informativi. Lück ha sottolineato che circa il 30 percento della crescita globale oggi proviene dalla Cina, motivo per cui il paese svolge un ruolo centrale nell’economia globale. Tuttavia, Lück continua a vedere la politica della banca centrale come il fattore ultimo per un ulteriore sviluppo. Per quanto riguarda le elezioni di quest’anno del presidente degli Stati Uniti, potremmo forse sperimentare un evento ancora più folle rispetto al 2016: tempi entusiasmanti nei mercati!

Conclusioni
Il Forum dei Derivati è stato un completo successo con un numero di partecipanti molto più elevato rispetto agli anni precedenti. Dietro a tutto questo, vi è lo sforzo di Eurex nello stabilire la conferenza leader del settore presso il centro finanziario di Francoforte e di consolidare la posizione in tutta Europa. In termini di contenuto, le conferenze sono state molto varie in base alla clientela prevalentemente istituzionale ad alto livello tecnico e grazie a due flussi paralleli. Alla fine della conferenza, il CEO di Eurex Thomas Book ha annunciato che l’evento si svolgerà anche l’anno prossimo.

 

Dalla Redazione di Traders’ Magazine

 

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati