Le figure di analisi tecnica: il cuneo

Ultima ora

Il portafoglio del buon Padre di famiglia

Una storia che deve finire   I mercati sono fenomeni complessi da interpretare. Più che cercare di prevederli, vanno...

Pierino e l’America Great Again

Grande, grande, grande Donald Trump è andato in visita alla fabbrica della Ford. Difficile pensare a qualcosa di più americano della...

Scelti per te

Performance Booster: successo con la gestione tattica del rischio ( 2 Parte )

Il prossimo passo evolutivo per i daytrader Nella prima parte della nostra serie di strategie di attacco (TRADERS´ 07/2019; disponibile...

NUOVA GESTIONE DEL RISCHIO PER TRADER

Terza generazione di RMS: meno rischio e più ritorni   Successo con la strategia del piano di attacco Ogni trader con l’esperienza...

Questi sono i sette migliori indicatori e strumenti

Trend-trading di successo Nel trading, è molto importante saper leggere la struttura del mercato, lo stato emotivo e l'equilibrio tra...

Riceviamo da Money.it e pubblichiamo per i nostri lettori

La trattazione dei modelli di analisi tecnica a cura di Money.it prosegue con un modello di continuazione, il cuneo (anche detto wedge).

La figura ricorda un triangolo, anche se a differenza di quest’ultimo, le due trendline che formano il cuneo sono inclinate verso il basso.

Come per altre conformazioni grafiche, i volumi rivestono una grande importanza: all’interno del wedge sono decrescenti mano a mano che ci si avvicina al “vertice”. Quando si verifica il breakout della figura invece, i volumi tendono ad esplodere. Secondo le regole classiche, la rottura si dovrebbe verificare tra la metà e i tre quarti del modello.

A livello operativo invece, si potranno valutare strategie long al re-test della parte superiore del cuneo dopo il breakout. Viceversa, si avrà la possibilità di valutare strategie short sul pullback della parte inferiore del modello.

Non sempre il cuneo è sinonimo di continuazione. Quando una tendenza si appresta all’esaurimento infatti, questo modello può segnalare un’inversione: si parlerà quindi di rising wedge (in un uptrend, le trendline sono orientate verso l’alto), e falling wedge (in un downtrend, le trendline sono orientate verso il basso). In questi due casi le modalità operative non cambiano. Si potrà valutare una strategia in linea con il verso della violazione della figura.

Dalla Redazione di TRADERS’ Magazine

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

Happy borsa

Directa

Articoli Correlati