Aumenta i profitti di trading con Z-Score

0
129

Indicatori tecnici. Praticamente tutti i trader di successo si comportano come scienziati che “misurano” i mercati. Ad esempio, cercano forza del trend, volatilità o dati fondamentali come vendite o pipeline di prodotti. Solo le cose che possono essere misurate possono anche essere giudicate bene. A questo proposito, gli operatori discrezionali sono in svantaggio. Ovviamente guardano anche ai loro mercati, ma l’istinto rimane l’argomento più importante. Un trader medio può conviverci. Tuttavia, un analista di borsa deve comportarsi come uno scienziato perché produce nuove conoscenze con le sue analisi.

Lo Z-Score gioca un ruolo importante nelle statistiche e aiuta a valutare correttamente i dati. All’interno del trading, si usa per analizzare le fluttuazioni dei prezzi. Questo funziona per tutti i mercati e i tempi. La logica matematica è semplice: prendi una media mobile (MA) e usa la deviazione standard per valutare le fluttuazioni del prezzo intorno alla media. Il corso non viene valutato in euro o punti, ma come deviazione dalla media. Molti trader lavorano indirettamente con lo Z-Score e non lo sanno nemmeno. Le bande di Bollinger si basano sulla stessa matematica. La differenza sta nella presentazione, perché lo Z-Score viene solitamente visualizzato sotto il grafico come indicatore, mentre le bande di Bollinger racchiudono l’andamento del prezzo direttamente nel grafico.

Formula:

Z-Score = (Close – MA(Close, Periodo)) /DevSt (Close, Periodo)

Close = prezzo di chiusura

MA = media mobile semplice

Periodo = periodo di osservazione (Standard = 20)

DevSt = Deviazione standard del prezzo nel periodo. Il modo in cui lo Z-Score e le bande di Bollinger sono correlati tra loro può essere visto nella figura 1.

F1) Grafico settimanale delle azioni ASML con bande di Bollinger (20) e indicatore Z-Score (20)
Entrambi gli indicatori si basano sulla stessa matematica e sono quindi simili. Il vantaggio delle bande di Bollinger deriva dalla rappresentazione visiva. Le bande sono integrate direttamente nel corso del prezzo e l’analista può utilizzarle per valutare meglio i modelli di movimento. Al contrario, lo Z-Score fornisce il valore numerico diretto della probabilità. Lo schema verde nell’indicatore Z-Score si verifica quando la lettura è superiore a +1 (rialzista). C’è solo un valore permanente sopra +1 nel trend rialzista.
Fonte: Amibroker

Di solito, viene utilizzata una semplice MA(20) per rappresentare le Bande di Bollinger. Le bande sono posizionate attorno a questa media a una distanza pari al doppio della deviazione standard. Il confronto tra i due indicatori mostra che incrociare le Bande di Bollinger significa automaticamente incrociare i valori dello Z-Score sopra +2 o sotto -2. Di conseguenza, la linea zero dello Z-Score corrisponde alla media mobile nel grafico. Ad esempio, se vuoi sapere fino a che punto il corso ha superato una banda di Bollinger, puoi trovare il valore numerico nello Z-Score.

Qual è il vantaggio dello Z-Score?

L’analisi dei prezzi riguarda sempre ciò che è normale e ciò che è anormale. La normalità può essere definita matematicamente. Tutti i corsi che sono inferiori a +1 e maggiori di -1 sull’indicatore Z-Score possono essere definiti normali. Ciò significa che i prezzi sono nella deviazione standard semplice. Una deviazione standard contiene sempre il 68 percento di tutti i corsi. Di conseguenza, il restante 32 percento dei corsi deve essere descritto come anormale. Sono maggiori di +1 o minori di -1.

È così che l’analista riconosce la tendenza

Lo Z-Score ha due soglie importanti. Se l’indicatore oscilla tra +1 e -1, il movimento del mercato è normale. Tuttavia, una tendenza è sempre un movimento di prezzo anomalo. Pertanto, quando c’è un trend rialzista, l’indicatore Z-Score deve fornire la maggior parte dei valori numerici +1. In linea con questo, ci sono valori numerici inferiori a -1 nel trend ribassista.

Impostazione del periodo Z-Score

Molti indicatori di analisi tecnica presentano il prezzo in forma smussata, con l’obiettivo di filtrare la parte casuale del movimento. Inevitabilmente, l’indicatore perde la sua velocità di reazione con il livellamento. Lo svantaggio di questo è che l’indicatore è in ritardo rispetto al prezzo. Questo non è il caso dello Z-Score, perché mostra solo l’andamento diretto dei prezzi in una diversa forma di rappresentazione. Non c’è ritardo. Nell’analisi tecnica, un’impostazione del periodo di 20 viene spesso scelta per l’indicatore Z-Score. Ad esempio, in un grafico giornaliero, ogni nuovo corso viene confrontato con quello degli ultimi 20 giorni. L’impostazione del periodo del Z-Score ha un significato speciale. Supponiamo che l’impostazione dello Z-Score sia scelta con cinque periodi. Se lo Z-Score supera la linea +1, significa solo che l’attuale azione del prezzo è stata forte rispetto alle ultime cinque candele. Ovviamente non si può parlare di tendenza dopo cinque candele. Ciò dovrebbe chiarire che lo Z-Score non deve essere utilizzato con un’impostazione di periodo troppo piccola se si tratta di trend trading. La figura 2 fornisce una piccola panoramica di come si comporta l’indicatore Z-Score con diverse impostazioni del periodo.

F2) Modello comportamentale dell’indicatore Z-Score nel trend rialzista
L’impostazione del periodo è importante per interpretare correttamente i modelli storici. Un carattere di tendenza può essere visualizzato bene solo con un’impostazione di periodo più alta. In pratica, l’impostazione del periodo più basso è spesso intorno a 14 o 15. Il più delle volte, il gusto personale del trader determina il valore del periodo.
Fonte: Amibroker

Trend trading: Z-Score come strumento per trovare un segnale di uscita

Questo è spesso il problema: il mercato è in forte tendenza e il trader vuole navigare il più a lungo possibile. Fedele al motto: lascia correre i profitti e taglia le perdite. In realtà, è quello che vogliono tutti i trader e questo certamente non rende le cose più facili. Naturalmente, neanche l’indicatore Z-Score può fornire una accurata previsione futura. Matematicamente, tuttavia, mostra quando il pericolo di un brusco contromovimento diventa grande. Quindi lo Z-Score sarebbe un buon strumento di reazione per le tendenze. Diciamo che il trader è long e ha costruito un’ampia posizione nel trend rialzista. Le buone tendenze durano sempre più a lungo di quanto creda la maggior parte dei partecipanti al mercato. Pertanto, il trader vuole uscire solo quando il mercato lo costringe a farlo. Potrebbero esserci piccole battute d’arresto nei modelli di movimento e non dovrebbero nemmeno interrompere la tendenza al rialzo. In una tendenza forte, i prezzi si spostano regolarmente sopra +1. Ciò pone una domanda importante per il trader: fino a che punto arrivano i contromovimenti più piccoli nel trend rialzista? Risposta: i movimenti “sani” corrono approssimativamente fino alla linea zero; dopodiché, il contromovimento dovrebbe essere esaurito. La tendenza al rialzo dovrebbe quindi continuare di nuovo. Ora ci sono anche molti movimenti casuali nei corsi che possono essere classificati come rumore dei prezzi. Lo Z-Score è unico nel misurare l’azione del prezzo: in una tendenza al rialzo, non può esserci alcun contromovimento che scenda sotto -1! Con questo abbiamo definito un punto matematicamente preciso in cui la debolezza del trend rialzista forza un’uscita. Il limite di -1 è definito in matematica chiaramente come un valore anomalo. Pertanto, in un forte trend rialzista, non ci deve essere alcun valore al di sotto di esso. Se esiste, allora c’è qualcosa che non va nel trend rialzista. La forza del trend potrebbe quindi essersi indebolita o la struttura del mercato potrebbe essere cambiata al punto in cui è imminente un ulteriore consolidamento. Nella figura 3 sono definiti tre punti di uscita significativi.

F3) Grafico giornaliero del Bund future con possibili uscite parziali
All’interno del trend trading, l’uscita da una posizione è la chiave per il successo a lungo termine. L’indicatore Z-Score offre tre importanti limiti di uscita. In un forte trend rialzista, lo Z-Score supera il valore +2. Se il valore diminuisce, l’esagerazione viene ridotta. Se il valore +2 viene superato, puoi ottenere una vincita parziale. Spesso la tendenza non è ancora finita e la tendenza al rialzo continua. La prossima presa di profitto parziale avrebbe senso al superamento del +1. In questo caso, la tendenza sembra aver bisogno di una pausa. Uno Z-Score di -1 è inaccettabile. Se lo Z-Score z attraversa -1 dall’alto verso il basso, la tendenza al rialzo è gravemente interrotta.
Fonte: Amibroker

Regole di uscita da un trend rialzista

Se il guadagno di prezzo è alto, allora un buon punto di uscita in un’operazione long è quando lo Z-Score supera la soglia +2 dall’alto verso il basso. È anche possibile ottenere un profitto parziale (vedi uscita 1). Scendere sotto +2 è un segno che il momentum sta svanendo leggermente. Tuttavia, questo raramente indica la fine della tendenza al rialzo. La prossima possibilità di uscita arriva all’uscita 2. In questo caso, il prezzo supera la soglia +1 dall’alto verso il basso. Le forti onde ascendenti terminano con Z-Score +1. L’ultimo punto di uscita in una posizione long è al limite -1 (uscita 3). È anche territorio degli orsi. Questo valore potrebbe anche essere il punto di partenza di una nuova ondata discendente.

Lo Z-Score è uno strumento eccezionale

L’indicatore Z-Score è uno dei migliori che l’analisi tecnica ha da offrire. Perché passi in gran parte inosservato è un mistero. I possibili usi sono insolitamente ampi, perché lo Z-Score è un oscillatore che ovviamente non è solo utile nel trend trading, ma serve anche come strumento per l’analisi delle onde nello swing trading a breve termine. Il vantaggio più importante risiede nell’accuratezza matematica dei valori Z-Score. A causa delle chiare linee di confine a +2, +1, 0, -1 e -2, nel trading si possono trovare punti di entrata e di uscita più accurati. Con lo Z-Score, ogni movimento di prezzo può essere misurato esattamente.

Dalla Redazione di Traders’ Magazine