Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Anatomia del trend nell’area intraday

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Le basi del trend trading

Nel trading attivo, il rilevamento e la determinazione del trend sono molto importanti per ottenere una buona entrata in un trade. Gli indicatori o gli oscillatori del trend vengono spesso utilizzati per l’identificazione. Invece, il modo migliore per identificare i trend si basa sul flusso dei prezzi e sulla variazione virtuale dei prezzi nel portafoglio ordini. Questa è esattamente la base di questa strategia, le cui caratteristiche di base sono presentate qui e saranno esaminate più approfonditamente nella prossima puntata.

La domanda che dobbiamo porci come potenziali trader è la seguente: a che punto e in quale fase del trend si perde più denaro e in quale fase del trend è possibile vincere di più? Se si osservano le singole fasi del trend, è possibile vedere che maggiore è il time frame, il trend puro è sempre più chiaro e pronunciato. La tendenza appare meno chiara nei time frame più piccoli, ma il rischio del trade è molto più basso a causa dell’uso di stop più piccoli. Quindi, almeno nel trading intraday attivo, dobbiamo vedere come trovare un compromesso sul trend a lungo termine in tali fasi. Ma cosa succede effettivamente in una fase di tendenza se si considera che ogni transazione in borsa è neutrale? Abbiamo bisogno di una vendita per ogni acquisto e un acquisto per ogni vendita. Quindi la frase “hai più acquirenti o venditori sul mercato” deve essere riconsiderata. La definizione corretta è “hai più acquirenti attivi o più venditori attivi che, a seconda della forza del trend, sono disposti a pagare prezzi più alti (o più bassi) di quelli attualmente tradati. Di conseguenza, il mercato inizia a salire o a scendere sempre più velocemente”. Quindi, per quanto riguarda il lato long, questo significa che il mercato prenderà velocità man mano che gli acquirenti inizieranno ad acquistare sempre più a tassi Ask più elevati. Un altro punto nella comparsa di un trend sono le cosiddette coperture short. Ciò significa che i venditori allo scoperto sono fuori posto e devono coprire le posizioni il più rapidamente possibile, il che genera una domanda aggiuntiva e aumenta il momentum generale.

Queste sono situazioni naturali nello sviluppo del trend. Tuttavia, ci sono anche situazioni artificiali in cui i grandi operatori di mercato cercano di cambiarlo a loro favore dal portafoglio ordini posizionando visibilmente una posizione di grandi dimensioni (ask nella tendenza al rialzo o bid nella tendenza al ribasso). Il mercato o gli operatori vedono questi ordini e si spostano lì, perchè dovrebbe essere una promettente opportunità di trading. Non appena il mercato ha preso di mira questa posizione nel portafoglio ordini, ma non è ancora stato attivato, l’operatore di mercato “manipolatore” sposta da quattro a sei posizioni nel portafoglio ordini e il mercato cerca di raggiungere nuovamente questa grande posizione. In questo modo, i più grandi operatori possono orientare il percorso nella giusta direzione. Diventa difficile quando le notizie o le cifre trimestrali influenzano il trend e il suo sviluppo. Queste cose non hanno nulla a che fare con l’abilità del trader, ma sono semplicemente legate alla velocità di elaborazione delle informazioni. Il trader privato seduto dietro al suo schermo è chiaramente svantaggiato. Per capire una tendenza, il potenziale trader deve comprendere quando un movimento ha forza in esso, o quando dovrebbe collocare meglio quel valore in disparte e fare una pausa. Soprattutto nei momenti in cui i mercati raggiungono ogni angolo per distruggere la stabilità del trend, è importante riconoscere quando arriva la giusta forza (sia sul lato long che sul lato short). Molti trader non riconoscono queste aree perché non sanno cosa cercare in queste fasi di forza. Ma questo è esattamente il compito principale del day trader.

Formazione del trend e punti cruciali nell’anatomia del trend
Ci sono alcuni punti nell’anatomia di un trend che sono cruciali per la formazione di determinate situazioni di tendenza. Costituiscono la base per prendere decisioni di acquisto o di vendita. Un primo punto importante è la colorazione delle candlestick, perché indicano il trend dal punto di vista dei prezzi. Se ci troviamo in una tendenza al rialzo, il grafico mostrerà principalmente candele verdi. Le correzioni nella tendenza al rialzo dovrebbero essere a breve termine, poiché più brevi sono le correzioni, più forte era il movimento precedente. Lo stesso si può vedere al contrario in una tendenza al ribasso. La dimensione delle candele è una buona misura della forza nel trend. Più grandi sono le candele, più forte e veloce viene elaborato il portafoglio ordini. In questo contesto, il trader dovrebbe sempre dare un’occhiata al volume di trading: più grande è la candela e maggiore è il volume al suo interno, più è probabile che il movimento sia prossimo alla fine e che il valore venga corretto, almeno temporaneamente. Se, per esempio, un volume estremamente grande viene visualizzato nel grafico da 5 minuti, il trend sarà terminato. Da tali punti, si dovrebbe quindi fare affidamento su un’inversione del comportamento del trend. Esempi di un volume così elevato sono il Dow Jones Future (YM) con 10.000 contratti, il Nasdaq 100 Future (NQ) con 40.000 contratti e l’S&P 500 Future (ES) con 300.000 contratti. Un’altra buona fonte di informazioni per il comportamento del trend sono le Moving Average (MA). Più salgono o scendono, più forti sono le azioni dal portafoglio ordini e più interessante è il rispettivo valore per i trader. Un portafoglio ordini attivo significa che gli operatori di mercato tradano e non hanno tempo per pensare. Lo svantaggio delle MA è che sono ritardate nel tempo. Ad esempio, per visualizzare una MA (20) nel grafico da 5 minuti, sono necessari 20 periodi di cinque minuti ciascuno, vale a dire 100 minuti di tempo di esecuzione prima che diventi attivo e possa essere visualizzato. Questo non è un problema con grandi cronologie di dati, ma questa latenza rimane, e può causare alcuni problemi, nel trading attivo. Nel comportamento del trend attivo, si vedono spesso situazioni in cui un valore scorre fortemente in forma di tendenza, ma poi sembra fermarsi arbitrariamente e va in correzione. Queste sono aree importanti nel comportamento del trend, dal momento che una nuova e fresca resistenza (e sul lato short un nuovo e fresco supporto) si è formato in questo punto di inversione. In queste aree in cui il mercato si sta invertendo, la domanda non è più presente e il valore va in correzione. Qui, la conoscenza del portafoglio ordini è fondamentale per identificare in anticipo come continuerà il trend. Nel complesso, le aree in cui si formano nuovi massimi nella tendenza al rialzo o nuovi minimi nella tendenza al ribasso, svolgono un ruolo importante nella questione della continuazione del trend. Qui, il trader riconosce se nuovo denaro sta entrando nella fase del trend o se il trend non è più confermato.

Istruzioni rilevanti per l’entrata
Nell’anatomia del trend e nella preparazione di un’entrata, alcuni punti devono verificarsi per entrare in un setup. Spesso sono le piccole informazioni dal portafoglio ordini nella formazione del trend che portano all’entrata. Quindi, potrebbe essere che un ordine più grande, che è nell’ask del portafoglio ordini, diventi verde nel bid dell’elenco Times & Sales dopo il primo trade. Questo sarebbe un indicatore importante per andare long in quel valore immediatamente, perché è un segno che gli operatori di mercato probabilmente accetteranno prezzi significativamente più alti. D’altro canto, un salto di prezzo a livello micro significa che gli operatori del mercato hanno saltato il prezzo di tre o quattro posizioni nel portafoglio ordini. Con queste informazioni, voi come trader, sapete che i grandi operatori nei mercati intervengono attivamente nell’azione. Quindi, le correzioni sono di breve durata, il rischio è basso e il movimento nel trend sarà molto probabilmente ampio.

Conclusioni
Prima che i trader si occupino dell’analisi del trend e quindi del trend trading, dovrebbero sempre guardare a quanto è forte la tendenza. Il riconoscimento della vera forza offre al trader sicurezza e costituisce la base per raggiungere un successo di trading riproducibile. Chiunque riconosca queste fasi di forza sa anche da che parte stanno i più grandi operatori e, ovviamente avrà meno probabilità di stare dalla parte dei perdenti. Sulla base delle conoscenze fornite qui, presenteremo una strategia di trading corrispondente nel prossimo capitolo.

Peter Soodt

Peter Soodt è un day trader a tempo pieno e fondatore di seminari di trading PS. È specializzato nel riconoscimento dei pattern e nel trading order book.
www.ps-trading-seminars.com

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati