Strumento di analisi per Bitcoin

0
71
F1) Modello Stock-to-Flow Il modello stock-to-flow prevede prezzi Bitcoin a sei cifre per l'attuale ciclo di dimezzamento. La base è il rapporto tra il numero esistente e i bitcoin appena aggiunti. Fonte: www.planbtc.com

Analisi tecnica. Il fenomeno Bitcoin attira molte persone: speculatori, nerd, governi, ma anche estranei che vogliono semplicemente capire in primo luogo perché un tale asset digitale viene tradato a un tasso di cinque cifre in dollari. A questo punto ci interessa una cosa: come si possono convertire i massimi e minimi volatili in profitti e quali tecniche di analisi e fonti di informazioni possono essere aiuti preziosi?

Bitcoin: una breve introduzione

Bitcoin è stato sviluppato nel 2009 e si basa su una rete di computer decentralizzata in costante crescita che convalida tutte le transazioni in entrata e utilizza la crittografia per registrarle su una blockchain visibile a tutti, proteggendole così dalla manipolazione. Ciò rende superflue tutte le istituzioni come gli Stati o le banche centrali. La fiducia in Bitcoin è delegata a un algoritmo che controlla il numero di Bitcoin di nuova creazione e quindi regola l’offerta di moneta. A causa dell’elevata volatilità e liquidità dei prezzi, è ovvio tradare con Bitcoin invece di limitarsi all’ “HODLing” (Hold On for Dear Life), ovvero tenerli come investimento a lungo termine. In ogni caso, le tempistiche e la gestione del rischio sono molto importanti se vuoi guadagnare con Bitcoin.

La prima risorsa digitale limitata al mondo

Cominciamo con una visione a volo d’uccello del motivo per cui Bitcoin ha un valore. Come è noto, il numero totale di bitcoin è limitato a 21 milioni, il che ne fa il primo asset digitale che tende a scarseggiare e che è trasportabile su un canale di comunicazione. In linea di principio, i bitcoin dovrebbero diventare più costosi perché l’ “hash rate” continua ad aumentare. È necessario mantenere la blockchain e richiede un aumento della potenza di calcolo e di energia, il che causa un aumento dei costi. I bitcoin non possono essere estratti altrimenti. Inoltre, nuovi partecipanti al mercato vengono attratti dal mercato Bitcoin perché gli investimenti alternativi producono rendimenti nulli o addirittura negativi.

Modello di valutazione a lungo termine basato sulla scarsità del bene

Per riunire l’offerta esistente di un bene e il volume di produzione annuale, nell’area delle materie prime viene utilizzato il cosiddetto stock-to-flow. Prendiamo l’oro come esempio: l’oro disponibile in tutto il mondo (stock) viene confrontato con la produzione annuale (flusso). Il rapporto può essere espresso come cifra chiave. Quando il rapporto scorte/flussi è alto, c’è una grande discrepanza tra la produzione annua e le scorte totali disponibili per un cespite. Uno stock-to-flow di 60 significa che ci vorrebbero 60 anni per raddoppiare lo stock attuale con l’attuale produzione di oro. Più alto è l’indice, più raro è un bene. Lo stock-to-flow di Bitcoin è attualmente di circa 57, quasi quanto l’oro. L’inventore di Bitcoin Satoshi Nakamoto (uno pseudonimo) lo mette in questo modo: “Come esperimento mentale, immagina che ci fosse un metallo di base raro come l’oro ma con le seguenti proprietà: colore grigio noioso, non un buon conduttore di elettricità, non particolarmente forte [..], non utile per alcuno scopo pratico o ornamentale e con una speciale proprietà magica: può essere trasportato su un canale di comunicazione.”

L’idea di un nuovo indicatore

L’analista PlanB, che ormai è una sorta di guru della scena crypto, qualche anno fa ha applicato il rapporto stock-to-flow a Bitcoin, dimostrando che il suo andamento dei prezzi ha una stretta correlazione con il suo stock-to-flow. La natura predittiva di questo indicatore è dovuta al fatto che il numero di monete di nuova creazione può essere previsto in modo abbastanza accurato. Ogni quattro anni il volume di produzione viene dimezzato, il cosiddetto halving. Ciò consente di derivare le previsioni dei prezzi per i prossimi anni utilizzando una formula matematica.

F1) Modello Stock-to-Flow
Il modello stock-to-flow prevede prezzi Bitcoin a sei cifre per l’attuale ciclo di dimezzamento. La base è il rapporto tra il numero esistente e i bitcoin appena aggiunti.
Fonte: www.planbtc.com

La figura 1 mostra quanto bene abbiano funzionato finora le previsioni. L’uso diffuso di questo modello spiega anche perché gli obiettivi di prezzo di 100.000 (ciclo attuale) o addirittura di un milione di dollari vengono dati ripetutamente per il ciclo successivo. Poiché il modello è un componente di analisi importante per gli investitori a lungo termine, non offre naturalmente alcuna garanzia che determinati obiettivi di prezzo saranno raggiunti. Dopotutto, lo sviluppo del corso dipende non solo dalla scarsità, ma anche in particolare dalla domanda. Pertanto, un investitore deve considerare che essa potrebbe anche diminuire se si verificano determinati eventi. Rimane anche la questione accademica sul perché la capacità previsionale del modello stock-to-flow non sia stata finora convincente per l’oro o altre criptovalute, sebbene vi siano caratteristiche simili in termini di scarsità.

La curva di crescita logaritmica mostra i limiti superiore e inferiore

Oltre allo stock-to-flow, la curva di crescita logaritmica è un supplemento informativo che consente di determinare i limiti superiore e inferiore dell’andamento dei prezzi a lungo termine. È un approccio statistico che utilizza dati storici per prevedere i prezzi. Storicamente, il prezzo del bitcoin ha avuto la tendenza a oscillare tra i limiti superiore e inferiore della curva di crescita logaritmica. La figura 2 mostra l’andamento dei prezzi a lungo termine inclusa una curva di crescita logaritmica e le potenziali aree target da essa derivate.

F2) Bitcoin con curva di crescita logaritmica, target RSI e Fibonacci
Bitcoin può essere esaminato in modo eccellente con tutti gli strumenti di analisi tecnica al fine di identificare punti di ingresso e uscita interessanti. Suggerisce che il corso di Bitcoin è fortemente influenzato dalla psicologia di massa.
Fonte: www.tradingview.com

L’analisi tecnica fornisce strumenti efficaci

L’analisi tecnica esamina il comportamento della domanda e dell’offerta utilizzando i grafici. Sono lo strumento più importante per i trader. Non importa se il Bitcoin ha un valore intrinseco o meno. Nel recente passato, l’oscillatore RSI è stato di grande aiuto nel determinare le zone di ingresso long, soprattutto su base settimanale e mensile. Un altro strumento è la media mobile a 200 settimane, che ha sempre rappresentato un’attraente zona di acquisto in entrambi i precedenti cicli di dimezzamento. Il cosiddetto indicatore del ciclo pi ha fornito un segnale massimo quasi incredibilmente preciso su tutti i massimi precedenti. Innesca un segnale di vendita quando la SMA350 incrocia la SMA111 dal basso, indicando una chiara esagerazione al rialzo. Finora, tutte le varianti degli strumenti di Fibonacci hanno fornito eccellenti servizi di analisi. Le correzioni spesso iniziano a livelli come 38,2 o 61,8 percento, mentre le oscillazioni al rialzo spesso finiscono con i classici livelli di Fibonacci.

F3) Trade di esempio del 14/10/2021
Il 14 ottobre 2021, si è verificata un’entrata long dopo che il massimo oscillante dell’11 ottobre (linea tratteggiata) è stato violato e Bitcoin è stato tradato al di sopra della SMA 50. Lo stop (linea rossa) è stato posizionato all’ultimo minimo del 12 ottobre. Dopo aver formato uno swing più basso pochi giorni dopo l’ingresso, lo stop è stato trascinato due volte. Il 27 ottobre, il trade è stato interrotto con un profitto di circa $ 2.000.
Fonte: www.tradingview.com

La figura 3 mostra l’andamento a lungo termine del prezzo del Bitcoin con tutti gli indicatori citati e tutte le date di dimezzamento (arancione) così come il multiplo di Puell (cifra chiave di David Puell). È interessante osservare le relazioni di Fibonacci. Se prendi il minimo dopo un crollo e rifletti il ​​​​movimento al ribasso verso l’alto, tutti i massimi precedenti si sono formati al livello di Fibonacci 161,8 o 2,27. Anche il massimo del 2021 non è stato una sorpresa: sia l’indicatore Pi-Cycle che il livello di Fibonacci 161,8 hanno indicato un importante punto di svolta. Se questo rapporto dovesse ripetersi in futuro, il prezzo target sarebbe di circa 200.000 dollari secondo il 2,27 di Fibonacci.

Trading basato su regole con rischio ridotto

Se guardiamo la cronologia dei dati di Bitcoin per più di dieci anni, noteremo immediatamente diversi punti particolarmente importanti nello sviluppo della strategia. Da un lato, l’andamento dei prezzi mostra fasi di mercato rialzista paraboliche molto forti, mentre allo stesso tempo ci sono lunghi periodi caratterizzati da movimenti laterali. Inoltre, spesso si possono osservare stoppini estremi delle candele, che possono essere problematici per l’impostazione dello stop, ma allo stesso tempo offrono obiettivi di prezzo più elevati. Anche il comportamento ai vertici è diverso per Bitcoin rispetto al mercato azionario: è più simile ai mercati delle materie prime. Le formazioni superiori si verificano rapidamente lì e spesso seguono un corso simile a un picco. Per questo motivo, indicatori o strategie di trading come Parabolic SAR o breakout basati sulle bande di Bollinger sono adatti nelle fasi di tendenza. Una semplice strategia di trading basata su regole che genera solidi risultati in Bitcoin ed Ether riducendo significativamente il rischio si basa sui punti di oscillazione.

Nello specifico, lo swing low è definito come il minimo circondato da due minimi più alti. Uno swing high si verifica quando un massimo è circondato da due massimi inferiori. Se Bitcoin è al di sopra della SMA e quindi in un trend rialzista, verrà aperta una posizione long non appena il prezzo sale sopra l’ultimo massimo oscillante. Lo stop per limitare le perdite viene posizionato al livello dell’ultimo swing low e quando si forma un nuovo swing low più alto, viene tirato verso l’alto fino a quando non si verifica uno stop-out. La figura 3 mostra un esempio di operazione long che include il livello di ingresso e la cronologia degli stop.

La valutazione del backtest sulle candele giornaliere si traduce in un tasso di successo di circa il 51% e un rapporto di profitto di 3,6 negli ultimi quattro anni senza tenere conto dei costi di trading, risultando in un fattore di profitto di 3,75. Anche intervalli di tempo sempre più piccoli mostrano risultati positivi, il che parla di una certa solidità. Il più grande vantaggio deriva anche dall’osservazione dei drawdown: poiché la strategia non genera alcun segnale al di sotto della SMA 50, non sei quasi mai coinvolto in un mercato ribassista. Ciò dovrebbe risparmiare nervi e capitale.

David Pieper

David Pieper è un analista CIIA ed è un trader dalla fine degli anni ’90. Si concentra sullo sviluppo di sistemi di trading ed è uno scrittore freelance nel campo dei mercati dei capitali.

www.trade4life.de