Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Habemus vaccinum, e adesso?

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Abbiamo il vaccino finalmente! Dopo di più di 11 mesi di attesa, la scorsa settimana Pfizer ($PFE) assieme a BioNTech (BNTX) ha annunciato che il loro vaccino ha mostrato un 90% di efficacia nel combattere il Covid-19, cosa ampiamente celebrata dalla comunità scientifica dalla popolazione in generale, ed ha riempito di ottimismo la gente di tutto il mondo, per un passo in più verso la normalizzazione economica e la vita in generale.

Il vaccino, che ha mostrato una efficacia del 90% e si trova in fase 3 delle prove mediche, è la prima luce reale alla fine del tunnel di questa lunga lotta contro il Coronavirus che sta colpendo la popolazione mondiale dalla fine dell’anno scorso. E anche se ci sono altri tre vaccini nella fase finale dell’investigazione, questi due laboratori sono stati i primi ad annunciare dei risultati clinici provati, cosa che li pone all’avanguardia della corsa per conquistare il mercato. E anche se ci sono diversi dettagli da tenere in considerazione, come le basse temperature alle quali deve essere conservato e la necessità di due dosi per avere l’effetto massimo, i governi di tutto il mondo sono molto ottimisti, e stanno avanzando i primi accordi con i laboratori per avere il vaccino il prima possibile. Nel caso degli USA, il dottor Anthony Fauci, direttore dell’Istituto Nazionale delle Allergie e Malattie Contagiose, ed esperto leader del governo nelle malattie contagiose, ha celebrato la scoperta ed ha annunciato che per aprile 2021 avremo le prime dosi, dando priorità alla popolazione più vulnerabile come anziani e persone con malattie e maggior rischio, cosa che dovrebbe ridurre drasticamente la mortalità del Covid-19.

E chiaramente, il mercato azionario è stato colpito per primo da questa scoperta, in primo luogo, assistendo a prevedibili e interessanti guadagni nelle azioni di entrambe le società, ma generando anche secondo Bank of America, abbiamo appena trascorso la settimana con il più alto scambio di fondi azionari nella storia, con un ingresso in circolazione di oltre 44 trilioni di dollari, e se si guarda al mercato in generale, dalle elezioni si è registrato un aumento la capitalizzazione di mercato di 1,8 trilioni di dollari, che è un chiaro segno della propensione al rischio che è tornata agli investitori di tutto il mondo.

Ciò ha generato i massimi storici intragiornalieri che abbiamo visto nei 4 indici azionari più importanti negli Stati Uniti, con l’eccezione che è la prima volta nella storia recente che questi non sono stati guidati dal settore tecnologico.

Ora, diversi esperti concordano sul fatto che i settori che sono meglio posizionati di fronte alla ripresa economica sono i titoli Valor, quelli a piccola capitalizzazione di mercato, i titoli internazionali e l’oro come rifugio dalla debolezza del dollaro e dall’inflazione che si può generare.

Passeremo quindi in rassegna alcune opzioni interessanti in ogni raccomandazione, a partire da Deere & Co. ($ DE) che è un’azienda che da marzo si è apprezzata più del 130% e che ha appena tagliato il 15% dei suoi costi operativi continuando a pubblicare risultati eccellenti. Vediamo anche un’opportunità simile in azioni come Cummins ($ CMI), Ulta Beauty ($ ULTA) e Hilton Worldwide Holdings ($ HLT). Ci sono anche alcuni titoli nel settore finanziario che, nonostante le difficoltà strutturali del settore, mostrano buone prospettive con un ritorno alla normalità, come JPMorgan Chase ($ JPM), Goldman Sachs Group ($ GS) e Berkshire Hathaway ($ BRK.B). Inoltre, ci sono alcuni titoli legati al tema medicinale e farmaceutico che potrebbero presentare rendimenti interessanti, come Merck ($ MRK), AbbVie ($ ABBV) e Bristol Myers Squibb ($ BMY).

Per quanto riguarda gli ETF, risaltano il Russell 2000 ($ IWN), i mercati emergenti ($ IEMG) che dovrebbero presentare una ripresa molto interessante, i titoli ciclici giapponesi ($ EWJ) per i loro attuali livelli di valutazione, e l’oro ($ GLD).

Si apre quindi un intero mondo di nuove opportunità, che possono generare un significativo trasferimento di ricchezza e rendimenti preponderanti nei prossimi mesi, tenendo sempre in conto di mantenere sempre un equilibrio, riducendo l’esposizione ai titoli più pro-pandemia, e mantenendosi sempre sotto i parametri del piano di trading e dei livelli di rischio ammessi.

Carlos Guayara

Economista, fondatore di portali e imprese dedicate alla diffusione di Cultura finanziaria per il miglior accesso al mercato dei capitali. Trader professionista da 8 anni, esperto di forex e criptovalute, mercato azionario e opzioni, è strategist dell’Instituto Español de la Bolsa

 

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati