Una storia di guerra, il Trionfo della Conoscenza

0
126

La Bandiera della Cultura.

Il caporale Desmond Doss veniva lentamente calato lungo un crinale mentre cercava di rimanere sveglio e ignorare il dolore che stava provando.

I suoi compagni gli dicevano che stava bene, di non preoccuparsi, mentre cercavano di coprirgli le gambe, che erano piene di frammenti di granata.

Desmond finalmente cominciò a lasciare che l’oscurità lo consumasse, quando si rese conto di aver fatto del suo meglio.

Quando Desmond alla fine perse i sensi, un solo pensiero gli attraversò la mente. “Dov’è la mia Bibbia?”.

Il viaggio di Desmond iniziò poco dopo l’entrata degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale.

Desmond lavorava in un cantiere navale. Avrebbe potuto chiedere un rinvio, proprio perché lavorava in un cantiere navale e perché combattere in guerra era contro le sue convinzioni.

Desmond, tuttavia, rifiutò il rinvio e volle invece combattere per il suo paese.

Come avventista del settimo giorno, si opponeva però all’uccisione, anche in guerra. Andava a combattere, a condizione di non uccidere.

Si opponeva anche a svolgere qualsiasi lavoro di sabato, che per gli avventisti del settimo giorno è un giorno di riposo e di riflessione religiosa. Entrambe le condizioni gli causarono problemi con i suoi superiori e compagni.

È stato classificato come obiettore di coscienza, cioè qualcuno che rifiuta di combattere con i militari in base alle sue convinzioni di lunga data.

Tuttavia, Desmond non è mai stato d’accordo con l’espressione “obiettore di coscienza”. Invece, si definì un collaboratore coscienzioso e disse che voleva lavorare con i militari e credeva che la guerra fosse giusta.

Quando Desmond si offrì volontario per la prima volta, chiese di essere inserito nel corso di medicina, poiché credeva che sarebbe stato il posto migliore per aiutare le persone. L’esercito rifiutò e lo mise invece in una compagnia di fucilieri.

Non avendo molte opzioni, Desmond andò alla posizione assegnatagli; tuttavia, chiese un cambiamento poco dopo. 

Desmond doveva costantemente affrontare il controllo sia dei suoi superiori che dei suoi compagni, a causa delle sue convinzioni.

Faceva tutti gli altri esercizi con la sua squadra, ma si rifiutava comunque di portare il fucile e di svolgere i compiti in caserma il sabato.

Desmond perseverò e continuò a mettere in pratica le sue convinzioni. Si rifiutò di cedere alle molestie e si sforzò di non nutrire rancore nei confronti dei suoi compagni.

I suoi comandanti tentarono due volte di rimuoverlo dall’esercito. La prima volta, gli ufficiali in comando cercarono di farlo licenziare perché malato di mente. Non ottennero nulla, poiché seguire la propria religione non è una malattia mentale e il caso fu archiviato.

La seconda volta, un sergente istruttore ordinò a Desmond di prendere un fucile per il tiro al bersaglio, e Desmond rifiutò, per cui fu accusato di aver disobbedito a un ordine diretto. Anche questo caso fallì, poiché si poteva sostenere che l’ufficiale stesse discriminando Doss a causa della sua religione.

Ma a Desmond è stato finalmente concesso il permesso di iniziare la formazione come medico da campo dopo due anni passati a chiedere il cambiamento. Desmond poteva finalmente iniziare ad aiutare lo sforzo bellico a modo suo.

Nel 1944, Desmond e la sua compagnia terminarono finalmente l’addestramento di base e furono inviati a unirsi allo sforzo bellico.

Desmond vide la sua prima azione nella battaglia di Guam, dove l’obiettivo degli americani era riconquistare l’isola americana di Guam, che era stata persa nel 1941. 

Fu un successo, con la sfortunata perdita di 7.000 americani e 18.000 giapponesi. Desmond guadagnò la sua prima Stella di Bronzo in questa battaglia per l’eroismo medico per il quale sarebbe diventato famoso.

Il suo successivo schieramento fu nella battaglia di Leyte.

Il loro attacco fu uno sforzo congiunto con la Marina degli Stati Uniti e il loro obiettivo era riconquistare le Filippine, dando agli americani l’accesso alle isole natali del Giappone.

La battaglia si concluse con una vittoria degli Alleati e Desmond ricevette la sua seconda Stella di Bronzo.

L’ultima tappa della guerra di Desmond fu Okinawa, dove lui e il suo battaglione affrontarono la difesa più feroce fino ad allora.

Okinawa è una delle cinque isole principali che compongono la terraferma dell’Impero giapponese. Se gli americani fossero riusciti a conquistare Okinawa, si sarebbero trovati proprio alle porte delle isole natali dei giapponesi.

Tuttavia, nessuno avrebbe potuto prevedere il caos e lo spargimento di sangue che entrambe le parti si sarebbero trovate ad affrontare ad Okinawa.

In effetti, la battaglia di Okinawa divenne una delle peggiori dell’intera guerra . La battaglia di Okinawa provocò la perdita di 12.950 soldati americani, 110.000 soldati giapponesi e 150.000 civili in un arco di quasi tre mesi.

Il gruppo di Desmond fu inviato alla scarpata di Maeda, comunemente conosciuta come Hacksaw Ridge.

La loro missione era quella di prendere la cresta della scarpata, per ottenere un punto di osservazione strategico su un quartier generale militare giapponese. Per scalare la cresta i soldati dovevano utilizzare le reti da carico, come mezzo per raggiungere la cima. 

L’unico problema era che una volta raggiunta la cima, non avrebbero avuto alcun riparo dai giapponesi, rendendola di fatto una trappola mortale. Una “kill zone”.

La compagnia lo apprese rapidamente quando fu massacrata in cima, costringendo la compagnia di Desmond a spostare le reti in una posizione un paio di miglia a ovest di Hacksaw Ridge.

La prima salita in cima a questa cresta fu molto più semplice, ma provocò comunque numerosi infortuni. Fu allora che il ruolo di Desmond nell’assalto divenne vitale.

Desmond rischiava la vita ogni secondo trascorso su quel crinale, ma non gli importava e cercava invece di salvare quanti più compagni poteva.

Desmond cercava di salvare i suoi compagni, perfino quelli feriti più gravemente, anche se gli altri medici gli dicevano che era troppo tardi o che era inutile.

Desmond condusse i soldati feriti sul bordo del crinale mentre si trovavano sotto un fuoco infernale; poi li legò e li trascinò giù nell’accampamento sottostante.

Ripetè questo processo fino al calar della notte e poi, col favore dell’oscurità, Desmond tornò nella “kill zone” e cercò i sopravvissuti da salvare.

Desmond faceva tutto questo evitando le pattuglie e i cecchini giapponesi, che stavano anch’essi perlustrando la zona, pronti a sparare su qualsiasi movimento del nemico.

Per giorni, Desmond ha ripetuto la stessa missione spingendo i suoi compagni al limite e calandoli con le carrucole, tutta la notte e la mattina.

Continuò così finché la sua fede non poté più proteggerlo.

Desmond si stava prendendo cura di alcuni uomini in una trincea quando una granata cadde all’interno.

Rispondendo rapidamente, Desmond calciò la granata lontano dai feriti, ma rimase nel raggio dell’esplosione. Desmond ricevette numerosi frammenti della granata. Fu ferito gravemente.

Desmond trattò la sua ferita come meglio poteva e aspettò che un medico lo portasse giù. Impiegò cinque ore per arrivare.

Durante l’attesa, un carro armato nemico arrivò e ferì molti soldati, ma Desmond strisciò verso di loro e iniziò a curarli come meglio poteva. Alla fine, i medici arrivarono, presero Desmond e lo portarono sulla carrucola.

Quando arrivarono, trovarono un uomo gravemente ferito e in attesa di essere portato giù, e Desmond scese dalla barella e ordinò ai medici di salvare prima l’altro uomo.

Obbedirono rapidamente e iniziarono il viaggio verso la carrucola.

Durante l’attesa, Desmond si prese un proiettile da un cecchino sul braccio sinistro, che ne uscì completamente frantumato.

Ciò non fermò Desmond, tuttavia, poiché strisciò verso una stazione di soccorso per chiedere aiuto.

Desmond fu evacuato il 21 maggio 1945 e ricevette tre Purple Heart Ribbons.

Una storia che muove commozione: fermezza di pricipi, forte convinzione morale. E’ la forza dell’umanità. 

Per stare sui mercati, la Cultura è quella che ci dà la forza necessaria. La Conoscenza è il carburante per investire e fare trading correttamente, con successo e tutela del rischio.

 

 

 

 

 

 

Maurizio Monti

Editore Traders’ Magazine Italia

P.S.: A Desmond furono attribuiti più di cento salvataggi. Lui si schermì, dicendo che erano una cinquantina.

Poco dopo la fine della guerra, il 12 ottobre 1945, Desmond Doss ricevette la medaglia d’onore dal presidente Harry. S. Truman. La Medaglia d’Onore è il riconoscimento più alto che un militare possa ricevere e per la prima volta nella storia degli Stati Uniti un obiettore di coscienza la ricevette per i suoi atti eroici.

Desmond visse la sua vita pacificamente con la sua famiglia nella loro fattoria in Alabama fino al 2006, quando morì per complicazioni polmonari all’età di 87 anni. Il coraggio e la compassione di Desmond non saranno mai dimenticati.

Il caporale Desmond Doss sarà sempre ricordato nel corso della storia come l’uomo che corse un grande pericolo, non per la gloria, non per l’avidità, non per se stesso, ma per gli altri e per l’ideale secondo cui tutti meritano il diritto di vivere.

Nel trading, la bandiera della Cultura è il valore dominante.

 

Condividi con noi la Cultura finanziaria, clicca per abbonarti subito alla nuova edizione digitale settimanale di Traders’ Magazine perché la cultura batte i mercati:

Abbonamenti TRADERS’