Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Che cosa sono le opzioni?

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Versatili e tuttofare

In alcuni articoli precedenti abbiamo descritto la creazione e il funzionamento dei future. Un altro strumento finanziario che si trova nel campo dei future e che è molto popolare sono le opzioni. Esso consente ai trader di sfruttare i prezzi in aumento o in calo, ma anche di mappare strategie altamente complesse. Sebbene non siano esattamente facili da capire per i principianti, con un po’ di conoscenza ed esperienza, le opzioni sono un’aggiunta interessante o un’alternativa ad altri strumenti finanziari. Spieghiamo come funzionano le opzioni, quali vantaggi offrono e perché valutarle può essere difficile.

Un’opzione è un contratto per acquistare o vendere un’attività sottostante con una durata limitata che, a causa dell’effetto leva, può essere utilizzata per scopi di copertura e speculazione. Nello specifico, include il diritto di acquistare o vendere un’attività sottostante pagando un premio (il prezzo dell’opzione). Il proprietario o l’acquirente di un’opzione acquisisce questo diritto dal venditore dell’opzione, noto anche come sottoscrittore. Se il titolare si avvale del diritto acquisito, si parla di esercizio dell’opzione.

Esistono solo due tipi di opzioni: l’opzione call e l’opzione put (put).

Una call include di diritto:

  • un valore base fisso
  • un prezzo base fisso determinato in anticipo
  • l’acquisto durante (per le opzioni americane) o solo alla fine del periodo (per le opzioni europee).

Al contrario, una put contiene di diritto:

  • un’attività sottostante
  • ad un prezzo base fisso determinato in anticipo
  • la vendita durante (per le opzioni americane) o solo alla fine del termine (per le opzioni europee).

Acquirente contro venditore
Nel trading di opzioni, c’è un’asimmetria tra acquirente e venditore: mentre l’acquirente dell’opzione può, ma non deve, esercitare il suo diritto, il venditore dell’opzione deve in ogni caso adempiere ai suoi obblighi se la sua controparte lo richiede. Ciò si traduce in un totale di quattro posizioni di base nel trading di opzioni. La tabella 1 mostra i diritti e gli obblighi di entrambe le controparti, le opportunità e i rischi coinvolti. Il messaggio più importante è che come acquirente di un’opzione, non puoi perdere più del premio dell’opzione pagato, mentre i rischi per gli autori di opzioni sono significativamente più alti, in alcuni casi teoricamente illimitati. Particolarmente interessante per i trader: oltre alle posizioni di base mostrate, è possibile visualizzare quasi tutti i profili di pagamento immaginabili combinando diversi put e call con diversi prezzi di base. Senza l’utilizzo di opzioni, ad esempio, la costruzione di certificati di garanzia, bonus o sconto non sarebbe possibile.

Prezzi
Il valore di mercato di un’opzione è costituito dal valore intrinseco e dal valore temporale. Questi non sono facili da capire per i principianti. Quindi diamo un’occhiata a un esempio specifico. L’acquirente X acquista una call in stile americano su 100 azioni ABC perché prevede che il prezzo delle azioni aumenterà notevolmente. Si assicura così il diritto di acquisire le azioni, che attualmente sono quotate a 80 dollari, in qualsiasi momento durante il periodo (fino al 31 dicembre 2020) ad un prezzo di 100 dollari ciascuna dal call seller Y. Per questo diritto, paga al mercato, ad esempio, un premio di 250 dollari per contratto di opzione, che si riferisce a ogni 100 azioni. Diciamo che il titolo sale a $120 entro la fine del termine. Cosa pensi che farebbe il proprietario della call? Potrebbe esercitare l’opzione e acquistare 100 azioni ABC dal venditore a $100 ciascuna. Potrebbe quindi vendere immediatamente quelle azioni a un prezzo di mercato di $120, che si traduce in un profitto lordo di $2.000 (100 x $20). Al netto del costo del premio di opzione di 250 dollari, avrebbe realizzato un utile di 1750 dollari. Il valore intrinseco di un’opzione è il valore che il titolare dell’opzione conserva se la esercita e allo stesso tempo converte il valore del sottostante sul mercato al prezzo corrente. Nell’esempio sopra, la differenza tra il prezzo dell’azione sul mercato cash e il prezzo di esercizio è esattamente di 20 dollari. Questo è il valore intrinseco della call su un’azione. Veniamo ora al fair value dell’opzione. Qui riprendiamo il nostro esempio. Il titolare della call si asterrebbe dall’esercitarla se il prezzo delle azioni salisse a soli $90 perché non avrebbe alcun senso economico farlo. In tal caso, il valore intrinseco dell’opzione sarebbe pari a zero. Ma per quanto riguarda il valore attuale? Supponiamo che l’opzione abbia ancora una durata residua di due mesi; quindi c’è la possibilità che il titolo salga al di sopra del prezzo base di$ 100. È quindi chiaro che l’opzione deve avere un certo valore, poiché in definitiva esiste una certa probabilità per questo aumento di prezzo. È proprio questo fattore che rappresenta il valore temporale dell’opzione. Ma quanto è alto esattamente il valore attuale e come cambia nel tempo?

Dettagli
È proprio qui che iniziano i problemi di determinazione del prezzo di un’opzione, soprattutto per coloro che sono nuovi al business delle opzioni. A differenza dei future, non esiste una relazione lineare tra il prezzo dell’opzione e il prezzo dell’attività sottostante. Ciò è dovuto ai numerosi fattori di influenza che aiutano a determinare il valore di un’opzione. Ciò include, oltre alla durata residua, anche la volatilità (attesa) del sottostante: maggiore è questa, maggiore è il fair value dell’opzione e viceversa. Con l’avvicinarsi della data di scadenza, tuttavia, il valore temporale si scioglie fino a raggiungere lo zero quando scade. Allora l’opzione ha solo il suo valore intrinseco. I trader che vogliono analizzare o confrontare le opzioni possono utilizzare le cosiddette “greche”. Queste sono cifre chiave che descrivono l’influenza di vari fattori di influenza come volatilità, durata residua, leva finanziaria e livello del tasso di interesse sul valore della rispettiva opzione. Evitiamo una discussione dettagliata su questo punto per motivi di spazio.

Il tuttofare tra i derivati
Le opzioni consentono una partecipazione sproporzionata al movimento del prezzo di un sottostante e sono quindi adatte a fini di copertura o speculativi. Il maggior vantaggio per l’acquirente di un’opzione è il fatto che il suo rischio di perdita è sostanzialmente limitato al premio pagato, in modo che possa gestire in modo ottimale il suo rischio. Poiché non ci sono soglie K.O. come con la maggior parte dei certificati con leva finanziaria, le fluttuazioni temporanee dei prezzi non possono portare a un knockout.

Per i professionisti, le opzioni offrono anche l’opportunità di sviluppare strategie complesse, in particolare includendo posizioni short in put e call (strategie di hold-up). A causa delle possibili combinazioni quasi infinite di diverse opzioni con parametri diversi, è possibile visualizzare quasi tutti i profili di pagamento immaginabili. Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che la valutazione delle opzioni nelle strategie combinate sta diventando ancora più complessa, così che l’uso di successo di questi tuttofare richiede molto know-how ed esperienza.

Dalla Redazione di Traders’ Magazine

 

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati