Andreas Clenow

Andreas Clenow ha più di 15 anni di esperienza come fondatore e manager di vari hedge fund. Si è specializzato nelle strategie di trading quantitative trend following e momentum ed ora è Chief Investment Officer e Senior Partner presso la ACIES Asset Management. Marko Gränitz lo ha incontrato a Zurigo per un’intervista.

TRADERS’: Signor Clenow, lei stesso ha provato a fare il trader per hobby durante i suoi studi ed è successivamente passato al settore istituzionale. Cosa distingue i trader professionisti dai trader per hobby?

Clenow: Le differenze principali non sono necessariamente la conoscenza o (temporaneamente) la performance raggiunta. Piuttosto, i trader professionisti hanno una percezione del rischio pronunciata e approcci commerciali chiaramente strutturati e metodici. Inoltre, i professionisti pensano a livello di portafoglio, invece di preoccuparsi degli alti e bassi di ciascuna posizione. I trader per hobby tendono a voler tradare e perfezionare le singole strategie nei singoli mercati, mentre i professionisti applicano e diversificano strategie diverse su mercati diversi. Queste due cose, la diversificazione del portafoglio e la diversificazione attraverso diverse strategie, sono fondamentali nel lungo termine per implementare con successo la maggior parte degli stili di trading.

TRADERS’: Tra i trader professionisti, bisogna comunque distinguere anche chi si prende veramente il rischio e chi esegue solo ordini, oppure no?

Clenow: Sì. Il termine “trader” viene spesso usato in modo poco corretto. La maggior parte dei trader sono solo operatori di vendite che alla fine eseguono gli ordini dei loro clienti istituzionali in cambio di commissioni e hanno comunque poca libertà d’azione. Non si tratta di trading nel vero senso della parola, cioè tenendo conto dei rischi di prezzo calcolati per proprio conto, ma piuttosto di reclutare clienti e la vendita del servizio di esecuzione degli ordini. L’unico vero rischio nel senso del trading è assunto dagli asset manager che si muovono il più lontano possibile dal classico indice di riferimento o offrono i managed future. E poi ci sono (o meglio dicono) i trader proprietari nelle banche, difficili da trovare al giorno d’oggi. Questi, hanno spesso ottenuto un vantaggio per se stessi in quanto sono stati in grado di vedere il flusso degli ordini dei clienti e di conseguenza hanno saputo trarne vantaggio, cioè sfruttando la situazione (senza autorizzazione) per loro stessi.

TRADERS’: Cosa ne pensa dei trader privati?

Clenow: Penso che qui abbia senso soprattutto l’investimento a lungo termine. Nella mia esperienza, i trader a breve termine prima o poi vanno praticamente contro un muro, soprattutto nell’area intraday.

TRADERS’: Perché dice questo? Il day trading è impossibile?

Clenow: Non è sicuramente impossibile. Ma ci sono molte difficoltà. Ad esempio, i day trader si assumono rischi elevati per ottenere rendimenti elevati, che possono andare bene per un po’ di tempo, ma la maggior parte delle volte ad un certo punto questo fallisce. Inoltre, di solito tradano solo con il proprio capitale e pertanto si sentono sotto pressione perché devono ottenere un certo rendimento necessario per vivere. I prelievi necessari sono problematici anche in caso di successo perché riducono significativamente l’effetto di interesse composto. La pressione riguardo alla performance è inferiore se si dispone di un capitale iniziale elevato, ma non è quindi possibile operare con il Day trading. Un altro problema con i trader per hobby è che hanno una concezione completamente sbagliata di quello che ci vuole per avere una possibilità di successo. Molti credono di poter frequentare seminari e leggere libri nel fine settimana, e poi vivere di daytrading. Questo è assurdo. Come in qualsiasi altra professione, è necessaria una buona preparazione e anni di esperienza, forse nel trading ancora di più rispetto ad altre professioni.

TRADERS’: D’altro canto, nei media viene ripetutamente riportato come (presumibilmente) una persona abbia guadagnato milioni nei mercati in breve tempo.

Clenow: Sfortunatamente sì. L’industria del trading vende sogni, per così dire, e molti guadagnano denaro con questo. Ciò che dobbiamo imparare come trader auto-dipendenti è il pensiero critico. Se qualcosa sembra troppo bello per essere vero, di solito lo è. Ci sono così tante analisi e indicatori inutili, che bisogna sempre mettere in discussione tutto ed essere consapevoli di cosa ci serve realmente per implementare la propria strategia di trading, che deve essere compresa nel dettaglio.

TRADERS’: Qual è la sua opinione riguardo all’analisi tecnica?

Clenow: Ci sono alcuni strumenti utili da poter utilizzare per sviluppare i propri indicatori in base alle loro funzioni. Tuttavia, uno può essere sopraffatto da una varietà di cose completamente inutili. Sfortunatamente, al giorno d’oggi l’analisi tecnica è prevalentemente una “religione” e una fonte per venditori nervosi. È essenziale imparare a pensare in modo critico e a valutare tutto nel modo più scientifico possibile.

TRADERS’: Quindi tiene conto delle onde di Elliott?

Clenow: Penso che le onde di Elliott, come anche Fibonacci e tutto il resto, siano cose inutili perché cercano di creare l’illusione della precisione nei mercati, cosa che non esiste. Inoltre, non accetto la spiegazione della profezia che si realizza da sé. Perché i pochi trader privati, che sono orientati ad esso, sono già invasi dagli enormi ordini delle istituzioni, che non si occupano anche di queste cose. E se a un certo punto funziona con la previsione esatta, allora le pericolose coincidenze colpiscono, e sono spesso vendute in rappresentanza di ciò dai sostenitori di questi metodi. In realtà, un piccolo gruppo di trader privati ​​nei mercati non ha alcun potere di determinazione dei prezzi e non sarà in grado di spostarli.

TRADERS’: Osserva ancora i grafici?

Clenow: Sì, definitivamente. Come ho già detto, ci sono degli strumenti utili da utilizzare come le moving average. In aggiunta, i grafici visivi sono sempre un buon punto di partenza dove sviluppare idee per le strategie. E con mandati discrezionali, dove ho discrezione, uno sguardo ai grafici ha senso per decidere se un’entrata o un’uscita sembrano a buon mercato o se è meglio aspettare. Ma sconsiglio di guardare i grafici intraday. Raramente c’è un vantaggio da raggiungere e si rimane, nel vero senso della parola, solo sullo schermo.

TRADERS’: Come definirebbe il suo rischio nel trading?

Clenow: Il rischio ha bisogno di una scala che esprima quanto fluttua un determinato prezzo in un dato periodo di tempo. Questo può essere completamente indipendente dalla dimensione della posizione. Chi detiene 100 di un titolo di 50 euro fortemente fluttuante, è probabilmente più a rischio di chi possiede 100 di un titolo tranquillo da 100 euro. Quindi, se calcolo le dimensioni delle posizioni, devo considerare la volatilità di ogni strumento come il parametro cruciale, non la dimensione della posizione stessa. Ad esempio, i trader possono usare l’Average True Range (ATR).

TRADERS’: Potrebbe spiegarcelo con un esempio?

Clenow: Diciamo che abbiamo intenzione di aprire una posizione long in un titolo qualsiasi. Dal momento che vogliamo mantenere basso il rischio, la posizione a livello del portafoglio complessivo o del conto trading dovrebbe avere solo un impatto dello 0,5 percento al giorno. Se il nostro portafoglio ha un valore di 100.000 euro, ciò equivale a 500 euro. Ora, supponiamo che il nostro titolo abbia un ATR di dieci euro, fluttua una media di dieci euro al giorno. Di conseguenza, possiamo solo acquistare 50 titoli (500/10). E non importa dove si trovi il prezzo, perché ridimensioniamo la posizione esclusivamente sul rischio, che misuriamo usando l’ATR.

TRADERS’: Ma l’ATR cambia sempre, quindi la posizione deve essere regolata di continuo.

Clenow: Esattamente. Ma è sufficiente per fare le modifiche dopo i grandi cambiamenti. Se nel nostro esempio l’ATR aumenta da 10 a 10,50 euro, questo non è necessario. Ma se l’ATR sale a 15 euro, il rischio cambia in modo significativo. Quindi la posizione ha già un’influenza dello 0,75%, se il portafoglio rimane a 100.000 euro. Di conseguenza, i titoli dovrebbero essere venduti per ridurre nuovamente l’influenza. Viceversa, se l’ATR scende e così il rischio, allora i titoli dovrebbero essere acquistati per non lasciare che la posizione all’interno del portafoglio diventi insignificante.

TRADERS’: Cosa ne pensa nell’aumentare o diminuire le posizioni in profitto o in perdita?

Clenow: Come ho già detto, ridimensiono le mie posizioni in base al rischio. Dei cosiddetti approcci per la gestione del denaro, che sono noti tra i traders privati, non penso nulla. Questi includono le strategie per le posizioni piramidali. Queste cose non hanno alcuna base finanziaria e per me corrispondono a una mentalità da giocatore d’azzardo, che sta cercando di far apparire un vantaggio dove non esiste affatto.

TRADERS’: Che aspetto ha un approccio di trading chiaramente strutturato?

Clenow: Si deve iniziare con un concetto di base, come un momentum o un valore. Il concetto scelto deve dimostrare di poter funzionare e avere un senso, in quanto fornisce gran parte del successo. Quindi, si deve trovare un modo per quantificare questo concetto e convertirlo in regole fisse senza ottimizzarlo troppo. Se, d’altra parte, voi, come molti investitori privati, cercate prima gli indicatori e le regole del trading senza conoscere esattamente il vostro concetto, allora l’intera cosa conduce al curve fitting (eccesso di ottimizzazione) e difficilmente funzionerà nel lungo termine, perché non sapete veramente cosa state facendo e a quale effetto state mirando.

TRADERS’: Che aspetto potrebbe avere un semplice concetto?

Clenow: Prendiamo come esempio una strategia trend-following. Vogliamo sempre iniziare con l’idea più semplice e perfezionare la strategia solo quando il concetto ha successo. Per una tendenza al rialzo definiamo che il prezzo deve essere superiore alla media mobile a 50 e 100. Se esiste un pullback di tre ATR, acquistiamo e manteniamo la posizione per 30 giorni. Questo è un numero arbitrario per prima testare se il nostro concetto approssimativo darà mai qualcosa. Successivamente, come descritto in precedenza, saranno testati vari mercati nel contesto del portafoglio con un’allocazione del rischio basata sull’ATR.

TRADERS’: Le strategie trend following a lungo termine funzionano abbastanza bene sui mercati dei futures. E per quanto riguarda i titoli?

Clenow: Un approccio classico trend following funzionerà a malapena con i titoli. Questo perché essi tendono ad avere livelli beta elevati, quindi dipendono fortemente dal mercato generale e sono anche positivamente correlati. Ciò si traduce in un basso effetto di diversificazione nel caso in cui il movimento del mercato si capovolga.

TRADERS’: Cos’altro si può applicare ai titoli?

Clenow: Una buona strategia, che descrivo anche nel mio libro “Stocks on the Move”, è il momentum. Qui, vengono continuamente piazzate le azioni più alte. Solo i titoli più forti vengono posizionati di continuo. Solo le posizioni long vengono prese se il mercato complessivo si trova in un trend al rialzo. Le ponderazioni dei singoli titoli sono di nuovo determinate dal modello ATR descritto. L’obiettivo dell’approccio basato sul momentum è quello di guadagnare molto in un mercato rialzista quando il portafoglio è completamente investito e di perdere il meno possibile in un mercato ribassista quando il portafoglio è in gran parte o interamente in contanti.

TRADERS’: Supponiamo di aver sviluppato un concetto con delle regole semplici. Come procediamo?

Clenow: In ogni caso, si dovrebbe fare un backtest realistico. Con realistico intendo dire che devono essere presi in considerazione i diversi effetti distorsivi di tale ricalcolo, perché altrimenti il ​​backtest è piuttosto inutile. Questo non significa solo cose come i costi di transazione e lo slippage, ma soprattutto tutte le influenze significative come il preconcetto della sopravvivenza. Ad esempio, se si esegue un backtest su una strategia momentum da 20 anni, bisogna anche considerare quei titoli che al tempo sono stati candidati per il portafoglio, ma che oggi non sono più nell’indice considerato o forse non esistono più. Tali effetti possono fare una differenza significativa! D’altro canto, coloro che semplicemente testano di nuovo i titoli di oggi di un certo indice otterranno automaticamente dei buoni risultati che mostreranno un’immagine completamente irrealistica della strategia di trading.

TRADERS’: Quindi, si dovrebbe concentrare molto tempo e molti dettagli nel backtest. Se sembra ancora buono, come può essere attuato?

Clenow: Proverei due cose: in primo luogo, annoterei la logica e le regole esatte e le darei a una persona esterna per vedere se escono gli stessi risultati o almeno molto simili. È anche interessante testare su altri set di dati o mercati per verificarne la robustezza. La seconda idea è quella di implementare la strategia con un piccolo conto, possibilmente con solo una parte delle posizioni, per avere un’idea della reale implementazione.

TRADERS’: Quali drawdown ci dobbiamo aspettare nelle strategie di trend-following e momentum?

Clenow: Circa due o tre volte il rendimento medio annuale a lungo termine. Pertanto, se si esegue una strategia che produce un rendimento medio del dieci percento in molti anni, si dovrebbe assumere che potrebbe scendere del 20-30 percento nei momenti difficili.

TRADERS’: Perché pensa che il trend-following e il momentum funzionino ancora, anche se ancora tanti lo conoscono e lo applicano?

Clenow: Negli ultimi anni, il trend following con i futures non è andato molto bene. Nel lungo termine, continuerà a funzionare, ma la performance è diventata molto più piatta. Questo perché abbiamo un periodo prolungato di bassi tassi di interesse, e i fondi che non sono legati dal margine nelle posizioni sui futures hanno poco o nessun rendimento. Al contrario, nei molti anni precedenti, tassi di interesse più alti e i crescenti prezzi delle obbligazioni a lungo termine avevano sempre dato un buon rendimento aggiuntivo. Ma torniamo alla vera domanda: penso che i mercati non si adattino immediatamente alle nuove informazioni, quindi determinano la struttura dei prezzi dopo un po’. Questa è una sotto-reazione al flusso di informazioni, quindi i movimenti richiedono una certa quantità di tempo. Queste fasi durano per un po’ di tempo e spesso portano a una reazione eccessiva nella direzione del trend. Attualmente ci sono molti soldi nelle strategie momentum sui titoli azionari, che producono rendimenti elevati nel mercato rialzista, ma sono anche fortemente dipendenti dalla fase di mercato.

TRADERS’: Quali pensa siano gli errori che spesso ​​incontrano gli investitori privati?

Clenow: Molti trader per hobby si aspettano rendimenti irrealisticamente elevati. Per questo un semplice esempio di calcolo. Chi inizia con 100.000 euro e ha un rendimento del 50 per cento ogni anno, gestirebbe circa 100 milioni di euro dopo 17 anni. Può essere realistico? Penso sia impossibile. I migliori investitori al mondo sono diventati milionari con una media di circa il 20-25 per cento all’anno. Ciò che va oltre il 20% all’anno è estremamente irrealistico nel lungo periodo. È sufficiente guadagnare il dieci per cento all’anno nel lungo termine per diventare molto ricchi. Molti investitori privati ​​non vedono questo punto. Allo stesso tempo, spesso assumono rischi eccessivi di cui a volte sono inconsapevoli. Spesso, i trader privati fanno cose per cui verrebbero licenziati da un hedge fund per buoni motivi. Oppure vengono ingannati dai truffatori, che gli vendono sistemi troppo ottimizzati che dovrebbero far guadagnare il 50 o 100 per cento all’anno. Qui ci si deve chiedere perché questo fornitore di sistemi vende una cosa del genere, se funziona.

TRADERS’: Che consigli può dare ai trader che vogliono migliorarsi?

Clenow: Nel trading bisogna commettere errori per imparare da essi. È importante fare errori, dai quali ci si può anche riprendere. Coloro che li analizzano regolarmente possono migliorare se stessi in modo considerevole nel tempo. Inoltre, consiglierei ai trader privati ​​di imparare a programmare. E programmare non solo le piattaforme facili da usare, che sono adatte anche ai trader senza esperienza di programmazione. Perché tali soluzioni semplici possono effettivamente essere vendute bene dai fornitori, dal momento che sono associate a poco lavoro, ma sono troppo limitate nelle possibilità. Quindi, è necessario passare del tempo ad imparare una lingua come Python o C#, ma ne vale la pena.

TRADERS’: Quale sarebbe il suo consiglio ai trader che vogliono vivere con il mercato azionario?

Clenow: Consiglierei loro di lavorare in prospettiva per gestire i soldi di altre persone. Perché? Perché si può ridimensionare un vantaggio così piccolo nel mercato, che può essere realizzato in modo molto più realistico e con meno rischi. Chiunque riesca a guadagnare un solido 20% all’anno difficilmente potrà sopravvivere con questo se non ha già un grande conto di trading fin dall’inizio. Tuttavia, allo stesso tempo, questo sarebbe un ottimo risultato per tutti gli investitori il cui denaro è anche gestito con questa strategia, e allo stesso tempo, le commissioni sarebbero un buon reddito regolamentato per il trader che gestisce l’intera cosa. Può concentrarsi sul lavoro solido e senza rischi estremi e ottenere rendimenti moderati ma consistenti.

TRADERS’: Al giorno d’oggi non è così facile gestire il denaro straniero.

Clenow: Esattamente, i requisiti normativi stanno aumentando. Inoltre, le attività sono sempre più concentrate e gli investitori istituzionali di grandi dimensioni valutano possibili veicoli di investimento da un determinato volume in su. Ciò rende sempre più difficile raccogliere denaro a sufficienza per coprire i costi a lungo termine e sopravvivere. Penso che sia piuttosto difficile con un investimento gestito di dieci milioni di euro.

TRADERS’: Si ricorda di un trade particolarmente positivo che ha effettuato nel suo conto privato?

Clenow: Certo, anche se è stato il classico successo casuale. Nel gennaio del 2015, volevo trasferire denaro dal mio conto svizzero in dollari USA per acquistare posizioni nella stessa valuta. Il mio broker voleva una commissione del tre percento per questo. Ho cercato di raggiungere qualcuno per negoziare, ma quel giorno non sono riuscito a trovare un contatto corrispondente. Pertanto, non ho potuto fare nulla e ho rimandato il tutto al giorno successivo. Il giorno seguente, il 15 gennaio 2015, ho avuto una sorpresa tangibile: la Banca Nazionale Svizzera aveva inaspettatamente alzato il tasso di cambio minimo nei confronti dell’euro. Quindi, non ho esitato a lungo e ho deciso di pagare una commissione del tre per cento per scambiare un prezzo che era circa il 15 percento più basso rispetto al giorno precedente. Se quello non è stato un buon trade… Sfortunatamente, questo non può essere replicato, quindi rimane solo una fortunata coincidenza.

L’intervista è stata condotta da Marko Gränitz

Marko Gränitz

Marko Gränitz è autore ed oratore nel campo della ricerca sul capitale di mercato e conduce interviste con trader in tutto il mondo. Sul suo blog, offre informazioni sulle nuove scoperte nella ricerca sul momentum e su altre anomalie dei ritorni.

www.marko-momentum.de