Se ti annoi, sei sulla strada giusta

Ultima ora

Eurodollaro, il massacratore di conti

Plauso della pazienza L’eurodollaro è il cambio di riferimento più negoziato a livello mondiale. Dominato da due grandi banche centrali, oggetto di...

I cinesi esultano, attenzione

Prima regola non perdere. Difenditi.   Il Payroll americano, annunciato di giovedì anziché di venerdì, per la festività dell’Indipendenza americana, ha...

Scelti per te

Procedure di Risoluzione di una Controversia

Cosa fare in caso di controversie con una banca o un broker? Molti problemi potrebbero già essere evitati con una...

Klaus Walczak Maestro dei brevetti

Klaus Walczak Klaus Walczak è gestore di fondi presso ARIAD Asset Management ad Amburgo. La società è specializzata in strategie...

LA STRUTTURA DELLA TENDENZA GLOBALE È IL MIO SEGNALE

Daniel Haase Nel 2010 Daniel Haase gestiva un proprio fondo azionario insieme ai suoi colleghi. L’anno precedente, il suo sistema...

I folli siamo noi?

Altra sera, negli ultimi 25 minuti di contrattazione, il future dell’S&P500, che si è mantenuto calmo e laterale per tutta la giornata, nel grafico a 5 minuti, ha fatto 5 belle candele rialziste.

Per pura curiosità, ho cercato nelle notizie finanziarie la ragione di questa euforia dell’ultima mezzora, e mi sono imbattuto in tre notizie che nulla avevano a che fare con quella reazione del mercato.

Leggo che Powell, il grande capo della FED, parla di grande incertezza sulla via del recupero dell’economia a causa del covid-19. E leggo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità dice che “the worst is yet to come”, il peggio deve ancora venire.

Nel contempo, subito dopo, leggo che la FED sta comprando tutti i bond delle aziende più grandi. E crescono, dice la notizia, le ragioni per chiedersi perché. Già, chissà perché.

Molte ragioni, insomma, per stare euforici. A consolare tutti, quarta notizia, le grandi banche mantengono il dividendo. E il mercato sale, anzi esplode di gioia.

Siamo alla follia lucida. I ricchi diventati sempre più ricchi esibiscono la loro ricchezza e il mercato sale. Senza capire che la disparità e l’ineguaglianza portata alle estreme conseguenze delle rivolte condurrà ad una crisi devastante che renderà tutti più poveri.

No, non senza capirlo. Senza volerlo pensare. Il rischio è rischio. E non c’è rischio finché il sistema è quello. È lucida follia? O i folli siamo noi?

È difficile dire dove sta la follia. Dopo 20 anni circa di studio di algoritmi, ho capito che la domanda non ha proprio senso. È folle colui che distorce la realtà. I mercati non sono né folli, né impazziti, né provano alcun sentimento. Sono una somma di numeri.

Per questa ragione, un modo saggio per affrontarli è il trading automatico. Con gli strumenti giusti, ovviamente.

Il 30 giugno scorso, su Traders’ Webinar, abbiamo mostrato gli strumenti giusti. Quelli progettati e realizzati apposta per questo periodo molto particolare della storia della finanza operativa. Il modo giusto per non chiedersi se il mercato è in preda alla follia, ma per impostare un metodo che ti fa guadagnare sul serio. Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

P.S.: Il mercato è una somma di numeri, so che è la negazione della informazione finanziaria. Quasi, la negazione dell’utilità delle notizie finanziarie. Ma di questo si tratta. Leggi le notizie, costruisci il quadro, valuta lo scenario. E poi fai trading con i numeri, con i sistemi consolidati, con i metodi certi. E annoiati, facendo trading, quando ti sarai annoiato potrai dire di essere sulla strada giusta. Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

Maurizio Monti

 

Editore TRADERS’ Magazine Italia

Articolo precedenteQuella bearish island sul Dow Jones
Articolo successivoSuccesso e Bancarotta

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

Happy borsa

Directa

Articoli Correlati