Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

L’S&P500, 1000 punti dopo …

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Non demordere.

Nel mese di giugno, e siamo a poco più della metà, la ricerca della parola “recession” (recessione) su Google è aumentata di 10 volte rispetto al febbraio scorso.

Indizio chiaro di che cosa si aspetta la maggior parte delle persone.

Il mercato azionario comincia a dare segni evidenti di essere fuori controllo. Quello che abbiamo visto negli ultimi 10 giorni assomiglia al 2008.

Le cause saranno pure diverse, ma la follia sui grafici, sui volumi, gli strappi sembrano quelli.

Nondimeno, la volatilità misurata dal Vix, l’indice che misura la volatilità implicita delle opzioni dell’S&P500, non è (ancora) andata alle stelle.

Come abbiamo spiegato in precedenti articoli, è ancora crisi di acquisti e di sostegno al mercato, mentre il panic selling, propriamente inteso, non è (ancora) arrivato.

Si è aggiunto un fenomeno curioso. Alle 3 del mattino, ora italiana, l’S&P500 comincia a crollare.

Mandando in crisi tutti i sistemi che tendono a vedere come in controtrend rispetto alla giornata e in trend statisticamente rialzista la sessione notturna sul Globex.

E’ abbastanza chiaro che si tratta di un orario che favorisce le manovre speculative.

E verrebbe da dire, come abbiamo sostenuto altre volte, per altre situazioni e altri mercati, che è un ottimo orario per qualcuno, dall’Asia, che abbia intenzione di accentuare l’evidente crisi che attanaglia le borse occidentali.

Visto che sono in crisi, diamogli sotto, sembrano dire.

Forse sono io che penso male, al momento non ho alcuna prova di questo: ma avrebbe una logica, ammesso che trovare una logica ai movimenti del mercato abbia ancora senso.

I supporti più importanti sono stati rotti in modo clamoroso. Si prospetta che i prossimi supporti inferiori sull’S&P500 siano 3580 e poi 3420.

Visto che subito dopo la metà di aprile la discesa è partita da 4500, stiamo parlando di qualche cosa di agghiacciante.

Avremo probabilmente, un’onda rialzista di breve durata, intermedia, quando sarà stato toccato un supporto più stabile, probabilmente uno dei due sopra, di qui alla fine di giugno, probabilmente già nella prossima settimana.

Dopo la scadenza tecnica del 15 luglio, e la breve ripresa da ultimo canto del cigno citata sopra, riteniamo che il clima possa ulteriormente peggiorare fino almeno alla metà di agosto. Vedremo quali sono i livelli possibili, ma sono da paura.

Non riusciamo a vedere, nell’orizzonte dei prossimi 60 giorni, qualcosa che possa cambiare la tendenza di fondo. Ovviamente ci auguriamo che non sia così e saremo felici di sbagliare.

Oggi è l’ultimo giorno di programmazione del webinar imperdibile su Wyckoff: 120 anni di storia che dimostrano la genialità del metodo.

Clicca per iscriverti e seleziona la sessione migliore per te.

P.S.: Non demordere. Se la crisi delle borse rende difficile il tuo trading, più che mai: non rinunciare a rafforzare la tua conoscenza e la tua cultura finanziaria.

Clicca per iscriverti e scegli l’orario migliore.

Ora c’è www.segnalidiborsa.com , la tua WebinarTV 24 ore, 365 giorni l’anno. È gratis, c’è sempre, quando tu lo vuoi e ti informa con un canale telegram di ogni nostro webinar che viene annunciato o pubblicato.

Hai quattro webinar contemporanei costantemente in onda, puoi scegliere i webinar in archivio per argomento, o ascoltare i nostri interventi dove siamo ospiti di altri.

Iscriviti al canale, sarai sempre sintonizzato con noi:

è un portale dell’Istituto Svizzero della borsa

 

Maurizio Monti

  Editore Istituto Svizzero della Borsa

Articolo precedenteQuanto è lungo un secolo?
Articolo successivoLa teoria del secondo dolcetto

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati