Vogliamo esserti sempre vicino e il nostro Customer Care risponde 24 ore 365 giorni l'anno. Per i tuoi quesiti di Cultura Finanziaria o per raccontarci la tua esperienza di trader o investitore chiama 0230332800 oppure manda un sms o un whatsapp al 3208756444 o manda una email a info@traders-mag.it

Situazione attuale e prospettive dell’universo delle criptovalute

Newsletter del settimanale

Ultima ora

Scelti per te

Analizziamo la situazione dell’universo delle criptovalute, composto da un numero crescente di ecosistemi, le sue attuali debolezze, minacce e punti di forza, e le opportunità che ci offre in futuro.

“Le reti utilizzano i bridge per mobilitare le criptovalute che, pur essendo le stesse, sono programmate in modi diversi nelle varie reti!”

Possiamo definire un ecosistema di criptovalute (cryptoasset o criptomonete) come l’insieme di interazioni, relazioni ripetute per raggiungere un fine, che si verificano in una comunità di utenti di questi asset (per i regolatori, beni immateriali, non valute) entro un certo ambito e che rispondono a due tipologie, alcune semplici guidate da Bitcoin, con una dominanza di mercato del 40,3% e altre complesse guidate da Ethereum, la cui dominanza dell’universo è del 21,3%. I detrattori dell’universo cripto, parte di regolatori, supervisori, governi e anche parte del mondo accademico, che costituiscono lo “status quo” consolidato, basano le loro critiche sull’eccessiva volatilità delle criptovalute e sulla speculazione che ne deriva, oltre allo spreco di energia che devono utilizzare per il loro sviluppo, nella mancanza di sicurezza dei sistemi decentrati e nel riciclaggio di denaro che in essi si aggira. Per questo ricevono critiche aspre, definendoli un “grande casinò finanziario”, un sistema dispendioso che aumenta il debito e distrugge l’economia produttiva, truffa i consumatori e mette a rischio l’integrità del mercato, una “bolla finanziaria” e alleati del capitalismo. Per tutti questi motivi, propongono di “regolare e vigilare proporzionalmente”, eliminare gli account anonimi, “gettare sabbia nelle ruote, per fermarlo”, ecc. Avendo ragione in molte delle loro valutazioni, commettono errori confondendo il semplice ecosistema di Bitcoin e la loro criptovaluta vuota BTC, con il resto dell’universo cripto. Fanno orecchie da mercante a ciò che trasmettono i grandi intenditori e specialisti di questi sistemi, come Tim Berners-Lee, Ora Lassila, ecc.

D’altra parte, gli estremi difensori della speculazione, del denaro facile, dell’“holding” (comprare e fargli raggiungere cifre astronomiche), gli “influencer” pagati dalle grandi corporation, i giovani (dipendenti dalle nuove tecnologie) che credono che speculare sia un nuovo modo di vivere e che gli studi universitari siano inutili, i nuovi “guru” dell’analisi tecnica, truffatori e “hacker” ecc., sono i rappresentanti più visibili di questi ecosistemi. Fanno anche errori gravi, hanno poca preparazione finanziaria, si lasciano guidare da persone che, se guardi in faccia, non presteresti loro un solo euro, non tengono conto delle “balene” che manipolano il prezzo degli asset e non sono a conoscenza di altri usi del cripto-universo e quali sono quelli veramente importanti.

DEBOLEZZE:
Scalabilità
: L’adeguamento degli ecosistemi al numero crescente di utenti e transazioni sta causando problemi reali non solo nella velocità delle transazioni ma anche nell’aumento delle commissioni (fees), che ha reso ecosistemi come Ethereum completamente collassati e accessibili solo ai grandi investitori e istituzioni. Ma i giorni di questo problema sono contati, poiché è stata l’ossessione di molti programmatori che hanno creato molteplici incredibili proposte di scalabilità. Ora non resta che decidere quali e quando verranno implementate. Il 14 novembre c’è stato un aggiornamento del software “soft fork” con l’implementazione dell’aggiornamento denominato “Taproot” nell’ecosistema Bitcoin, che, tra l’altro, ha fatto aumentare il numero di transazioni al secondo di un fattore 4, passando da 7 a 30, comunque ancora lontani dai 25.000 al secondo che VISA fa nel mondo. Esistono già reti come Solana che raggiungono le 60.000 transazioni al secondo, non senza problemi.

Interoperabilità: L’incompatibilità delle blockchain dei diversi ecosistemi produce un effetto negativo sulla mobilità delle criptovalute. Le reti utilizzano dei ponti (bridge) per mobilitarle, che pur essendo le stesse, sono programmate in modi diversi nelle varie reti. Sono state create anche monete come il “Wrapped Bitcoin” della rete Ethereum che emula il BTC di Bitcoin, un token ERC20 che fluttua proprio come il BTC, basandosi sull’immobilizzazione di questi nella sua catena nativa. Soluzioni complesse, costose e inefficienti. La naturale evoluzione dell’universo crypto, nella sua versione 4.0 di Polkadot, sta rendendo le reti “parachain” integrate nel suo ecosistema, tramite aste, scalabili e interoperabili. Le prime aste sono già avvenute e le prime reti sono già operative. Una barriera importante per la reale interoperabilità delle reti sono i diversi sistemi di chiusura dei blocchi, all’interno di ogni blockchain. Gli ecosistemi che si basano su prove di lavoro “Proof of Work”, come quella di Bitcoin, hanno un dispendio eccessivo di energia elettrica, in modo che i miner possano sviluppare gli algoritmi di chiusura. D’altra parte, altri protocolli, inclusa una parte di Ethereum, stanno passando a un sistema proof of stake con un piccolo consumo energetico, ma nel rispetto della sicurezza.

Sicurezza: Qui c’è un vero problema, che cresce di giorno in giorno, e al quale non sembra che gli sviluppatori stiano prestando la dovuta attenzione. Nonostante sia un sistema decentralizzato, l’incorporazione di sistemi “antimalware” potrebbe non essere molto complicato. In ogni caso, la migliore difesa contro gli attacchi alla sicurezza degli ecosistemi continua ad essere l’EDUCAZIONE FINANZIARIA, che, come abbiamo detto, si distingue per la sua assenza. Nonostante si stiano adottando misure contro alcuni attacchi alla sicurezza, ad esempio “Taproot” che risolve i problemi di malleabilità nella rete Bitcoin, non è possibile modificare le transazioni che si trovano nella memoria temporanea (mempool) o l’applicazione di “antiphishing” in Metamask wallet: c’è ancora molto da fare da parte degli sviluppatori per rendere l’universo delle criptovalute veramente sicuro. Un altro problema che si pone è quello del riciclaggio e del monitoraggio delle frodi, niente è più semplice che monitorare le chiavi pubbliche, poiché questo universo è privato, ma non anonimo, bloccando automaticamente il movimento delle stesse in modo che possano essere solo spostate e disposte come denaro fiat, per il quale sarebbe necessaria l’identificazione dell’utente.

“Con la versione WEB3 il potere passa all’utente, che è il proprietario dei suoi dati, rispettando il potere di comunicazione di leggere e scrivere su internet!”

Governance: Dobbiamo trovare un sistema, e lo stanno facendo gli sviluppatori, in modo che la governance dei protocolli sia più democratica e che non sia controllata dagli utenti che hanno più token.

Volatilità: Il BTC si è apprezzato parecchio fino a raggiungere il suo massimo, ma lo ha fatto con 10 correzioni, una al mese, che sono durate in media 12 giorni e che hanno significato in quei giorni una caduta media del 28%, con la più grande nel 50% e il maggior numero di giorni di ribasso di 25. In tutte queste correzioni le balene hanno comprato, per questo motivo l’80% degli investitori che sono venuti in questo mercato hanno perso soldi. Il numero di utenti è generalmente. I dati sulla volatilità per Bitcoin, che accompagna il resto delle criptovalute, non hanno senso. Un calo del 20% dei mercati azionari non è una correzione, ma un cambio di tendenza. Per questo motivo, la volatilità delle criptovalute deve essere mitigata in modo che questi sistemi siano davvero validi.

MINACCE:
Regolamento
: La paura di perdere il potere sulle economie e sulle persone, dei governi, dei regolatori come le banche centrali, degli organi di vigilanza e dei gruppi di pressione dei sistemi finanziari come le banche, per la concorrenza delle criptovalute sta facendo apparire nuove minacce come la regolamentazione, divieti, centralizzazione (emissione di valute digitali), ecc. Non c’è dubbio che in futuro le valute legali dovranno competere con le criptovalute per essere nei portafogli degli utenti. Queste organizzazioni dovrebbero vedere il lato positivo della nuova tecnologia e unire le forze con essa per costruire un mondo migliore, più democratico, libero ed efficiente. Le banche, che registrano profitti ma anche perdite di posti di lavoro e chiusure di uffici, fanno pressione sulle autorità monetarie per impedire lo sviluppo dell’universo crittografico. Pensano solo a sviluppare sistemi basati sulla blockchain ma centralizzati e controllati da loro, portafogli e prodotti centralizzati, che investiranno nell’universo, per continuare con le loro commissioni di intermediazione e profitti crescenti. La loro politica dovrebbe puntare a considerare l’universo delle criptovalute come un’opportunità e non come una minaccia.

Moneta elettronica centralizzata: Emessa dalle banche centrali non sarà una soluzione, esiste già, l’unico obiettivo è controllare chi ne fa uso.

Centralizzazione nascosta: Questa è una vera minaccia che già esiste e che fa perdere a questo universo delle criptovalute l’essenza per cui è stato creato, il decentramento. Organizzazioni come Binance negli exchange centralizzati “CEX”, come Open Sea negli NFT, o alcune banche o organizzazioni che controllano i nodi della rete Bitcoin Lightning, fanno perdere questa caratteristica, senza la quale questi ecosistemi non hanno senso.

PUNTI DI FORZA:
Il decentramento, la democratizzazione, la libertà, l’efficienza, il fatto di essere open source e il minor costo rendono inarrestabile questo nuovo paradigma di innovazione tecnologica se le cose sono fatte bene. Inoltre, altre tecnologie in fase di sviluppo, come l’intelligenza artificiale, l’internet delle cose, le comunicazioni 5 e 6 G, la realtà virtuale e la realtà aumentata, la robotica, ecc. sono un complemento perfetto per la tecnologia della “blockchain” da sviluppare a beneficio dell’umanità.

“Dobbiamo cercare un sistema, e gli sviluppatori lo stanno facendo, in modo che la governance dei protocolli sia più democratica!”

OPPORTUNITÀ:
DEFI
2.0: Evoluzione naturale della Finanza Decentralizzata, dove gli utenti non devono più fare interessi composti e dove la liquidità viene trasferita al protocollo, che è ciò che fornisce liquidità ai “pool”.

WEB3: Lo sviluppo dell’ecosistema Ethereum ha portato con sé un cambiamento sostanziale nell’evoluzione dell’universo cripto. Ha incorporato la sua macchina virtuale “EVM”, un computer decentralizzato nei nodi, con un proprio linguaggio di programmazione chiamato “solidity” che ha portato allo sviluppo di applicazioni decentralizzate in diversi livelli (“layers”) del suo ecosistema (“DAPPS”) che si collegano con smart contract che sono registrati nella blockchain. Questo progresso tecnologico è ciò che ha reso l’universo delle criptovalute davvero prezioso. È così che sono stati sviluppati i token, criptovalute diverse da quelle native degli ecosistemi, che possono essere finanziarie, come quelle che si trovano nella Finanza Decentralizzata “DEFI”, o di utilità, come gli NTF. Ciò ha portato alla naturale evoluzione di internet da una versione WEB1, in cui era possibile solo leggere, sebbene il potere fosse nelle mani degli utenti, ad una versione WEB2 in cui era già possibile leggere e scrivere, una comunicazione totale, ma in cui il potere era nelle mani delle grandi aziende tecnologiche, sebbene facessero credere che la proprietà dei dati appartenesse all’utente. Ora con la versione WEB3 il potere passa all’utente, che è il proprietario dei suoi dati, rispettando il potere di comunicazione di leggere e scrivere su internet.

METAVERSO: Implica portare il mondo reale alla realtà virtuale nel cloud, supportato da WEB3 e da elementi di realtà aumentata, etimologicamente significa “universo trascendente”, e ha determinate caratteristiche: persistenza o continuità, la sua enorme scala o moltitudine di partecipanti in tempo reale, accessibilità su qualsiasi dispositivo e interoperabilità, ovvero la stessa identità e asset, e infine l’economia virtuale e il suo grande impatto sociale. È una rete di ambienti paralleli, sempre attivi che compongono una vita parallela in tre dimensioni, a cui si accede con avatar. Tale è l’importanza del Metaverso che le più importanti società tecnologiche, Facebook (che ha persino cambiato nome in Meta), Google o Apple e molti altri come Nvidia, ecc., non hanno tardato a realizzare sviluppi in questo spazio.

In breve, i settori che stanno applicando l’universo delle criptovalute alle loro strutture stanno notando i miglioramenti e i progressi che questo sta portando.

  • Nel settore delle imprese, soluzioni di tracciabilità della sicurezza alimentare, monitoraggio dell’impronta di carbonio, autovalutazione del rischio, archiviazione dei dati, catena logistica, soluzioni di garanzia digitale, autorizzazione e struttura aziendale.
  •  Nel settore dell’arte, gli autori stanno recuperando i loro beni, ora nelle mani di grandi distributori e produttori. Un caso particolare è la musica, dove i compositori hanno ottenuto solo il 10% dei profitti dalle loro creazioni, mentre le etichette discografiche hanno mantenuto il 45% e il resto i grandi distributori online. Ora è possibile produrre e distribuire le tue canzoni, mantenendone la proprietà, tramite utility token o NTF.
  •  Il Real Estate, dove vengono tokenizzati immobili domestici o aziendali, che consente finanziamenti rapidi e diversificati.
  • La formazione, che sta cambiando il modo di monitorare i processi di valutazione, le lauree, ecc., e soprattutto sta cambiando il modo di insegnare, passando dai saperi tradizionali al futuro del conoscere e del partecipare.
  •  e tanti altri…

L’universo delle criptovalute è qui per restare, le criptovalute sono un sottoprodotto della tecnologia blockchain, dove ciò che è veramente importante è la tecnologia stessa. Quello che in breve tempo non viene riciclato nelle necessarie conoscenze, rimarrà obsoleto. Non è possibile imporre limiti.

“Lo sviluppo dell’ecosistema Ethereum ha determinato un cambiamento sostanziale nell’evoluzione dell’universo cripto!”

Diego Barbadilla

Diego Barbadilla è professore, collaboratore esterno e docente del Master in Economia Bancaria presso l’Università di Siviglia, co-dirige l’Aula di Borsa di detta Università, è autore del canale youtube: youtube.com/c/DiegoBarbadillaMesa  di economia finanziaria e ha una vasta esperienza nel settore finanziario, dove ha lavorato per più di 40 anni. diegobarbadilla@us.es

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, di TRADERS’ Magazine

Webinar: clicca per iscriverti gratis

Articoli Correlati