Verso il 16 luglio: un minimo o un massimo?

Ultima ora

L’Italia del futuro? è questa

Il prossimo miracolo economico    Già, il futuro. E chi è in grado di prevederlo? Disegnare scenari, questo è possibile. E pensare...

Che cosa ci racconta il Vix

Venti anni in un grafico Nel periodo a ridosso della grande crisi delle dot.com, il Vix, l’indice della volatilità, noto anche come...

Scelti per te

Uscire dal triangolo

Le strategie semplici possono avere molto successo I triangoli sono fra gli schemi più comuni nel trading. Scoprite i fondamentali...

Ecco come i professionisti guadagnano con i premi al rischio sulla volatilità

Marc Gerritzen La volatilità è una classe di asset molto giovane che attira sempre più investitori in confronto alle equity,...

Procedure di Risoluzione di una Controversia

Cosa fare in caso di controversie con una banca o un broker? Molti problemi potrebbero già essere evitati con una...

La Cultura, quella giusta

L’indice Dow Jones presenta interessanti considerazioni da fare, relativamente ai movimenti di mercato delle ultime settimane.

Abbiamo fatto cenno in un precedente report, che nei giorni compresi fra il 5 e il 10 giugno si era verificata una “bearish island”, che risulta molto evidente dal grafico dell’indice (non del future, stiamo prendendo a riferimento l’indice Dow Jones).

Fra il 24 giugno e il 2 luglio si è verificata una seconda “Bearish Island Reversal”, esattamente simmetrica nella forma rispetto al primo movimento. La candela del 2 luglio nel suo massimo ha colmato il gap down del 24 giugno ma la chiusura è stata inferiore all’apertura del 24 giugno. Così, la seconda figura di isola ribassista è ancora valida.

Come anticipavamo la settimana passata, nell’analisi di domenica scorsa 28 giugno, i nostri algoritmi temporali vedono un punto di inversione nell’area del 16 luglio più o meno quattro giorni, con un minimo o un massimo che dovrebbe verificarsi in quei giorni e una inversione conseguente. Quella potrebbe essere una buona occasione di ingresso.

L’inversione ha una probabilità del 67% di verificarsi all’interno di quel timing con la massima probabilità nei giorni 15-16-17 luglio. A seconda che si crei un minimo o un massimo punteremo sull’inversione, long o short rispettivamente.

Come previsto, la settimana trascorsa non ha dato origine a movimenti significativi: dopo il minimo del 26 giugno i mercati hanno recuperato, ma con ben diversa forza per ciascuno dei tre indici principali americani.

Prendendo a riferimento il range massimo-minimo 16-26 giugno il Dow Jones ha recuperato meno della metà, l’S&P500 quasi tutto il range, mentre il Nasdaq ha fatto i suoi immancabili nuovi massimi storici.

Il nostro algoritmo ha assegnato una buona probabilità che possa trattarsi di una divergenza a cui attribuire una certa importanza.

Sull’S&P500 future, se nell’area del 16 luglio ci sarà un minimo, gli scenari possibili sono che si vada a ritestare l’area 2950, mentre la rottura di quell’area aprirebbe a 2788 o 2718. Se si tratterà di un massimo 3155, 3193 e 3234 sono le resistenze da affrontare. Un massimo sopra 3234 punterebbe addirittura cento punti ulteriori sopra a 3334.

L’algoritmo assegna maggiore probabilità alla formazione di un minimo, piuttosto che di un massimo, ma la differenza fra i due scenari in termini probabilistici è irrilevante, anche tenuto conto del sostegno continuo che arriva ai mercati.

Le chiusure del 2 e del 3 luglio (quest’ultima con volumi e orari limitati a causa della festività americana dell’indipendenza) hanno dimostrato che il livello 3133 è stato sentito dal mercato: non per niente esso rappresenta l’87.50% del range 16-26 giugno che abbiamo preso a riferimento. Ricordo che l’87.50% è il livello a cui i nostri algoritmi attribuiscono alcuni punti di probabilità di inversioni almeno temporanee.

La differenza probabilistica che assegna l’algoritmo a favore della formazione prossima di un minimo, piuttosto che di un massimo, è dovuto anche alla tenuta di questa resistenza. Anche, ma non solo, ovviamente.

Martedì 7 luglio scorso, su Traders’ Webinar I Martedì della Borsa abbiamo analizato i mercati con il metodo di Scelta Vincente e la collaborazione di Giorgio Pallini. Abbiamo esaminato i mercati azionari, oro e petrolio, e i principali titoli di Borsa Italiana sui quali puntare, rispondendo come di consueto alle richieste del pubblico. Un’ora di Cultura finanziaria da condividere da casa, dall’ufficio, dalla spiaggia o dal luogo di vacanza.. Approfitta del riposo, se ne stai godendo, è il momento in cui la tua mente è più che mai pronta e ricettiva per arricchire la tua conoscenza. Iscriviti e vedi la registrazione.

 

P.S.: L’analisi di scenario ci aiuta a capire. Il trading è fatto di metodi, di sistemi: in definitiva di noia assoluta, dovuta alla ripetitività. L’analisi, sempre variabile, pressoché infinita nei suoi possibili dettagli, ci dà lo sprint e il carburante della passione per vestire quella noia. Questa è l’impostazione che ti suggerisco: contenuti, cultura, conoscenza. E metodi, sistemi replicabili. Seguendo i professionisti giusti e non ascoltando tutte le chimere che trovi ovunque: i social ne sono pieni in questo momento, ma tu hai la Cultura giusta per sapere scegliere. Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

 

 

Maurizio Monti

 

Editore TRADERS’ Magazine Italia

Articolo precedenteSuccesso e Bancarotta
Articolo successivoI cinesi esultano, attenzione

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

ATFX

Directa

Articoli Correlati