Lucrativo a tutto tondo (5° parte)

Ultima ora

L’Italia del futuro? è questa

Il prossimo miracolo economico    Già, il futuro. E chi è in grado di prevederlo? Disegnare scenari, questo è possibile. E pensare...

Che cosa ci racconta il Vix

Venti anni in un grafico Nel periodo a ridosso della grande crisi delle dot.com, il Vix, l’indice della volatilità, noto anche come...

Scelti per te

Uscire dal triangolo

Le strategie semplici possono avere molto successo I triangoli sono fra gli schemi più comuni nel trading. Scoprite i fondamentali...

Ecco come i professionisti guadagnano con i premi al rischio sulla volatilità

Marc Gerritzen La volatilità è una classe di asset molto giovane che attira sempre più investitori in confronto alle equity,...

Procedure di Risoluzione di una Controversia

Cosa fare in caso di controversie con una banca o un broker? Molti problemi potrebbero già essere evitati con una...

IL SISTEMA DI OPZIONI “PROFITTEVOLE” ( 5 Parte )

Il Massimo Profitto

Nell’ultima parte (TRADERS ́ 01/2019; disponibile nel nostro shop on-line all’indirizzo www.traders-mag.it) ci siamo occupati di Covered Call Writing e abbiamo visto che i certificati di sconto hanno un effetto simile per gli investitori. Questa volta stiamo parlando di un altro tipo di prodotto d’investimento che permette agli investitori privati di beneficiare delle strategie dei trader di opzioni professionali senza dover operare su una borsa dei future.

Certificati Discount Call invece di Bull Call Spread sulle borse dei future
In termini generali, i certificati discount (denominati da alcuni emittenti “capped warrant”) sono degli spread verticali delle opzioni, ossia una combinazione di opzioni acquistate e vendute contemporaneamente sullo stesso sottostante con condizioni identiche ma con prezzi di esercizio diversi. Un’opzione call a prezzo scontato consiste in un’opzione call acquistata e un’opzione call venduta allo scoperto (sottoscritta) con un prezzo di esercizio più elevato rispetto al prezzo base (strike). L’acquisto simultaneo e la vendita allo scoperto di opzioni si traduce in un prezzo matematicamente più favorevole per l’opzione acquistata.

Invece di formare un tale spread mediante opzioni su una borsa dei future, i certificati discount sono adatti come prodotti pronti per gli investitori privati. Il vantaggio, anche in questo caso, è il prezzo più basso rispetto ad un classico mandato con lo stesso strike e lo stesso termine. Tuttavia, non solo i prezzi delle due posizioni di opzioni sono compensati tra loro, ma anche la sensibilità delle opzioni alle variazioni dei relativi fattori di prezzo interagiscono tra loro.

A causa dell’effetto compensativo delle posizioni in opzioni opposte, i certificati discount sono molto più robusti rispetto ai classici certificati contro le fluttuazioni dei prezzi sottostanti, le variazioni di volatilità e la diminuzione della durata residua.

Uno svantaggio teorico, tuttavia, è rappresentato dal cap. A causa della sua particolare composizione, si trova posizionato al livello del prezzo di esercizio dell’opzione venduta a vuoto. Nel caso di un certificato discount call, l’importo massimo risulta quindi dalla differenza tra il cap e il prezzo base, tenendo conto del rapporto di sottoscrizione.

Minori spese in conto capitale con la possibilità di rendimenti elevati
Ma questo limite di profitto è davvero uno svantaggio nella pratica? Per rispondere a questa domanda, tutto quello che dovete fare è guardare l’obiettivo di prezzo del vostro trade. Immaginate, per esempio, che vi aspettate che i prezzi DAX aumentino verso la fine dell’anno. Solo se ritenete che il DAX supererebbe i 12.900 punti, un cap a questo prezzo sarebbe uno svantaggio per la vostra strategia. Se non lo credete, potreste ridurre significativamente le vostre spese in conto capitale utilizzando una call a sconto con un limite massimo di 12.900 punti invece di una classica call-option note e quindi migliorare notevolmente le vostre prospettive di rendimento. Si rischierebbe anche meno capitale.

Esempio
Con un livello DAX di circa 12.400 punti la mattina del 26 settembre 2018, una classica opzione call DAX con un prezzo di esercizio di 12.400, cioè al prezzo di costo, e una data di scadenza del 18 gennaio 2019 (rapporto di sottoscrizione di 1/100) costa 3,75 euro. Un’obbligazione con le stesse caratteristiche e un limite massimo di 12.900 punti costa solo 2,35 euro contemporaneamente, ossia il 37% in meno.

Profitti con prezzi che corrono lateralmente o leggermente decrescenti
Ricordate l’esempio precedente in cui vi aspettavate un DAX in crescita verso la fine dell’anno? Se siete convinti che il DAX è in aumento, probabilmente non pensate che diminuirà del 10% in questo periodo. Di conseguenza, sarebbe molto più sicuro usare un prodotto che fa profitti quando il DAX non cade del dieci per cento o più. Se avete l’opportunità di fare trading su una borsa future, in uno scenario di questo tipo potreste guadagnare un premio con un put spread bull.

Il trader vende un’opzione put con un prezzo di esercizio superiore a quello delle opzioni put acquistate a scopo di copertura. Il rischio è quindi limitato alla differenza tra i due prezzi di esercizio meno la raccolta premi (moltiplicata per l’entità del contratto).

Ma anche senza la possibilità di sottoscrivere opzioni su una borsa dei future, è possibile assumere una posizione economica comparabile. Questo è possibile acquistando certificati discount call che sono di gran lunga più profittevoli. Ciò può portare a profitti anche se il livello dei prezzi del sottostante rimane invariato e, in una certa misura, anche se il prezzo del sottostante scende. Le perdite sono causate da queste note solo quando il prezzo sottostante scende al di sotto del massimale. Una perdita totale si verifica solo quando viene raggiunto il prezzo sottostante. Tuttavia, questo cuscinetto di sicurezza viene acquistato con un limite di profitto. Se il DAX dovesse aumentare bruscamente, il rendimento potenziale dei prodotti più offensivi che richiedono un movimento di prezzo dell’attività sottostante per raggiungere il breakout sarà significativamente più alto.

Esempio
Con un livello DAX di 12.400 punti al mattino del 26 settembre 2018, un discount call con un prezzo di esercizio di 10.600 e un limite massimo di 11.100 (data di scadenza: 18 gennaio 2019) costa 4,73 euro. Nel caso in cui il DAX superi gli 11.100 punti alla fine del termine (un buffer di circa il 10% al prezzo corrente), l’obbligazione sarà rimborsata a cinque euro. Il risultato è un rendimento del 5,7% in circa 3,5 mesi (annualizzato: circa il 20%). Solo un livello di DAX inferiore a 11.100 alla fine del termine comporterebbe perdite e solo un livello di DAX di 10.600 punti o meno comporterebbe una perdita totale.

Degno di nota, tuttavia, è il rapporto rischio/rendimento (RRR) molto sfavorevole. Il trader rischierebbe 473 euro per un profitto potenziale di 27 euro se acquistasse l’obbligazione. Con un investimento via ETF o CFD, un guadagno di 27 punti DAX dovrebbe essere facilmente raggiungibile con un RRR molto migliore. Quindi, non si rischiano 473 punti DAX per guadagnare 27 punti DAX. Con un obiettivo di profitto di 27 punti, lo stop-loss dovrebbe essere generalmente molto più ristretto. Naturalmente, è possibile impostare uno stop loss anche per i certificati discount, rendendo improbabile una perdita totale del capitale investito.

Il chiaro vantaggio dello sconto rispetto ad un classico investimento long, tuttavia, è la probabilità di vincita significativamente più alta, e questo non è coperto dal RRR. La discount call porta a profitti anche se il DAX non sale o addirittura scende leggermente. Al contrario, una classica posizione long porta a guadagni solo se il prezzo si muove nella direzione desiderata. Si dovrebbe anche tenere presente che gli investimenti classici spesso raggiungono i loro RRR favorevoli attraverso stop ristretti. Tuttavia, questo può portare ad una situazione in cui si viene fermati più volte prima di realizzare un profitto. Il RRR non dovrebbe quindi essere l’unico parametro di valutazione di un’operazione. In particolare con prodotti che generano ritorni laterali, la probabilità che un’operazione di trading vinca o perda può essere molto più significativa.

Conclusione
In questa parte avete imparato come implementare strategie di opzioni più complicate e professionali con uno strumento più semplice: il certificato discount. Così si può semplicemente acquistare un certificato discount invece di formare un bull call spread sul mercato dei future.

Alexander Mantel è considerato un esperto nel settore dei derivati. Oltre alla sua attività di trader indipendente e autore freelance, l’avvocato fornisce consulenza sullo sviluppo di nuovi prodotti e piattaforme di trading. Fornisce la sua esperienza non solo a banche e broker, ma anche agli investitori in sessioni di coaching individuali.
traders@alexandermantel.com

Abbonati a Traders' Magazine Italia

A partire da 63€/10 mesi

Riceverai ogni mese la versione digitale, cartacea o Twin (cartacea+digitale) di TRADERS’ Magazine

Webinar

UniCredit

ATFX

Directa

Articoli Correlati