Le distorsioni della mente

Gentilissimi, ho sbagliato.

Chi ha assistito al webinar di 06 novembre scorso, con Daniele Lavecchia e il sottoscritto, ed è restato fino alla fine, mi aveva sentito annunciare il webinar di 7 novembre con Andrea Carosi.

Errore, signori.. Il webinar con Andrea Carosi si è svolto l’ 11 novembre. Ma la cosa fantastica è che il 7 novembre, scorso, avevamo comunque il nostro incontro serale con la Cultura finanziaria di altissimo livello. Infatti, abbiamo ospitato Francesco Lamanna, con una novità eccezionale.

Errare è umano, e questo mi permette di fare una piccola digressione sugli errori, sui lapsus, sulle distorsioni della mente.

Andrea Carosi era previsto nelle iniziali intenzioni per la giornata di 7 novembre scorso. E Francesco Lamanna per la giornata di 11 novembre. Poi, si sa, questi sono personaggi impegnati … e così il palinsesto finale è stato modificato, invertendo la programmazione.

La mia mente aveva registrato la prima informazione, sbagliata, e messo in subordine quella giusta.

Questo meccanismo mentale è spesso una delle cause di errore quando si opera con il trading e si voglia ammettere di avere una componente discrezionale. La nostra mente fa associazioni pericolose, riferendosi a operazioni consimili che consimili non sono presenti nella nostra memoria.

E l’elemento pericoloso del trading discrezionale è proprio questo: le distorsioni che il nostro cervello crea per accorciare e velocizzare il più possibile il processo mentale.

Questa è la ragione fondamentale per utilizzare metodologie di trading basate su scienza e statistica. Perché non dobbiamo ragionare, non più di tanto, dobbiamo applicare delle regole. Noioso? Forse, ma produttivo e redditizio.

Insieme con Francesco Lamanna, giovedì 7 novembre scorso, abbiamo esaminato il metodo VedaForex, applicato in alcuni servizi e corsi di altissima qualità offerti ai nostri abbonati.

Soprattutto, abbiamo visto, in continuo sul grafico, le operazioni di entrata e uscita che il metodo suggerisce: e di come i trader perdenti siano le prime vittime di questo metodo, che va ad acchiappare gli stop dei perdenti per entrare in posizione. Un po’ come fanno gli istituzionali … ed ecco perché il metodo vince e batte i mercati.

Ti aspetta una grande serata di Cultura Finanziaria di altissimo livello: clicca qui sotto per iscriverti e vedere la registrazione. Stavolta l’informazione è giusta.

 

P.S.: A me non piace di mostrare conti di trading reali in diretta. Noi dobbiamo fare Cultura e non eccitarci dai grafici che si muovono o da conti che accumulano profitti. Ma per dovere professionale, l’Istituto Svizzero della Borsa, con il suo staff, deve indagare sul metodo proposto dagli autori … e alle volte sono gli autori stessi che ci mostrano i loro conti.

Nel caso di Francesco, il suo conto è gestito con un tenore professionale unico. E con il suo metodo, letteralmente, decide quanto guadagnare. Perché una cosa formidabile del suo metodo è che è applicabile a tutti i time frame da quello a un minuto a quello settimanale. E conseguentemente può decidere di fare poche operazioni molto selezionate, piuttosto che fare più operazioni, anche intraday. Questo significa che stiamo parlando di un metodo che è adattabile a tutti i profili di trading. E che permette di fare rendimenti anche a tre cifre. Dipende da te: quanto vuoi guadagnare? Clicca per rispondere alla domanda.

Maurizio Monti

 

Editore TRADERS’ Magazine Italia