Con questa settimana appena conclusa è terminato anche il primo mese del 2019. Gennaio viene archiviato come un bel mese rialzista e ora diamo il benvenuto a febbraio che in dote ci porta già i nuovi target che il mercato dovrà raggiungere. Senza fare il doppione dell’articolo di settimana scorsa confermo su Fib e Dax gli stessi livelli e la stessa operatività dati nell’articolo precedente, ricordo solo il 19600 di Fib che è livello molto importante, su Dax è 11000. Per “vedere” che le cose vadano nella direzione stimata bastano questi livelli a farci da supporto, non dovrebbero essere ceduti.

Questa settimana vorrei porre l’attenzione invece sugli “alert” che mi sono arrivati dal mio indicatore Tik Tok su parecchi titoli azionari. NON è un indicatore di segnali di acquisto secco, ma è appunto un allarme, un avviso che le azioni sono diventate interessanti. Fra i titoli più “blasonati” il Tik Tok mi segnala Telecom di cui riporto il grafico in figura 1. Su questo titolo è partito il Buy avendo “brekkato” il suo livello di “Open Long”.

F1) Telecom Italia

Telecom Italia, è scattato il segnale di acquisto generato dal mio indicatore Tik Tok. Fonte: dati Bull & Bear Finance

 

Un altro titolo interessante entrato nell’area di supporto del Tik Tok è BPM. Dopo aver segnalato perfettamente l’area di Short ecco che adesso scatta l’alert sull’area di Long. Il segnale non è ancora stato confermato ma per i “più aggressivi” come me, dico che anticipo il segnale vero e proprio rischiando appunto un ingresso anticipato con stop sul minimo, poco sotto, che oltretutto creerebbe un doppio minimo che come risaputo in analisi tecnica è un segnale di acquisto. Vedasi figura 2.

F2) Banco BPM

Banco BPM, il prezzo ha raggiunto l’area di supporto dell’indicatore Tik Tok, NON è scattato ancora il segnale di ingresso, è scattato l’allarme per ora ma io rischierò un ingresso anticipato. Fonte: dati Bull & Bear Finance

 

In una situazione simile si trova Unicredit, figura 3. Si vede chiaramente che il titolo ha già provato il rialzo ma è fallito. Ora pure lui si appresta al “Doppio Minimo”, bello, dentro l’area di supporto del Tik Tok. Anche qui provo long anticipando il vero segnale di ingresso con uno stoploss da pagare molto contenuto.

 

F3) Unicredit

Unicredit, pure questo titolo azionario è tornato a testare l’area supportiva del Tik Tok. Anche su questo titolo rischio un ingresso anticipato avendo uno stoploss molto limitato. Fonte: dati Bull & Bear Finance.

 

Questi non sono gli unici titoli azionari del FTSEMIB ad essere nell’area di supporto. Il segnale di alert mi è scattato anche su Bper, e altri titoli minori come Safilo. E’ scattato anche su Class Editori e D’amico ma si sa che questi titoli hanno anche dei “problemi societari” per cui qui si deve essere maggiormente prudenti.

A proposito dell’indicatore Tik Tok, mi sono giunte diverse richieste per poterlo testare. Come sapete io non sono molto “social” e le “mie cose” sono poco propenso a diffonderle. Qui però ho deciso di fare uno strappo alla mia regola. Per la prima volta metterò a disponibile per chi lo volesse provare in una versione limitata ma perfettamente funzionante e gratuita un mio indicatore funzionante però solo ed esclusivamente su Multicharts e sarà disponibile per il download dopo la metà di febbraio circa. Per chi fosse interessato tenga sotto controllo la pagina “home” del mio sito, lì ci metterò le informazioni relative.

Buon trading a tutti.

Bruno Prelli

Bruno Prelli, mi avvicino ai mercati finanziari nel 1993 che da allora seguo costantemente e opero per gestire i miei investimenti. Ho partecipato a diversi concorsi fra cui le 2 edizioni della TRADERS’ Cup ottenendo un secondo posto nel 2014 sulle azioni e il primo posto nell’edizione 2015 sezione algotrading. Seguo costantemente i future sugli indici azionari e sulle azioni italiane. Attivo sui social o tramite il mio canale www.privatetrading.it