Per offrirti il miglior servizio possibile il sito Traders' Magazine Italia utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Autorizzo
ABBONATI A TRADERS´

 



Fare trading sul mercato laterale: i consigli di Money.it

8 novembre 2017

Riceviamo da Money.it e pubblichiamo per i nostri lettori.

È possibile fare trading sul mercato laterale? I consigli di Money.it per sfruttare al meglio anche questa fase.

Fare trading su un mercato laterale è un’operazione piuttosto delicata, che impone la massima attenzione e la massima razionalità.

I consigli di Money.it hanno lo scopo di chiarire cosa può accadere in un mercato privo di direzione, ossia in un mercato laterale, il tutto per evitare o limitare le perdite di chi decide comunque di investire.

Sì, fare trading su un mercato laterale è possibile, ma ci sono diverse considerazioni da tenere a mente e diversi ostacoli da superare. Il consiglio principale, comunque, è sempre quello di prestare la massima attenzione nel momento in cui mettiamo mano al portafogli.

I concetti base
Il mercato laterale presenta profonde e fondamentali differenze rispetto ad un mercato in trend. Nel primo caso, infatti, il prezzo non segue alcuna direzione di fondo, né al rialzo né al ribasso, il che impone ancor più cautela del solito.

Molti strumenti vengono meno quando ci si trova davanti ad un mercato in fase laterale. In una situazione di congestione, ad esempio, le medie mobili risultano difficili da utilizzare poiché forniscono soltanto falsi segnali.

Tra l’altro, molto spesso il trading in mercato laterale viene confuso con il trading determinato dal mercato laterale. Alcuni trader, infatti, preferiscono studiare a fondo la fase di “congelamento” in modo da investire solo in seguito all’esaurimento della stessa e dunque solo al comparire del trend.

L’identificazione del mercato
Il primo consiglio per evitare le perdite è quello di determinare con attenzione se vale davvero la pena fare trading su quel mercato laterale o no. Se i “sideways market” rientrano in un trading range, ossia se oscillano tra due livelli di supporto e resistenza ben definiti e distanti, allora può valerne la pena.

Quando il trading range è ben definito, il trader ha maggiori probabilità di identificare i punti di entrata o di uscita e riesce ad osservare i segnali in modo più chiaro. Solo in questo caso potrebbe convenire investire su un mercato laterale.

Se invece il prezzo considerato sta semplicemente sbandando, allora il trading diventa molto più rischioso e può portare a perdite indesiderate. Nel momento in cui ci troviamo di fronte a quello che viene definito come “choppy market”, ossia un mercato decisamente instabile, la fase laterale diventa pericolosa: potrebbe non convenire spostare il proprio denaro, poiché la distanza tra punti di inversione non sarà sufficiente e non permetterà di ottenere un buon rapporto rischio/rendimento.

Ma come faccio a determinare se un mercato è choppy o si sta muovendo in un trading range ben definito? La maggior parte degli esperti consiglia di considerare l’intero grafico daily, in modo da avere un quadro generale più chiaro.

Attenzione alle false rotture
Nel momento in cui ci si trova davanti ad un mercato laterale ben definito, e soprattutto poco rischioso, la scelta sta nelle mani del trader. Una delle strategie spesso utilizzate in questi contesti è l’attesa delle false rotture del trading range, che spesso portano il prezzo verso la direzione opposta, ossia verso l’altro estremo del range.

Molte persone cercano di fare trading sulla rottura di un trading range, cosa che comporta la perdita di denaro. In questo caso, il miglior approccio potrebbe risultare quello contrarian. Perché non operare sul range scovando false rotture e cavalcando la loro onda?

Di fronte ad un breakout legittimo, il prezzo esce dal trading range e rimane fuori dal canale per diverso tempo. Durante questo periodo comunque tenta di ri-testare il livello da cui è uscito: se non ci riesce significa che lo stesso livello ha tenuto e la rottura è effettiva.

Le false rotture, insomma, possono essere sfruttate a proprio favore nel momento in cui un mercato si trova in fase laterale. Anche in questo caso, però, la prudenza deve accompagnare ogni singola mossa del trader.

Non sempre fare trading su un mercato laterale può essere considerata una scelta azzeccata. Molto spesso, infatti, l’instabilità dello stesso può rivelarsi fatale e le perdite possono risultare dolorose.

Dalla Redazione di TRADERS’



EVENTI
Treviso c/o Best Western Premier BHR in Via Postumia Castellana, 2 Quinto di Treviso 

TOP TRADER Tour, Treviso
Futures, opzioni, azioni, certificati. Gli strumenti di trading e di investimento raccontati dai Top Trader dall’Italia e dal mondo. Massimo Vita e Riccardo Guidi grandi protagonisti di una giornata dedicata alla formazione di alto livello per il trading e l'investment.

inizio: 01/12/2017 08:30


Seguici su Youtube 

 

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su nuovi articoli, riviste ed eventi



Iscriviti alla newsletter

Ultimo numero

Traders' Numero 10 - Ottobre 2017FIDArating Analysis: Finanza Dati Analisi INTELLIGENZA ARTIFICIALE e TRADING SYSTEM Coverstory: Perché il tradi...

Ultimo numero

Investors'INVESTORS’ Magazine
La rivista per l'investitore, il risparmiatore, il promotore e il consulente finanziario.

Investors'

La frase celebre 

 

Shop

Accedi alla sezione Shop di Traders' Magazine
Seleziona una categoria oppure utilizza la ricerca per trovare i tuoi prodotti

Shop

Archivio

Consulta l'archivio di Traders' Magazine
Seleziona l'anno e la rivista di tuo interesse

Archivio

Made by Imprimis

 
TRADERS' e' la guida perfetta per coloro che guardano al trading professionalmente
La rivista più diffusa e letta in Europa, ora è finalmente arrivata anche in Italia
INVESTORS’ porta in Italia la grande Cultura europea del risparmio gestito
Consulta l'archivio di Traders' Magazine
Non perdere gli eventi organizzati da Traders' Magazine
Accedi alla sezione Shop di Traders' Magazine